LETTERINA DI UN BAMBINO AL SUO PAPA'


Caro papino
oggi è stato il mio primo
giorno di scuola
per me un esperienza nuova.
Sai la mamma piangeva tantissimo
e io le stringevo la mano
volevo farle capire
che non doveva preoccuparsi per me
li potevo avere nuovi amici
e poi stavo diventando grande.
Caro papino avresti dovuto vedere
quanti schiamazzi
giù nel cortile della scuola
eravamo tutti felici,
poi è suonata la campanella
era ora di iniziare
la mamma è andata via
piangeva ancora tanto
e fu li in quel momento
che mi sentì perso,
ero rimasto solo
e gli schiamazzi erano svaniti.
Col pianto in gola
entrai in classe coi nuovi amici
volevo scappare e ritornare dalla mamma,
una paura improvvisa...
Caro papino mio
la cosa più brutta è stata
quando la maestra ha chiesto
a tutti quanti noi
il nome dei nostri genitori,
se lavoravano, quanti anni avevano,
toccò il mio turno
dissi che la mia mamma lavorava
tutti i giorni
e qualche volta pure di notte.
<< E il tuo papà?>>  Disse la maestra,
<< il tuo papà che lavoro fa? >>
Tirai fuori la tua foto
la diedi alla maestra,
<< il mio papà è su nel cielo
lavora con Gesù... >>

Profilo Autore: conca raffaello*   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 616 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.