Ma dopo chissà... se tutto tace

o nuove vesti faranno far festa

se a luce spenta

imploreremo l'ennesima prova

se pensieri, come sono,

ci permarranno in testa

se quella strada conduce

al cambio che giova



se impervio resterà il sentiero

o sarà trionfo d'amore

se soldo compra ancora

producendo... affetti

se conteremo, sottraendoci

da numeri e oggetti,

se tranquillità

ancora sfamerà a minuti



se comprendendo d'aver vinto

esulterà follia

nel complesso giogo

d'altezza privo

e insisterà nel tener banco

accettando scommesse anche

per il futuro



ché no... l'alto e basso

non sarà

al lancio di moneta.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 154 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Un capriccio poteva essere
quella rosa d'elitre sulla schiena
dei sassi, la strada, in un chiarore
diafano posato come
a masticare gli ultimi astucci

pettinarsi gli occhi
mentre s'allungano a dismisura
sul ciottolato - i momenti rallegrati.
Purtroppo l'osservatorio
dista duecento mondi da questo.

Mi vedrete?




PhotoFunia 1529413190
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Alberto Automa*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 24-02-2012

Questo autore ha pubblicato 1177 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Gioco con le mani
accarezzo la parete
bianca nell'apparenza
inutile dire altro
s'alza un color sincero
il viso parla senza dire
il carezzar leggero
pare attraversare
il pelo d'acqua
delicato sprofondare
tutto pare dimenticare
il facile osservar la luna
nessuna vita
vale la fortuna
intorno l'incerto
anche nel fiorire
Gioco con le mani
io le posso orchestrare
senza musica
o suoni
le loro ombre
spariscono
nello sparire

senza toccare
mi han fatto sognare
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 250 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le strade vuote
ospitano fantasmi che camminano.
Ombre leggere sui muri 
e sogni di impronte
non ancora posate sull'asfalto,
hanno odore di morte
e il cuore cinerino dei silenzi.
Hanno occhi nascosti
nelle finestre dei ruderi
apparentemente disabitati.
Le strade vuote
portano i segni dell'abbandono,
cicatrici sulla terra dissestata
e un cielo lacrimoso
a salutarle nelle notti desolate.
E, come il cane che sembra passare,
si, che sembra passare,
conservano un'aria randagia.
Queste sono le vie morte
tracciate come vene esangui
sotto riverberi pallidi di luna malata...
Ma sai , un tempo i miei sogni
conoscevano altri spazi
immensi e immersi nella luce.
Non sono quel che vedi ora
nell'assenza che cavalca
i cancelli chiusi mangiati
dalla ruggine rossastra,
già rossastra
come il sangue secco dei giorni
spirati sul letto freddo del tempo.
Al di là di questi, cose che mi sfuggono...
Spio come un bambino curioso
eppure spaventato
ed appoggio il mento
tra le sbarre di ferro corrose
indagando segreti e prigionie
che ancora mi trattengono
in luoghi fatti della stessa materia
del mio nulla.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 230 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Anima di Cristo, assistimi.

Corpo di Cristo, custodiscimi.

Sangue di Cristo, ammaliami.

Acqua del torso di Cristo, tergimi.

Passione di Cristo, sostienimi.

O Gesù, non tapparti le orecchie.

Dentro le tue piaghe, adombrami.

Non dovevi acconsentire che io mi dissociassi da te.

Dal detrattore pernicioso avresti dovuto tutelarmi.

Nell'ora della mia dipartita non reclamarmi.

Saresti dovuto venire anche tra i bantu, ti avremmo

offerto un tozzo di pane duro nelle nostre catapecchie.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 143 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Amore1.jpg
Amore grande, amore mio,
è solo amore, non è bugia,
quello che sento, quello che vuoi,
l’ho chiuso qui, dentro al mio cuore.
 
Amore grande, amore mio,
quello che sai l’ho detto io,
l’amore è bello a questa età,
non è illusione, è realtà.
 
Forse non sai più, cos’è l’amore,
quello che sento io, dentro al cuore,
forse lo sai e non lo vuoi dire,
forse mi vuoi far, solo impazzire.
 
Forse non senti più, battere il cuore,
stai bruciando i sogni e questo amore,
forse potresti e non lo vuoi sentire,
forse mi vuoi far, solo soffrire.
 
Voglio di più, di più,
voglio di più, di più,
voglio di più, di più, di più,
molto di più.
 
Amore grande, amore mio,
tu sai cos’è che voglio io,
voglio restare accanto a te,
senza un ma, senza un perché.
 
Amore grande, amore mio,
io credo in te, io credo in Dio,
a questo mondo sempre buio,
l’amore l’ha insegnato Lui.
Amore8.jpg
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giò For  

Questo autore ha pubblicato 37 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.






Uomo, che di Natura è figlio,
sente e crea il suo sentimento
o ode e sol ripete la voce
di sua Madre?
Natura, dal Caso scelta,
giudica il momento
e tutto filtra
in base a ciò che meglio
per sé stessa?
Scienza, che trascende
Il suo inventore,
razionalmente
disgrega ciò che l’uomo
crede Umano?
Uomo, padre della scienza e degli dei,
succube delle sue invenzioni
si fa del male,
per non sentir Dolore?
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Thomas Ml  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Nel palmo della tua mano
incolume dai rigori del vento
adorni un pugno di stelle
e gemme di luna
consumi sui tetti .


Paese mio
il tuo è un vivere eterno
che culla vecchi natali
a grappoli germogli malinconie
e passi di foce eterna
scorrono
ciottoli ed echi .


Del tuo canto
s'infiora il cielo e

nuvole vanitose passano .

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 695 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Tu che non passi

tra giorni e discorsi,

adagiati come neve

sui rododendri recisi

dal mar dei nostri cuori,

intreccia questo vuoto d’anima

all’acquerello dei ricordi,

mieti i meridiani del silenzio

dalle comete dei nostri occhi

e nulla palpiterà d’aurore

in questa solitudine d’inverno.

 

Amerai sui fianchi delle paure

stracci d’orologi scaduti

ed il firmamento del mio nome,

corallo su una spiaggia d’estate,

stringerà questo raggio di sole,

abitudine emozionale dei sensi,

nuovo dolor che sboccia

sulle rive del nostro amor.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 541 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un magnifico sole
un sogno di tutti
si cresce sperando
che succeda
di vederlo lì
che ci aspetta
senza rancore
senza pensare
di essere falso
Quell'esistere
provato si arena
non lo cerca
e va avanti, dandogli
le spalle e corre
si allontana sempre più
osserva sguardi spenti
dietro a loro corre
li sente molto vicini
scivola nel profondo
dell'umanità, che si stringe la mano
e coraggio si fa
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: poesie profonde*   Sostenitore del Club Poetico dal 25-07-2013

Questo autore ha pubblicato 491 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Rivivono cieli d'alta e tarda stagione d'arcobaleno il volo

di petali sipario

di dei altare e pace

come bandiere allo stendersi in vento

drappi in balconi e vetri

tele su stendardi a morte.

Sbiancano rime e con esse il sinistro credo

che porta nome di corpi in mare -chele tese-

Un aggrappo ai perchè d'occhio spento

cuore sospeso

frasi senza aureo schiudersi di cuore

e

e che almeno questo quadro distolga scempio.



1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aita Carla  

Questo autore ha pubblicato 162 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ho mandato un messaggio, l'ho inserito in una bottiglia

è in balia del mare, mentre guardo quel vetro che galleggia 

lo vedo quasi affondare, ma ecco che di colpo invece un'onda

lo riporta su, naviga in placide acque dopo le tempeste del cuore

lì ho gettato via rabbia e dolore rimango rapita intanto il tuo

viso mi appare è un sogno? Sì mi ritrovo sola e carica di 

nostalgia che voglio solo mandare via
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Anna  

Questo autore ha pubblicato 133 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Svelo alla solitudine
l'assolata luna
in compagnia della stessa
e della mia ombra
che sperde lontananze
nella terra della notte.

Col viso muto
porto gli occhi al cielo
e subito l'anima
sento nuda.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Può murì 'e sete, 'e famme p'â rraggia,
può murì 'e paura si t'ammanca 'o curaggio.
Può murì pe 'na vita scagnata, senza culore.
può murì p'ô troppo friddo e p'ô calore.
Ogni ghiuorno vulimmo o 'nun vulimmo,

'nu poco 'a vota tutte quante murimmo.
'Nun saje quanno né addò te capitarrà,
ma saje ca primma o poje succedarrà.
Pure si te ne fuje essa t'acchiappa 'o stesso,
t'afferra e te lassa llà comme a 'nu fesso.

Te po' capità 'e murì mentre faje 'nu fatto:
muore 'mpruvvisamente, a ll'intrasatto.
Muore mentre piense a ogge a ddimane
e 'nvece tiene 'e tiempo scarzo 'na semmana.
Te nne vaje vaganno pe strade scunusciute

e 'ncopp'â terra rimmane sulo 'nu tauto.
Muore senza capì si haje ragione o tuorto:
a che te serve d'ô sapè quanno sì muorto!
J' vaco e sotto 'e piede mie 'o cielo se 'nzerra,
me scutuleo 'a cuollo 'nu pezzullo 'e terra.

Corro pe piglià 'nu treno ca m'ha aspettato:
chillo cu 'na sola corza, 'na sola fermata.
Penso e ripenso a comme songo muorto,
riflettenno si quaccosa è gghiuto stuorto.
Me s'avvicina 'nu giovane 'ncopp'â trentina:

capille luonghe, ll'uocchie verde celestino.
'J 'o guardo e ddico: "ma tu si 'o signore?
Isso mme risponne: "chiammeme Salvatore."
Mme s'avvivina n'amico 'e tantu tiempo fa,
dice: "viene, 'o bello ha dda ancora accummincià..."
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 92 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Premessa:

“nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma
e dunque cosa creano gli artisti? Se l’ universo soddisfa le sue leggi 
cos’è allora il nulla dei filosofi? ”

Il firmamento sa di sangue stamattina, qualcosa smuove le statistiche di Vega
titoli e conti si rincorrono, il nuovo governo 
riscalda acqua bollente, dinnanzi a un direttore di banca
i re diventano giullari

il collasso non era previsto
così anche a leggerla di domenica
la cronaca appare nel suo ritorno di musica e parole inverse
nessuna garanzia di raccolto vuol dire che fallirà lo sforzo
di scommettere su maggio
confidare nelle gemme un assurdo che varrà
l’essiccarsi dei piccioli

Da dove sgorga la creazione?
L’energia ha quanti di denaro
denso come protoni al centro del Sole
lo sapevi?
Visione di tronchi sfatti
e per l’alba banconote nei nidi
parità di spiccioli e pigolio

L’inesorabile è davanti a noi 
ma il senso letterario
può leggere nelle cadute 
dalle impalcature?

Restano carni flagellate 
Uncini rossi nella Via Lattea
su Cristo nessun editoriale
neanche una citazione quando
cola acciaio sugli operai

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: fintipa2  

Questo autore ha pubblicato 86 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.