Ma ti prego

Ci sono giorni che hai davvero, poco da dire

Sei vivo fuori, ma dentro, ti senti morire

la tua voglia di fare, sembra sia, andata altrove

ci sono giorni che senti il rumore, ma fuori non piove

Scavi dentro i ricordi, senza chiederti permesso

E le cose che incontri, fanno più male adesso

Che sei fragile e il mondo non curante ti urta

Come fossi una palla e la vita una punta

Ci sono giorni maldestri, difficili da cominciare

Che allo specchio ti detesti, non vorresti invecchiare

La tua voglia di vivere ha già fatto i bagagli

Ci sono giorni in cui ti senti di aver fatto solo sbagli

Scavi dentro, te stesso, come fossi un martello

Butti giù ogni desiderio e ci metti su un cartello

Qui è morto un sogno che ha vissuto anche troppo

Ma sai che lui voleva correre e che sei tu lo zoppo

Ma ti prego…

Aspetta che venga domani, prima di giudicare

Che la vita è sempre uguale e può far solo male

Stringi forte i ricordi e non lasciarli più scappare

domani ne avrai altri in cui la vita… sarà speciale.

 

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: tempo di poesia  

Questo autore ha pubblicato 187 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.