Clac fa la porta alle spalle

e scende leggera le scale

e su, molleggiata,

fino in fondo al paese

poi i campi

gli olivi d’argento,

i lecci,

i pini a ventaglio sul mare.

Allora si leva le scarpe

con le stringhe le lega

ad un ramo

e cammina sul muschio,

sul tappeto di aghi,

sulla sabbia già calda.

Lontano, come un film

all'indietro, una mano

le sfiora i capelli

- svegliati Paola

 
Ma ora lei passeggia nell'acqua

si china   

e raccoglie conchiglie.


(a Paola sulla sedia a rotelle da trent'anni dopo un incidente stradale)

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tea  

Questo autore ha pubblicato 28 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.