Pioggia scende
s'allaga il cuore
arida l'anima resta.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giancarlo Gravili*   Sostenitore del Club Poetico dal 17-11-2017

Questo autore ha pubblicato 96 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Le parole ritrovate
su fogli da un taccuino strappate
un po' per amore o per rabbia
o meglio credo per passione trascritta
dal cuore alla carta.
Calligrafia irriconoscibile, vecchio stile
bella, elegante
appartiene a te, ha il tuo profumo
parlano d'amore le parole ritrovate
tanto amore che fa quasi male.
Lo sento ancora sulla pelle
nel cervello e batte batte
mi da soffio di vita
quando questa si allontana un po' da me....
Tremano le mani stringendo quei fogli
mai avrei pensato potessi scrivermi
pensieri così passionali, festosi
eri u poeta senza saperlo,
eri il Mio poeta avevo l'esclusiva.
L'esclusiva delle tue parole
come del tuo corpo
come tutto di te
perchè tu sei stato mio e solo mio
da vicino, da lontano
ed ora da oltre le cime dei monti
su cui sei salito per sempre.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: cristina biga  

Questo autore ha pubblicato 495 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Conoscerti e scoprirti,
questo è il tuo dono perpetuo.
Posso disegnare i tuoi amplessi,
descrivere ogni centimetro di pelle,
scrivere romanzi sul tuo corpo, ciò che ti piace, ciò che ti fa volare...
Eppure ogni volta ti riscopro.

La felicità dicono sia fatta di attimi.

Non è così per me,
la mia felicità ha un volto e rende perenne la gioia e sempre nuovo il nostro amore.
Ti conosco e ti scopro,
voglio passare la vita in questo cerchio che solo tu sai costruire e chiudere.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: a_domani  

Questo autore ha pubblicato 53 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Superba quest’alba s’erge allo sguardo,
son già dei traccianti i suoi primi raggi.
Disegnano icone su fogli di cielo
ed io le traduco al sentire dell’oggi.

Che voglia che ho di mettermi nudo…
coi piedi alla riva e il capo all'insù,
nel vento non vento ormai diventato,
in brezza ch’al petto le braccia mi saldi.

Nessuna nuvola a far la smorfiosa,
solo lembi d’ovatta in processione
verso i vuoti di color grigio scuro
che – oggi – non mi appartengono!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 83 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Vestita del tuo silenzio

m’ accoccolo in un raggio di luna.

 

Sfama il mio nome senza te

questo bozzolo di cielo

che sfioro come piuma

e scucio un respiro

tra i ciliegi in fiore,

raccolgo il pianto di una stella,

naufragano i miei occhi

in questa infinita malinconia di te.

 

Amore,

scambiamoci i plettri del cuore

ed allora anche il mare

guarirà la sua solitudine

come assaggio di luna

in un valzer di parole.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 580 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ti amo,
nella malinconica sera d'autunno,
dove le certezze vacillano all'imbrunire.
Ti amo,
Nei brividi del freddo inverno,
quando il buio, prevale sul timido sole.
Ti amo,
sulla sgargiante primavera,
che dispensa aria frizzante
favorendo una nuova rinascita.
Ti amo,
nell'estate afosa,
che sprizza gioia,
predisponendo ad un rilassato divertimento.
Ti amo sempre e comunque,
anche se le stagioni
volano veloci.
Ieri ti amavo con l'entusiasmo dei
vent'anni.
Ora ti amo con la certezza
di un amore solido e
indissolubile.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Michelina  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ho conosciuto

mattini splendidi,

e al certo non son

stati di gran lunga

prevalenti i giorni aridi.

Sotto una leggera

pioggerella ecco i brividi

per quella che da lì a poco

sarebbe divenuta mia moglie,

e ancor le carezzo i fili candidi.

E sono stati perlopiù

pomeriggi morbidi:

ho messo al mondo

tre figlioli, e da loro

ho avuto giorni nitidi

più di quanti ne avessi potuti

oltremodo sperare; e limpidi.

Ora i giorni si sono avviati verso

la sera, e mentre le accarezzo

i capelli canuti ho i palmi madidi.

Fuori c’è quella pioggerellina,

e sebbene diversi ho i brividi.

Forse dovrei addormentarmi

qui accanto a lei,

e chiudere i miei occhi lucidi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 222 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
"Quasi Novembre" gioca con le foglie di questo autunno

travestito a festa di colori che sembrano l'estate

mentre la terra, creta, nocciola e mora,

si sorprende e gode dell'aria che accarezza le sue zolle.



Cerca di ingiallire un rovo

e tiene ancora stretta chioma l'olmo

a nascondere il canto non sazio delle tortore

che tubano al sole la loro stagione di infinite voglie.



Passeggia il vento tra le domande dei calendari.



"Quasi Novembre" brinda ancora un po'

senza aspettare che il chiarore del giorni arretri,

fa quello che può

e nei vent'anni ritrovati dalle signore all'aperitivo,

pare indossare primavere di rose ancora fresche.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Davide Bergamin  

Questo autore ha pubblicato 14 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Un vuoto con un dolore lieve a un polmone,

che sia io. Poveri anche gli alberi
a cui ragazzotti in arancione
hanno resegato le braccia.
Restano comunque belli
hanno ancora delle
gialle stelle -

e chi fermo respira poco
e chi non si può
spostare, dei rami al suolo
non ne faranno come un tempo
zattere nere, una piramide
che ci portava alle olive di Izmir.




IMG 20180821 143954 2


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Alberto Automa*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 24-02-2012

Questo autore ha pubblicato 1201 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Disse ‘na vorta ‘n poveta de gran fama
“nun ce sta gnente da fa’, la poesia
quella bella, quella de’ tempi mia,
al giorno d’oggi nun è più apprezzata.

Se leggheno sconcezze d’ogni sorte
parole che giammai furon censite
tra quelle che poetica alma mite
sperar potea che je fosser rivorte”

‘Na moschetta che stava lì a ronzare
se fermò e je disse tutta assorta:
“amico mio, ma come, nun lo sai?
Ar monno d’oggi tutto è relativo;

se fa quer che ce passa pe’ la testa
e manco se spostamo d’una tacca.
Er massimo pe’ me, pe’ fa’ ‘n’esempio,
sarebbe strafogamme nella cacca!”
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Andrea Guidi  

Questo autore ha pubblicato 38 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sul far della sera

il cuor mi s’incendia,

come champagne di luce

un acquerello di grano

e m’abita l’anima

uno spiffero di cielo

avvolto nel dolce tramonto.

 

E mi cibo d’orizzonti,

sazio il petto d’attimi vissuti,

dove sei ora che ho intinto

i miei passi nel calamaio

degli inverni miei?

 

T’aspetto ad una colazione

di parole nuove

fra scucite carezze

ed illusioni d’amore.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 580 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

La sera prima la nebbia

si introduceva dal camino,

e ricordo di aver fatto

una gran fatica

ad accendere la stufa.

Ancora non sapevo

si sarebbe interrotto

un giovane cammino:

non ho parole per quanto

sentite, comunque vuote.

Ma ho per te una strofa.

S’era nascosta la sera

dietro la caligine

del focolare di Dio.

Io avevo un lieve malore,

e sulle mani la fuliggine.

Ma tu cominciavi sul calar

della sera a non percepire

più il tepore del caminetto.

Come può una madre assistere a Dio

che esce dalla sua caligine per lasciar una

figlia senza un’altra sera sopita nel letto…

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 222 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: sasha  

Questo autore ha pubblicato 110 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Non tace

l'esigenza di un mondo migliore

artiglia anche il cuore



- pure il tempo se n'è accorto -



utopica intesa

tra forze discordi

bandiere d'opposte fazioni



risentono ancora

di brucianti sconfitte

e cercano solo vendetta.



Giace giustizia

in fondo al cassetto

per un sogno



... che tale rimane.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 187 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nel denso avverarsi di passi
diviene urna il "non detto"
confine e retaggio 
nella devozione di un vecchio vagare 
e di un chiarore assordante 
freme di giorni nuovi 
questa voce sfuggente 
dove si fà eco 
la vanità  delle stelle !



1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Simone  

Questo autore ha pubblicato 126 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.