363960

Non badasti al suo richiamo
rimase un eco inascoltato.
Avrebbe voluto vederti ancora una volta
e guardandoti negli occhi dirti addio.
Le incomprensioni vi allontanarono
l'amicizia che professasti
improvvisamente evaporò
nell'indifferenza,
come bolla di sapone.
I suoi dubbi
divennero certezze,
per te fu solo una delle tante amicizie
da aggiungere all'album
da esporre ai nemici,
celandola ai veri amici.
Un'altra stagione conclusa
nella completa indifferenza.
Una statuina anonima
da esporre nel nuovo presepe dei ricordi.
L'inverno alle porte congelerà
ibridi pensieri
scavando solchi sempre più profondi,
allontanando immagini sbiadite dal tempo,
creandone nuove
per un futuro sereno.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitore del Club Poetico dal 16-11-2017

Questo autore ha pubblicato 28 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Amicizia,

sentirsi vicino,

oltre ogni distanza.

Amicizia,

leggersi e ritrovarsi,

in una parola,

in un' emozione,

in una lacrima,

in un sorriso.

Amicizia,

sentire un abbraccio

di profonda bellezza e calore.

Amicizia,

trovare quella tenerezza infinita,

attraverso quegli occhi

che ci leggono,

ci capiscono, 

ci sorprendono,

donandoci complicità assoluta.  

Insieme,

prendersi per mano,

sorridendo a quell' emozione,

donando con semplicità,

il nostro affetto,

la nostra più dolce carezza,

diventando il sole l' uno dell' altro.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Passione infinita  

Questo autore ha pubblicato 40 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
C'era un tempo in cui non ti sosteneva nessuno.
La vita ti prendeva cosi come arrivavi
e la pietà aveva poco tempo per insegnare.

Talvolta mi piangeva sul palmo della mano,
tutto rosso,come fosse già nel sogno
aspirando le lacrime dalle labbra incerte.

Sei rimasto tra le braccia di una strofa natalizia
aspettando che la natura ricominciasse da capo.

E leggiadro è l'intelletto che arrivò per primo
a giocare con un giocattolo caduto nella polvere.

Tu non sai neppure che tua madre trattava meglio
il suo cane,e meglio morì lì sotto al televisore.

Dalla cattedra si cominciò ad urlare,
e Mattia dal giorno dopo al primo
non venne più a scuola.

Troppo permalosi questi normali.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Luciano  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E'difficile crederci ancora,
le strade si separano
ma anche si incontrano.
La paura della ferita,
della sofferenza
sarà sempre li
dietro l'angolo
a ricordare,
a pensare,
che prima o poi
arriverà la delusione.
Il semaforo resta fermo sul rosso
il verde non scatta.
Resto in attesa
che la luce di nuovi sorrisi
farà scattare
quel verde smeraldo
che vive ancora
nel fondo dei miei occhi.


E' difficile crederci ancora,
ma lungo il mio cammino
forse una mano si tenderà verso di me
un sorriso si aprirà ai miei occhi,
una porta verso un percorso diverso
in cui poter credere davvero
Perchè la stretta della mano
sarà ferma e sincera e quel sorriso brillerà
come la luna e la notte non sarà più buia,
il sole mi sveglierà riempiendo di luce
i miei giorni spesso grigi
Voglio confidare ancora che qualcuno mi doni
un pendaglio di smeraldo verde brillante
conferma che un'amicizia vera può esistere
come può esistere un vero amore
che vive ancora

nel fondo dei miei occhi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: cristina biga*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 24-01-2012

Questo autore ha pubblicato 492 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Disseto ossari 

d’idee corrotte.

 

Rampica incavi 

ramo di glicine

 

come la corda

tesa dal buio.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Diego Bello  

Questo autore ha pubblicato 99 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Albino era il sogno
con testa di leone
e ampie  ali.
Aquila o chimera che fosse 
volava.
Solo con il sole
s'accorse che l'ombra non c'era
e precipitò.
Non si sa dove.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: francesco*   Sostenitore del Club Poetico dal 20-09-2017

Questo autore ha pubblicato 136 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Mezzaluna in Marocco,

circondata da stelle,

sul cuscino d’Occidente riposa.

Cala sul mare, e, fatta barca,

portami di là dello Stretto.

Ho ricordo di te

dalla veranda di Roma:

in sogno, in veglia ci rincorriamo.

~ ~ ~

Half-moon in Morocco,

surrounded by stars,

on the cushion of Occident it rests.

Go down on the sea, and, boat become,

take me to the other side of the Straits.

I have memories of you

from my veranda in Roma:

in dream, awaken we chase one another.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marco (poetaccio)  

Questo autore ha pubblicato 6 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Bastano:
le voci festanti,
intorno ad un tavolo?
Le chiacchiere,
davanti a uno schermo?
Bastano:
le avventure,
gli amori, le risse
e i bicchieri? Non so!
Non so,
se basta questo,
per dire... amici.
Quanti amici
si possono avere?
Tutti quelli
che vuoi? Forse!
Ma almeno due,
devono essere giusti.
L'amico, è quello
che arriva, quando
gli altri se ne vanno.
L'amico, è quello
che sa andare via.
Non si può
essere amico di tutti.
E non possono
essere tutti tuoi amici.
Fra di loro sono amici?
Magari no!
Ricordo le grandi
compagnie,
le scorribande.
Penserete, di quelli,
chissà quanti amici
ancora ho...
Ma anche no!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Loris Marcato  

Questo autore ha pubblicato 79 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Callisto è un gran signore
un uomo di mondo raffinato
affabile e gentile.
Se non fosse un antiquario
potrebbe essere un re
tant'è presente e discreto
anche quando non c'è.
Ama il classico, il teatro
il jazz, la musica sinfonica
le donne e il deltaplano.
Giovedì sera a teatro
per il fu Mattia Pascal
Callisto, nel prender posto
mi rivolse un timido:
- Mi scusi per le spalle!... -
Domenica mattina
con il sole e il deltaplano
com'era suo costume
Callisto ha preso il volo
e nessuno l'ha più visto.
Sparito tra le nubi sopra il lago
come un dio pagano.
Ogni tanto mi pare di vederlo
alto nel cielo sorpassare
timido qualcuno e sussurrare
col suo sorriso acerbo:
- Mi scusi per le spalle!... -
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: francesco*   Sostenitore del Club Poetico dal 20-09-2017

Questo autore ha pubblicato 136 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Che peccato!
La tua amicizia (Caspita!)
Un addio silenzioso,
solitario e gelido (non si ode).
 Un lutto in atto (da intuire),
Purgatorio
miserabile
d’effetto angusto e vasto.
 Storia malfamata
senza storia,
 e felicità puerile, senza vittoria.
E’ incredulo il mio cuore,
come un buon cristiano e il suo martirio,
  per il ridicolo timore e il tuo delirio.
  Giurami quanto sei stato mentitore!
Amico vano.
Sventurato.
Che peccato!
 

L'immagine può contenere: 2 persone
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Hera*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 04-05-2016

Questo autore ha pubblicato 385 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Come petali di rose, morbide parole
vado spargendo sul tuo sentiero
affinché mai tu possa, nel tuo 
languido incedere sul mondo,
sentire il freddo della cruda terra
e l'angosciosa carezza del vero
che sempre cerca di catturare
il tuo pensiero, strappandolo
talora all'infinito dei sogni.



1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ibla  

Questo autore ha pubblicato 87 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Mistiche lingue
dalle sillabe perse
colori,vestiti,ritualità

tratti segnati da rughe
sulle spalle d'ognuno

come tatuaggi.
uomo insito in etnie

retaggi di popoli antichi
idiomi che ricamano
bocche che parlano.
un unico gesto accomuna tutti
il sorriso.
ogni volto né e' pregno
magia che nasce e non si scorda più.
illumina da calore
carezza sul cuore
non ha prezzo
ne guerre lo possono cancellare
universale segno d'amore.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 284 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
La Primavera
sfrange il sole
e volge ai rami
il suo bel dire


 mi colora di mare


da li arriva la sua voce
e si fa casa .

Mi chiedo quale destino
ci ha unito e ci ha voluto insieme.

Lo stretto tace
il vento passa tra le righe


e sento il tempo riempire le mancanze

 ho mani d'aria fresca

e si lascia distillare.

Ho bisogno di leggerezza

e quel che rimane  è poesia 
e mi basta.





Risultati immagini per due amiche per sempre
Dedicata ad una cara amica  
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 649 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Giorni e giorni a ricordare le risate e i pianti,

la vita mette alla prova,

piovono addosso lacrime amare,

mi manchi veramente troppo.

Sogno che potrò ritrovarti

cancellando l'inchiostro del male.

Vivo la vita sperando che qualcuno mi capisca.

Ho intrapreso la strada lunga e complessa,

sappiamo che l'odio non può esistere

l'una per l'altra.

Giorni splendenti

che non si spegneranno mai,

resteranno per sempre

impressi nella mia memoria.

Rido in faccia al tempo che passa,

sfido il mio orgoglio,

accarezzando la ferita ancora aperta,

sfido la sfortuna.
L'immagine può contenere: cielo, nuvola, oceano, spazio all'aperto, natura e acqua








1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 606 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Amabile è
il tuo sorriso
amabile è la voce
che a me parla.


Attraverso il mare 
profumi di ginestra espande


in veste saggia di pensieri
penetra e fiorisce .


Qualcosa accade 
quando si disegna  il giorno 
e tu riempi il mio silenzio .


Accade che ...

Qualcosa muore 
e qualcosa nasce 
e il cielo lo sapeva! 


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 649 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.