I tuoi sentieri mi camminano
dentro
mia Terra!
I tuoi paesaggi mi abitano
I tuoi umori mi appartengono.

Oggi più di ieri
Voglio:
Riappropriarmi delle mie parole, del mio sentire
Vestirmi della mia anima
Mostrami nell’intimità del mio soffrire.

Echi di umanità spezzata mi chiamano
mi turbinano
dentro.

Brandelli di vita penzolano
dalle periferie del mio tempo:
ricomporne i frammenti mi è fatica!

Non cerco
un luogo in cui appartarmi
un giaciglio su cui acquietarmi
un veliero
per allontanarmi da questo mio tempo nero

No!

E’ mio il tuo dolore
che graffia i sogni
o Terra!
Spegne il domani  …
in incubi trasforma le ore.

E non mi si consuma istante ch’io non veda
le tue radici contaminate dal virus del male!

Potrei andare
oltre,
altrove …
Fuggire

E poi?

Troverei
mai
giustificazione alcuna?

Che penserei
di me, dei miei trascorsi?

Nei grovigli della mia ragnatela mi dibatto
Dalla vergogna mi accartoccio
Il disgusto mi è fiele

Cos’è l’uomo?
Dov’è l’uomo?

Non ho un luogo a cui tornare
ma
infiniti, sterminati, luoghi dove pregare
per ritrovare
il luogo a ma più congeniale:
il Cuore!

E’ questo, forse, un luogo,
il luogo a cui tornare?

Per me lo è!

Di infanzie violate
ne siamo complici

Di gioventù stregate
ne abbiamo colpa

Di vite negate
ne portiamo il lutto.

Dietro me non voglio lasciare
aridità, vuoto.

E’ nell’assenza  …
la grandezza delle piccole cose!

Il mio anelito non è
cercare
altri luoghi
tornare
a questo o a quel luogo
No!

Non voglio che i miei occhi vedano al di là di ciò che vedono
Non voglio che attraversino, vergini, lo spettro dell’oscurità, della morte

Voglio luoghi di luce, di pace, d’amore!

Il luogo vero a cui tornare
è là
dove
la tempesta si placa
il vento muore
l’anima risorge a vita nuova:
si specchia
respira
sorride.

Un luogo vero a cui tornare
è:
il Cuore!
Profilo Autore: Giovanna Vecchio  

Questo autore ha pubblicato 66 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
La mia idea sia una metafora 
Ereditata imperiale anfora
La genetica sia la scienza più precisa
Passare un vaso da contessa a marquise.
Nei vecchi tempi 
In quei freddi inverni 
Tra rotti specchi 
Nel fumo delle taverne 
Fra sogni e malinconia  
Vive la poesia...
Non povera, nemmeno ricca 
Non chiede elemosina  
L'orgoglio è il suo delitto...
Nutrire l'anima con la sua umiltà 
È la misura per la grande carità!
Materiale o spirituale 
Mondo di sogni 
Spazio letterale
Concedersi in reincarnazione 
Fu un regalo -
L'immaginazione!!
Ed io la accetto volentieri 
Nei miei sollievi .

L'arte consola la mia nostalgia 
Li che vorrei atterrare...
La meraviglia del paese della poesia
è un luogo a cui tornare ...


Profilo Autore: Elvira Boychuk  

Questo autore ha pubblicato 9 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

dove il sole scalda
accende le passioni
l’Anima si specchia
nel cristallino mare
dove al primo sole
la zagara fiorisce
il candido colore
invito all’Amore
dove son cresciuta
al focolare caldo
con materno affetto
del pane casareccio
ricordo la fragranza

_voli di gabbiani spensierati_
_gli occhi miravano lontano_

 Restano i ricordi
senza le speranze
sogni calpestati da macigni

in bocca le amarezze
nel cuore la tristezza.
Profilo Autore: Sognatrice  

Questo autore ha pubblicato 10 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tanti, i giorni miei
invaghiti percorsi
allucinati di ogni dove
 
- miracolose lesioni -
 
Punto fermo
l’indaco perfetto
quando le stelle brillano di più

Ma se dovessi percorrere strade
cadute nei retaggi
abbarbicate a vaganti pensieri
 
- rimembranze di cieli arcobaleno -

di certo tornerei agli occhi tuoi
di certo ai tuoi sorrisi
e all’abbraccio caldo

Unico
Eterno
Pensiero

Profilo Autore: sasha  

Questo autore ha pubblicato 135 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si ferma l'unità
Per intero,
Chi saremo
Ora, quali sembianze?

Non in questo mondo l'unità
Che ha una direzione,
Sosta; e di cosa scrivo
D'un fattore intoccabile?
Quali parole, quali modi organo
Del moto
E delle nostre tante facce?

Si può fermare l'infermabile ora:
Questo è l'antico motivo.
Ognuno può bloccare, riavvolgere
La propria storia, ritornare dove
Più il cuore parla semplice
Per aiutarti.

Non ho sito ameno,
Nè forse possibilità umane;
Blocco l'invecchiamento,
Ritornare per speme
Ove tutto per me si snoda e si mostra,
Un miracolo del tempo.
Profilo Autore: Salvatore Stefano  

Questo autore ha pubblicato 19 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tornerò
fra spiccioli di cuore,
razzia di giorni d’amore
ed una minestra d’alba
confonderà il mio inverno
come acrilico di spiga
fra le amache del vespro
e son io il tuo porto di cielo,
quel fior solitario all’orizzonte
che il tuo nome abbiglierà di risposte.

Romanzo d’anima
sfoca l’ellissi del tempo
e ti cerco come l’onda e il respiro,
come parola ed infinito,   
come un bicchier di stelle proibito,
perché sei tu quella virgola del mattino
che tornerò a scucir di baci
fra le autostrade del destino.
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 599 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Torno qui, ai tuoi aromi
ai bisbigli nebbiosi dei mie ricordi
che nascondi in ogni tua crepa.
Tu mi abiti, mi respiri,
mi disseti, io continuo a viverti.
Sei memoria, emozioni, desiderio
quasi trama sulla pelle
che segna ogni piega
con rivoli di acqua sorgiva.
E sempre tornerò
e tu mi aspetterai, lo so,
perché tu accogli, tu coccoli,
stemperi i respiri affannosi
ed ammansisci il cuore.
Mi stendo qui,
sui tuoi fianchi spumosi,
sul tuo sale, profumo saziante.
Qui tornerò, fino alla fine
con la mia anima screpolata
e la mia anima ebbra
e tu abbraccerai tutti i miei veli
senza dire parola…
Profilo Autore: Giò  

Questo autore ha pubblicato 214 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Oh! Come vorrei ritornare lassù da solo,
al sommo di quel monte, possente mole,
che nell’Alpe s’allungava da est all’altro polo,
e dove splendido e lieto transitava il sole.
 
Desidererei risalir sull’alta, ferrea e sicura croce,
simbolo di un Dio clemente, potente e buono,
posta sopra le scure rocce a parlar di pace,
e dove, nella burrasca, spesso rimbombava il tuono.
 
Sarà corrosa dalla ruggine, ma ancor m’ammalia
e il desiderio di salirci m’assale e lì m’attira,
con la forza del sublime, che ti tenta e t’attanaglia,
come il sole, che ghermisce la terra che gli gira.

Par che mi chiami e mi dica di ritornare nell'aurora,
nella sua limpida, serena e vera  immensità,
sento in me il desiderio di rivederla e di toccarla ancora,
e sulle ali dell’arcobaleno scoprire la Verità.
Profilo Autore: Luigi  

Questo autore ha pubblicato 36 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Parlami
Sospira sulla mia anima
Bianco capo piumato
Figlio
Degli alberi
Figlio
Di ere
Vecchio indiano
D'Europa
Guardami
Con i tuoi occhi
Fumosi, stanchi, antichi, rossi
Come il sangue
Che hai versato
In mille faide e guerre
Sulle sabbiose radici sporgenti
Di Normandie, di mute pianure
Asciugati
La fronte dipinta
Di saggezza
Concedimi 
Di usare 
Almeno una volta
La tua pipa
Sarò saggio come te
Fauno
Sarò l'erede designato
A prendere
Sulla mia pelle
Le percosse
Del groviglio urbano
Sarò
L'ultimo tra i miei fratelli 
A piangere
L'abbandono del tuo regno
Della tua tribù
Sarò
La soffice carne
Vittima
Della freccia ardente del dio
Sarò
Il pargolo di mille capanne  
Sarò
Il marito fiero di tua figlia
Sarò
L'uomo che sussurra alle cortecce
Sarò
Il padre di mille bambini pawnee
Sarò 
Il caduto tra volti amici
Sarò
Il cadavere chino tra le radici
Sarò 
Molti nomi
Sarò
Cavallo bianco, Orso che sospira,
Occhio di Aquila, Montagna che sta,
Sarò
Le tue mani torbide
Che cingono i fianchi afflitti 
Del tuo popolo, di tutti i popoli
Saremo
Insieme
Padre e figlio
Prole perseguitata di selve
Saremo
Pellegrini rincorsi dal Fato
Con un sorriso
Incastonato 
Come alberi su pianure
Come le stelle nel cielo
Come il seme
Dell'uomo
Nei ventri di giovani donne
Sarò
Il Tirawa della mia Atira
Sarò 
Proprio come te
Un vecchio indiano
D'Europa
Che torna
Che ritorna
Alla sua terra natia

Profilo Autore: Salvatore Tortora  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Per fuggire il tempo non ha rivali.
Nel buio di questa stanza vivo
nell'assillo che possa ritornare,
complice il godimento dell'attesa,
al luogo che elessi a dimora speciale.
I volti sono ora muti ora festosi
un brusio compiaciuto d'accoglienza
nella speranza che riveda la luce del sole.
I sentieri mi portano ai freschi anfratti
ove gli anni restano appesi ai rami.
L'acqua è pesante,crea sonnolenza,
tace il meriggio sotto le uggiose fronde.
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 25 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.