Ll'anema mia arrassumiglia 'o mare,
i' mme ce tuffo faccenne 'o palummaro.
'Stu mare ca s'atturciglia 'int'a ll'onne,
mentre è na tavola, po' struppea 'e ssponne.
Quanno tengo dinto 'e mmariggiate,
schiaffeo e vvotto cavece p'e scoglie.

'O cielo se fa scuro...niro, se ncupisce
e tutto chello ca vede ll'arravoglia.
Sott'a luna chiena abbrillo e me sfezzeo,
si me ncazzo, chello ca trovo 'o sbrunzuleo.
Quanno mme sento dinto 'o ffuoco:
s'appiccene ncielo 'e llumminarie,

po' pigliene culore e poco a ppoco,
se tegne 'e arcobaleno tutta ll'aria.
Nun 'o pozzo cuntrullà tutto 'stu mare,
ca m'affonna e mme fa spisso tremmà:
s'agita, me cazzea, m'accavalla
dint'â spumma janca mme fa annaspà.

Quanno so' felice e 'o mare è cchiaro,
i' lasso a rriva cunchiglie e stelletelle.
Se ne regnene sicchie chine 'e ffigliole,
pe nne fa bracciale, ricchine e ccullanelle.
'E notte po'...quanno 'o mare se fa' scuro,
llà...pur'i me metto assaje paura.

Mme ne vaco ncerca 'e nu miraggio,
m'attacco a n'ancora pe mme fa' curaggio.
Nun ô saccio cuntrullà tutto 'stu mare,
ca se sfezzea a me da strattune e scosse.
Ma nfino a quanno ll'anema vo' sfrennesià,
continuo a mbarcà acqua e scansà fuosse.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si fosse nu sicondo fernesse 'int'a nu mumento,
tenesse justo 'o tiempo 'e me guardà nfaccia!
Si fosse n'ora tenesse 'e tiempo n'ora sultanto,
ma 'e n'ora sulamente...che nne faccio?

Si fosse nu mese, ncopp'ô foglio 'e calennario,
mme cuntasse ogni mminuto e quarto d'ora.
E si nun abbastasse e si a quaccosa servesse,
sparagnasse vulentiere 'e mme fa' 'a cuntrora.

Si fosse tiempo cercasse d'accurcià 'a nuttata:
ogni minuto fosse tutto tiempo guaragnato!
Nvece 'o tiempo 'e sulo na sbattuta 'e mane:
'int'a n'avutata d'uocchie è ggià ddimane.

E si mettesse 'o tiempo 'int'a nu carusiello,
o ll'annascunnesse sotto 'a na mattunella,
riuscesse a fermà 'o juorno fatto 'e ore fernute,
ogni scesa putesse addeventà sagliuta?

Si nfezzanneme dint'a vicule, strade, traverse,
fra na preta e n'ata truvasse 'o tiempo perzo!
Si putesse alluntanà chella brutta faccia scura,
chillu viso tutt'osse ca me fa' mettere paura!

Si annanze 'o fuosso nun me tremmasse a voce.
Si tenesse 'o curaggio 'e cristo 'nfaccia 'a croce.
Si me venesse ggenio 'e cantà chella canzone:
'a solita, chella bella, chella ca m'appassiona!

Ma 'o tiempo no...nun po' essere ammisurato:
chello ca mo' è presente fra n'ora già è passato.
E allora lasso perdere: parlo pe passà 'o tiempo:
nun guardo cchiù adderete: però...si fosse tiempo...
Giovanna Balsamo

Traduzione

Se fossi tempo...

Se fossi un secondo finirei in un momento,
non avrei il tempo di guardarmi in faccia!
Se fossi un'ora avrei di tempo un'ora soltanto,
ma di un'ora solamente, poi cosa ne faccio?
Se fossi un mese, sul foglio di calendario,
mi conterei ogni minuto e quarto d'ora.
E se non bastasse e servisse a qualcosa,
risparmierei volentieri di farmi la "controra."
Se fossi tempo cercherei di allungare la notte:
ogni minuto di luce sarebbe tempo guadagnato!
Invece il tempo è solo una battuta di mani:
mentre giri gli occhi, oggi è già domani.
E se mettessi il tempo in un salvadanaio,
o lo nascondessi sotto una mattonella,
riuscirei a fermare il giorno fatto di ore finite,
ogni ripida discesa potrebbe diventare una salita?
E se infilandomi in vicoli, strade e traverse,
fra una pietra e l'atra trovassi il tempo perso?
Se potessi allontanare quella brutta faccia scura,
quel viso tutto ossa che mi fa tanta paura!
Se davanti al fosso non mi tremasse la voce.
Se avessi il coraggio di Cristo sulla croce.
Se avessi voglia di cantare quella canzone:
la solita, quella bella, quella che mi appassiona!
Ma il tempo no, non può essere misurato:
quello che ora è presente fra un'ora è già passato.
E allora lascio perdere, parlo per perdere tempo.
Non guardo più indietro...però se fossi tempo...

Controra: tempo destinato al riposo pomeridiano
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'E passe 'e furmica so' ffertile e fruttuose,
chille 'e cicala so' assordante e rrumorose.
'E passe 'e ggigante vanno assaje luntano,
chille d' 'a lumaca vanno troppo chiano.
Cu e passe 'e tartaruga nun s'arriva maje,
cu 'e passe faveze può cadè addò vaje vaje.
Si faje passe stuorte vaje nfaccia 'o muro,
si faje nu passo 'a vota vaje cchiù ssicuro.
Passe e ripasse ma nun pruove spasso?
Dipenne 'a chi truove, dipenne d' 'e passe.
Passe ca vanno 'e pressa, passe nsistente,
passe ca rallentano quann'è 'o mumento.
Passe ca nun se fermene si 'e ssurpasse,
passe sempe eguale, ca pe cummurità nun lasse.
Passe luonghe na vita, passe 'e criature,
passe ca vanno nciampechianno 'int'o scuro.
Passe ca vide 'a luntano mentre cammine,
passe ca pe ccumpagnia vulisse vicino.
E mentre passe, t'aggire e arripasse,
vulisse turnà ncopp'e stesse passe.
Pigliasse 'a mana ca t'ha mparato 'e primme passe
e nsieme a essa te facisse ll'urdeme passe.

Traduzione

Passi

I passi di formica sono fertili e fruttuosi,
quelli della cicala assordanti e rumorosi.
I passi da gigante arrivano molto lontano,
quelli della lumaca vanno piano piano.
Con i passi di tartaruga non arrivi mai,
con i passi falsi cadi ovunque vai.
Se fai passi storti urti contro il muro.
Se fai un passo per volta, è più sicuro.
Passi e ripassi, ma non provi spasso?
Dipende da chi trovi, dipende dal passo.
Passi frettolosi, passi insistenti,
passi che rallentano quand'è il momento.
Passi che non si fermano se li sorpassi,
passi sempre uguali, che per comodità non lasci.
Passi lunghi una vita, passi di bambini.
Passi che vedi da lontano mentre cammini.
Passi che per compagnia vorresti vicino.
Passi che ti fanno tornare piccino.
E mentre passi, ti rigiri e ripassi,
se potessi torneresti su quei passi.
Prenderesti la mano di chi ti ha insegnato i primi passi
e insieme a lei faresti gli ultimi passi.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Vuliri chianciri e fari vuci,

ma nun putiri e ancutugnari.

Nun sebbu a nenti  matri mia!

Tu ci criri se t’ho dicu

ca puru a morti mi schifìa?

Comu si po' fari, di iurnata sana

sempri cu l’occhi a cantunera.

Cu tantu chiffari vaiu furriannu tunnu

e stu casciolo da buffetta

quanti voti u rapu e chiuru.

Ora lu posu e poi li pigghiu

mi rileggiu sta cunnanna.

Scrivi can nun torni, “sciatu mio!”

Pari ca bonu ci pinsasti:

pi sistimari a vita tua

a sfasciari chidda mia.


Addio con un biglietto

Voler piangere ed urlare,

ma non potere e intossicare

Non servo a nulla madre mia!

Ma tu lo credi se ti dico

che pure la morte non mi vuole.

Come si può fare per tutto il giorno

fissare l’angolo di strada.

Con tutto quello che ho da fare

vado girando in tondo

e il cassetto della credenza

quante volte lo apro e chiudo.

Ora lo poso poi lo riprendo

e ancora mi leggo la condanna.

Dici che non torni “respiro mio”

Pare che bene ci hai pensato:

per sistemare la vita tua

devi distruggere la mia.



1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ibla  

Questo autore ha pubblicato 128 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Anmò anmò d'april

ma l'è ancamò mes

"del dulc drumir",



da magg sa po tacàr

a mangià magioster

da sagur senza maggia



s'el gust te ciapa

i tensiun sa smorzan tucc

l'è cuma ... pizzà 'l ciar



magia tra i dencc

el savor s'impizza

... sa fa da fiuur.



Fan diventà fiulasc

par vagan in giostra

i magioster in boca



senza incorgess

ca in dree

per vèss mangiò



chel alter no ...

foeura d'agost,

san propi de nagòtt.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 278 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Pare luntana ma te sta' appustiata 'int'ê penziere.
Quanno te parla sape essere leale e ssincera.
Te mette mbocca parole ca valene e ccontene,
te da cunsiglie ca fra lloro spisso se scontrene.
Te libera d' 'a foglia secca ca cade d' 'o ramo.

È 'o ricciulillo picciuso ca te truove 'int'ê mmane.
È 'a vocia ca sì nun ll'appriezze te pare stunata,
è 'o chianto ca se 'mprutusea mmiezo 'e rresate.
È 'o juorno ca nasce ogni matina cu nu vagito,
È 'a macchia nera ca nun scancielle cu 'a matita.

È 'a ragione ca nun ave tuorto e si n'haje bisogno,
te s'accosta, te cazzea, te mozzeca e te pogne.
Ncopp'ê fferite frive e vvolle comme acqua santa:
si 'a pierde sì ffuttuto...nun ce ne stanne tante!
Si pe quacche mutivo ce vuò scennere a ppatto,

è ttutto tiempo perzo: nun lle piacene 'e ricatte.
Nun lle mporta sì ncapa tiene curone 'e alloro,
o si faje 'o saputiello e spute 'int'ô vacillo d'oro.
Se nfizza ncuorpo, te trase nfino a ddinto a ll'osse,
nun se mpressiona si parle cu 'e pparole grosse.

Si po' te siente 'mpena e nun truove arricietto,
è nu bbarzamo si cu na mana t' 'a passe mpietto.
Nun se venne, nun s'attacca, però te da' udienza
e si lle cirche cunziglio t'accoglie cu ppacienza.
Tu oppure n'ato p'essa nun fa' nisciuna differenza:

nun sbaglia maje...è ssempe chiena 'e cumpetenza.
T'illumina e abbaglia, ma si 'a guarde nun te stanca.
Nun tene macchie: è bella, luminosa e ttutta janca.
Chi 'a chiamma anema, chi fede, chi cunoscenza.
Ma essa tene sulo nu nomme: se chiamma cuscienza.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Facce lise, maldrattate d'ô tiempo
carte geografiche signate d'ô viento.
Storie antiche vecchie e strupicciate,

libbre apierte ca 'o tiempo ha signato.
Pagine angariate a chi ll'ha liggiute,
vite passate 'e storie quase fernute.

'Sti ppiante dint'â terra germugliate,
so' 'e ricorde 'e 'na vita già passata.
Tanta solche cu mille piante diverse,

ca cu 'o passà d'ô tiempo se so' pperze.
Ogni pensiero nasce 'nu capillo janco:
po' lemme lemme se nne cade stanco.

E' tutta frutta ammatura e zzucosa,
semmenata a viecchie cuntadine,
ca llacremanno lle passavene vicino.

Mentre hê gguardo provo ammirazione:
quanno parlene te danno 'na lezione.
'E vvoglio bbene a 'sti ccarte vetrate,

troppo spisso 'nchiuse e abbandunate.
So' ppagine janche 'e chi ancora scrive:
mentre hê sfoglio se sentene 'e suspire...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Chi nasce cu 'a cammisa,
oppure già miezo acciso.
Chi nasce acciurtato,
bello e 'mprufummato.
Chi nasce niro comm'â pece,
chi russo, chi paunazzo.
Chi nasce dint'ô castello,
chi dint'â 'nu bello palazzo.
Chi nasce figlio 'e puttana,
chi figlio 'e pascià o 'e rrè.
Chi nasce senza genio
e senza manco 'o vulè.
Chi nasce figlio 'e nisciuno,
o sotto 'o chiaro 'e luna.
Chi nasce figlio 'e 'ntrocchia,
o dint'â 'na parrocchia.
Chi nasce pe sbaglio
e chi miezo cacaglio.
Chi nasce senza peccato,
chi comm'ô giglio 'mmaculato.
Chi nasce affurtunato
e 'nun prova 'mbarazzo
e chi 'vene vummecato
comme fusse sputazza.
Comm'è, comme 'nun è...
sarrà come sarrà...ma...
'na fella 'e bbona ciorta,
ogneduno ll'avessa pruvà.
E po' sarranno mazze 'e rose,
mazze 'e scopa, mazze 'e carte.
Sarranno cape sciacquere,
carte 'e tressette, 'mbrattacarte.
'Na sola cosa è certa;
o faje 'o bravo o faje 'o pazzo,
dint'â vita pe campà buono,
ce vo' sempe 'o mazzo...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

'O sole 'e matina, quanno è 'na bbella jurnata, 

se mette fucuso mmiezo 'e mmuntagne affacciato.

Lloro nun' dicene niente, 'o fanno stà appujato
isso se n'apprufitta, s'allarga e fa 'o scrianzato.

Cu llentezza pecchè 'nun tene pressa, nasce ll'aurora. 
'O sole 'a va pittanno cu 'nu pucurillo 'e chiarore.

Po' quanno saglie 'ncoppa 'o carro e s'assetta adderete, 
se fa trainà a ciento cavalle e va appiccianno 'o pianeta.

Parla 'na lengua muta cu arbere, aucielle e pine.
So' chiacchiere fatte 'e segne cu animale e farfalline.

È 'nu linguaggio facile, ca 'nun s'ha dda 'mparà. 
È 'nu munno fatto 'e geste, addò 'e mute ponno parlà.

Po' 'nu lenzuolo giallo, schiarisce lentamente 'o prato. 
So ciure ca se movene lente pecchè mo' mo' se sò scetate.

Se fanno quacche chiacchiera leggiera e mattutina;
'ntanto ca bevene latte 'nzuccurato 'e bbrina.

Chesto succede tutte 'e juorne quanno se sceta 'o sole:
isso ascarfa...e 'a natura pe rispetto spanne addore... 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tisin
te gà propi metù lì
a marcà giò el cunfin
framèz barbera
- no la hanna -
ross minga fumm
e klinten
– el sciur del clinto -


ma chèi saltafòss
benpensant
ca ciccià no
i gà travisà su
tuss coss


e nsema a la ghigna
i gà vorù fà
n'altra divisiun:
framèz clinic
e barbari
- chèi ca sé fan dree
e chi creet
duma a fas la barba -


che po
gò minga capii anmò
da che part sòn
a me
me paran instèss
no, minga chì ross


... prosit.

 

Traduzione: Tisin (Ticino) te gà propi metù lì (ti hanno proprio messo lì) a marcà giò el cunfin (a segnare il confine) framèz barbera (tra) - no la hanna - ross minga fumm (rosso non fumo) e klinten – el sciur del clinto – (il signore del..) ma chèi saltafòss (ma quei tranelli) benpensant ca ciccià no (che non bevono vino) i gà travisà su tuss coss (hanno travisato su ogni cosa) e nsema a la ghigna (e insieme alla faccia brutta) i gà vorù fà n'altra divisiun: (hanno voluto fare altra divisione:) framèz clinic e barbari tra clinici e barbari - chèi ca sé fan dree e chi creet duma a fas la barba – (-quelli che si curano e quelli che pensano solo a farsi la barba -) che po gò minga capii anmò (che poi non ho capito ancora) da che part sòn (da che parte sono) a me me paran instèss (a me sembrano uguali) no, minga chì ross (no, non quelli rossi) ... prosit.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 278 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'O pparlà avvacante è 'na zezzenella senza latte.
È 'na fenesta aperta ca tuculiata d'ô viento sbatte. 
È 'na connola senza criaturo, 'nu prato senza ciore,
'nu cuollo senza 'a capa, 'nu pietto senza 'o core.

Quanta gente parla parla e tu te staje zitto 'e siente,
appizze 'e rrecchie speranno 'e avè n'insegnamento.
Pienze ca è 'a vota bona pe te 'mparà 'na leziona.
Accuorto staje a ssentere mettennece attenzione.

Aspiette ca ll'aggraziato suono 'e 'nu mandulino,
te 'ntona 'na strofa p'organizzà 'nu concertino.
Spiere ca 'na luce scintillanno te da n'illuminazione.
Guarde 'e n'aria cercanno 'e acchiappà ll'ispirazione.

Staje attiento a 'nun te perdere manco 'na parola,
te lusinghe ca staje avenno 'na granda e bona scola.
Ma quanno po' t'accuorge ca è 'nu parlà avvacante,
ca so' sulo chiacchiere e 'nun è niente 'e 'mpurtante,

dint'ê rrecchie te siente 'e sbuffà e suspirà 'o viento
e ce rimane male pecchè 'nun t'he 'mparato niente.
'O pparlà avvacante è comme a 'nu sciuscio 'e viento:
è acqua ca 'nun 'nfonne, 'nun leva sete: 'nun è niente...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si putesse parlà c'ô mare e si me rispunnesse,
'o cunsignasse 'na butteglia cu dinto 'nu messaggio,
ma chesto sempe si isso me stesse a ssentere,
si me rispunnesse e si mme ne desse ll'agio!
'O dicesse: "quanno vide 'nu nennillo, 'nu crestiano

acquetete, tienele 'nsino, 'nun 'o vuttà luntano.
Tutto chello ca dint'â 'sti vvraccia t'arravuoglie:
abbraccetello delicato, miettele 'ncopp'â 'nu scoglio.
Po' essere ca 'na sirena truvannese a passà 'a llà,
cu 'nu colpo 'e coda 'ncopp'â rena ô vva a appujà.

Si putesse vattere 'o mare quanno addiruso s'aizasse,
'o paccariasse 'nfino a quanno 'nun se calmasse.
Trasenne 'ncunfidenza 'o dicesse: "ma si tu si blù...
quanno addiviente russo comme te siente mare tu?"
T'addivierte a t'arrubbà 'o sanghe d'â povera gente,

'e chi 'nun tene colpe, 'e chi 'nun t'ha fatto niente.
Cercasse cu mode aggarbate d'ô da 'nu cunziglio,
'o facesse accapì ca forse sbaglia pe ppuntiglio.
Dint'â nervatura tutta 'ncazzata 'o minacciasse
e cu 'nu straccio luongo luongo ll'asciuttasse.

Si putesse parla cu 'o mare 'o desse tanta strille
e ppigliata d'â rraggia ll'acchiappasse p'ê capille.
'O levasse 'a cuorpo tutto 'o sanghe fraceto e pazzo,
e si 'nun abbastasse 'o vattesse cu 'na mazza.
Facesseme a mazzate, ascesseme a pisce fetiente

po' ce vasasseme comme 'nun fosse succiesso niente.
C'abbracciasseme, addeventasseme cumpagnielle
e po' piscasseme appaciate 'ncopp'â 'na varchetella.
Si sapesse parlà cu 'o mare mme mettesse llà
e parlannece...'nu poco 'a vota 'o facesse arragiunà...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Fuoco ca m'appicce quanno passe
me strapazze, arde e me cunfuorte,
saglieme vullente dinte 'e vvene
e traseme 'nfino a ddinto a ll'uocchie.
Cu 'a faccia tutta rossa e emozionata,

rerenno sempe, me sento già sturdita:
tu fiamma ca saje ardere brillante,
'nfuocate 'e famme schiuppà 'e vita.
No, 'nun te stutà...saglieme 'ncoppa:
cuoceme aspettanno ca m'appiccio.

'Nun dicere ca chistu bene gruosso,
te pare sempe e sulo 'nu capriccio.
'A vocca s'è 'ncantata e cant'ammore,
addeventata strumento sona forte:
volle appassiunata 'e sentimento

e 'stu core mpazzuto scassa 'e pporte.
'E vvene pulsene sanghe e pure tu,
fuoco dirumpente sempe 'e cchiu'.
Passiona 'nsanguinata ca 'nun mente:
rossa 'nfucata...maje trasparente,

Avviluppeme, atturcigliate cu mme,
'nun haje bisogno 'e addimannà pecchè.
'O core pompa sanghe e va' 'rruranno,
'a pelle e tutte quante ll'organe vicine.
S'arracqquene 'ntanto ca me tuocche

e j' me scarfo, comme bevesse vino.
'E te mme n'aggia fa 'na panza chiena:
te voglio sentere 'e cocere 'nsistente.
M'abbasta ca te sento e ca m'affianche,
pecchè senza 'stu ffuoco 'nun so' niente...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Può murì 'e sete, 'e famme p'â rraggia,
può murì 'e paura si t'ammanca 'o curaggio.
Può murì pe 'na vita scagnata, senza culore.
può murì p'ô troppo friddo e p'ô calore.
Ogni ghiuorno vulimmo o 'nun vulimmo,

'nu poco 'a vota tutte quante murimmo.
'Nun saje quanno né addò te capitarrà,
ma saje ca primma o poje succedarrà.
Pure si te ne fuje essa t'acchiappa 'o stesso,
t'afferra e te lassa llà comme a 'nu fesso.

Te po' capità 'e murì mentre faje 'nu fatto:
muore 'mpruvvisamente, a ll'intrasatto.
Muore mentre piense a ogge a ddimane
e 'nvece tiene 'e tiempo scarzo 'na semmana.
Te nne vaje vaganno pe strade scunusciute

e 'ncopp'â terra rimmane sulo 'nu tauto.
Muore senza capì si haje ragione o tuorto:
a che te serve d'ô sapè quanno sì muorto!
J' vaco e sotto 'e piede mie 'o cielo se 'nzerra,
me scutuleo 'a cuollo 'nu pezzullo 'e terra.

Corro pe piglià 'nu treno ca m'ha aspettato:
chillo cu 'na sola corza, 'na sola fermata.
Penso e ripenso a comme songo muorto,
riflettenno si quaccosa è gghiuto stuorto.
Me s'avvicina 'nu giovane 'ncopp'â trentina:

capille luonghe, ll'uocchie verde celestino.
'J 'o guardo e ddico: "ma tu si 'o signore?
Isso mme risponne: "chiammeme Salvatore."
Mme s'avvivina n'amico 'e tantu tiempo fa,
dice: "viene, 'o bello ha dda ancora accummincià..."
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sì fosse n'auciello 'nun me sentesse perzo, 

pecchè sapesse sempe truvà ll'esatto verzo.

'Ncopp'â 'na fenestella comm'â n'angioletto, 
te cantasse 'na canzona piglianno 'o do di petto.

M'appresentasse a tte come 'nu cardillo giallo,
pe te da 'nu vaso ncopp'â vocca toja 'e curallo.

Zumpettianno zumpettianno te desse 'nu murzillo, 
senza te ne fa addunà 'npont'ô naso pezzerillo.

Mentre tu m'allungasse quacche mmullechella 
te desse 'nu pezzechillo 'ncopp'ê mmane belle.

Si fosse n'auciello cinguettannete ammore, 
te cantasse 'e ccanzone c'aggio scritto c'ô core.

Si fosse n'auciello che mme firasse 'e cumbinà:
cu murzille e pizzechille te facesse 'nnammurà...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 118 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.