Seppur da sempre amo la vita
con tutto quanto ne consegue,
vorrei poter morir le volte che
le spalle gira a un mio richiamo.

Accade solo in quei momenti,
quando nel cielo non v’è una stella,
quando nel mare l’azzurro si dilegua
e dentro, dentro, dentro me
si smorza, la voglia, e poi…
affonda!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 173 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ho sempre voluto scrivere qualcosa
sul dentifricio.
E ora che mastico qualcosa di francese,
ora che schizza bava sull'altro volto,
ora che l'enantiomero del bacio segue il canto,
abbasso lo sguardo.

Massaggio erotico del cuore d'osso,
genocidio dei Fusobacterium nucleatum.
Ognuno dice la sua.

Il rosso sa di blue ed il blue sa di bianco.
Scivola il sangue di battaglie oltre il tappo.

Strizzo l'anima invecchiando la boccetta:
ora che è magra si sente bella;
ora che è vuota si sente infelice;
ora che è deforme si sente a casa.

Lo spazzolino si gratta la testa
con le sue rilassanti ossessioni:
mente sporca in corpo sano.

Alla fine è la bava del matto in manicomio.
Più lucida la macchia di fumo.

Ma le parole profumate, tanto,
appartengono solo alla notte
che a volte decide di fare a metà.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Nicola Matteucci  

Questo autore ha pubblicato 350 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tutto ha una fine
se ha avuto un inizio
quando è l'ultima ora...
un improvviso frangente
sa d'aria che asfittica manca.

Non obbligarti a vivere
se sei nulla un corpo vuoto
una mente malata...nulla.

Se sei un altro troppo manifesto
ricordati che hai una cupa piega
seni flaccidi occhi smorti
una mano tremolante...

A spargere virgole maldestre
spazi lunghi nodi alle dita...

Tutto ha una fine...
non obbligarti a curvarti di più.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 31 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quando nasce la paura 
e l'aria si raccoglie, 
tremolio di pioggia invade,
suon di cigno spira

[S'innalza il respir sul monte]
E argento e ambra 
muove i passi il pastore 
a terra e mar ignoto

Fior maligno
abusa della mia mente, 
distruggimi
e donami 

-Canta, pastore! 
 Non vegliar la luna 
 che ora gli occhi dal ner
 ti mangiano-

Al nulla

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Alessio  

Questo autore ha pubblicato 15 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il gioco dei discorsi

conobbe l’anima mia

e scrisse il diario

dei tuoi occhi neri

fra dividendi di luna

e rugiada di garofani.

 

Ed il palcoscenico del cuor

colava sul mio io

come acquerello di poesia

indagato dall’amor del tempo

e tu, come arpa di vento,

abbracciasti i miei silenzi,

rubasti l’abaco delle mie illusioni,

cucisti il bacio delle mie declinazioni.

 

E capimmo d’esser

pianto dello stesso cielo,

alfabeto d’un preludio di Chopin,

lettera all’universo spento

regalata ad un cuor

colorato da mille tempeste.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 609 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
La stessa paralisi del serpente
era la mia come preda;
ma un osservatore esterno
di una delle dimensioni che scoprono di vedere
non saprebbe distinguerci.

Striscio un po' anch'io,
così come sono cieco.
E col veleno ci mordo i muri.

Una casa per sasso.
Lo stesso che lapida il vagabondo.

Ma in questo deserto di paglia
le tue pupille nere
son carboni alla soglia del fuoco.
Passi nel risparmio dei respiri
con la cicala assorbita dall'orecchio.

Un prurito di formica
sotto pantaloni corti incrociati,
prima una goccia, poi giù la testa.

Odio questa puzza
di affienato silenzio.
Odio l'antidoto
al veleno che nega il serpente
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Nicola Matteucci  

Questo autore ha pubblicato 350 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



da stanza a stanza
sono oceani trascorsi
vaghi di neve.
al suo posto ogni linea
-perfezione del gesto o
primigenio spazio difeso,
complice lo sguardo
che taglia lembi oscuri.


se potesse, la forbice,
creare campi rossi di papaveri
in posizione zen un minimo
cielo che basti, se potesse
anche il grano che arride al sereno
e tutto l’ordine tutto compreso
in un semplice foglio di luce.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 652 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ostro e tramontana
al mezzodì conversero,
sloggiando venti allogeni:
il gambale s’incollò
e sovrana terra
fu L’Italia.
Allor come ora
impugnava le sue trame
il semprevivo Bruto
ed in incessanti idi di marzo
tutt’or giaci mio gambale.
La folata la ghirlanda al confino lanciò,
ma gli amari rovi
non sradicò!
Dalle canute guglie, alle marine,
agli sparsi ciottoli,
l’alloro delle legioni, della città eterna,
è sol canto di leggenda
e l’italico capo non cinge.
Madrepatria, di qual oscura aracnide
sei alla mercé delle sue maglie
e fa sì che non si sia spettatore
del tuo risorgimento?
Spenti come lucignoli
martiri avvolti nel tricolore,
che han desiderato
di sanare i cronici malanni,
dalle maestranze del tessitore.
Oh patria, hai ninnato
il mio pianto e il mio corso;
nel cuor sei leggiadra ninfa,
ma viverti equivale
a valicar lo Stelvio
con suole traforate…
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Vincenzo Patierno  

Questo autore ha pubblicato 12 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Non pensate a me

come la figlia di mio padre.

 

Non pensate a me neanche

come la madre dei miei figli.

 

Per favore non pensate a me.

 

Non dite – ah sì, quella tipa con il cane nero.

Oppure – ridicola, sempre con una piuma tra i capelli.

 

Non mi additate,

ve lo chiedo in ginocchio,

come l’ex di quel tale

che da anni non si vede – che sia morto…?

 

Ecco, lo ripeto con le buone, non pensate a me.

 

 

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tea  

Questo autore ha pubblicato 27 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Take another little piece...
L'ultimo.
Prendi quello che è rimasto
e fanne ciò di cui
hai già fatto tutto il resto.
Lasciami bere con Janis,
che è la cosa più importante.
Adesso gira una canzone
che non c'entra niente,
so let me drink with Janis
anche se sembra notte fonda.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Davide Bergamin  

Questo autore ha pubblicato 97 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ho declinato

il carillon dei silenzi

in un bacio senza casa

ed ho appeso

un inutile tramonto

al filo delle mie nostalgie

ed ora che l’anima s’appresta

all’inchino dei giorni

raccolgo anagrammi di luna,

colleziono ore scalze

posate su un soffio di margherite.

 

E sporcai di solitudine

il senso impassibile

d’un’eclissi di dolcezza

ed arenai la mia ombra

pettinata di rugiada

fra l’ortografia sgrammaticata

d’un eco riflesso:

son qui, amor,

a ripensarti nel vento.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 609 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Notte spezzata
in evirato sogno
Apro una finestra
come aprire uno scrigno
.. chiarore soffuso
svela ombre di cose

pensieri compressi
rilasciano molecole di memoria
simulacri di un tempo passato

Confusione
stupore
anima appannata
Il sentimento è denso
come un fiume d'olio

ma la foce è ancora lontana....
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ferruccio Frontini  

Questo autore ha pubblicato 25 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

… a scrivere sulle nuvole
quand’è in arrivo un temporale

(ché poi le mie parole, andrebbero disperse
nel turbinante cielo
ingannevole quanto un aquilone
vestito a festa)

- Bastano pochi secondi
a cambiarti la vita
- Basta lo sputo di un santo
a prenderti a schiaffi
- Basta così… ma così poco

se sulle tempie hai una cinica pressa
che incasina le idee fino a farti impazzire

Sarà, di certo, meglio l’oblio
che lo stillicidio della goccia che mai trabocca
ma scava
scava
s
c
a
v
a
.
.
.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: sasha  

Questo autore ha pubblicato 138 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Verrà la fine del mondo

sulle bianche perle

sui colli affusolati

e su gentili mani.

 

Verrà sui cieli dell’estate

sui camini appena accesi

sulle onde frantumate

su scogli annichiliti.

 

Verrà sopra le guerre

che siano perse o vinte

su occhi fissi all'orizzonte

sulle labbra dolci di sorrisi.

 

Verrà su ogni sogno

che giace tra i  cuscini

distruggerà ogni alba

uccidendole i tramonti.

 

Verrà sulle piazze e le fontane

sulle chiese e le campane

su ogni cosa che si muove

su tutti i nidi e sulle alcove.

 

Verrà su ogni croce ed ogni Dio

su ogni forma di preghiera.

Guai! Se già non sei perduto

nel momento che ti trova.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ibla  

Questo autore ha pubblicato 128 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Dammi la tua mano,
ora ne ho più bisogno,
sono fragile,
mi sembra pesante il mondo.
Vorrei vibrare leggera
come il petalo di un fiore
che vola su un
leggero soffio,
che danza intorno al sole.
Abbracciami stringimi forte,
non voglio vedere il buio.
Se tu mi tieni stretta
Il freddo non mi prende e
viene presto il giorno.
Posa le tue labbra
sulle mie irrigidite,
riscalda il mio futuro,
spazzando via
le tristezze infinite.
Come una magia
il tuo amore mi guarisce,
dalla malinconia
dalle ore che passano
Insulse.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Michelina  

Questo autore ha pubblicato 140 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.