'O sole 'e matina, quanno è 'na bbella jurnata, 

se mette fucuso mmiezo 'e mmuntagne affacciato.

Lloro nun' dicene niente, 'o fanno stà appujato
isso se n'apprufitta, s'allarga e fa 'o scrianzato.

Cu llentezza pecchè 'nun tene pressa, nasce ll'aurora. 
'O sole 'a va pittanno cu 'nu pucurillo 'e chiarore.

Po' quanno saglie 'ncoppa 'o carro e s'assetta adderete, 
se fa trainà a ciento cavalle e va appiccianno 'o pianeta.

Parla 'na lengua muta cu arbere, aucielle e pine.
So' chiacchiere fatte 'e segne cu animale e farfalline.

È 'nu linguaggio facile, ca 'nun s'ha dda 'mparà. 
È 'nu munno fatto 'e geste, addò 'e mute ponno parlà.

Po' 'nu lenzuolo giallo, schiarisce lentamente 'o prato. 
So ciure ca se movene lente pecchè mo' mo' se sò scetate.

Se fanno quacche chiacchiera leggiera e mattutina;
'ntanto ca bevene latte 'nzuccurato 'e bbrina.

Chesto succede tutte 'e juorne quanno se sceta 'o sole:
isso ascarfa...e 'a natura pe rispetto spanne addore... 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tisin
te gà propi metù lì
a marcà giò el cunfin
framèz barbera
- no la hanna -
ross minga fumm
e klinten
– el sciur del clinto -


ma chèi saltafòss
benpensant
ca ciccià no
i gà travisà su
tuss coss


e nsema a la ghigna
i gà vorù fà
n'altra divisiun:
framèz clinic
e barbari
- chèi ca sé fan dree
e chi creet
duma a fas la barba -


che po
gò minga capii anmò
da che part sòn
a me
me paran instèss
no, minga chì ross


... prosit.

 

Traduzione: Tisin (Ticino) te gà propi metù lì (ti hanno proprio messo lì) a marcà giò el cunfin (a segnare il confine) framèz barbera (tra) - no la hanna - ross minga fumm (rosso non fumo) e klinten – el sciur del clinto – (il signore del..) ma chèi saltafòss (ma quei tranelli) benpensant ca ciccià no (che non bevono vino) i gà travisà su tuss coss (hanno travisato su ogni cosa) e nsema a la ghigna (e insieme alla faccia brutta) i gà vorù fà n'altra divisiun: (hanno voluto fare altra divisione:) framèz clinic e barbari tra clinici e barbari - chèi ca sé fan dree e chi creet duma a fas la barba – (-quelli che si curano e quelli che pensano solo a farsi la barba -) che po gò minga capii anmò (che poi non ho capito ancora) da che part sòn (da che parte sono) a me me paran instèss (a me sembrano uguali) no, minga chì ross (no, non quelli rossi) ... prosit.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 188 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'O pparlà avvacante è 'na zezzenella senza latte.
È 'na fenesta aperta ca tuculiata d'ô viento sbatte. 
È 'na connola senza criaturo, 'nu prato senza ciore,
'nu cuollo senza 'a capa, 'nu pietto senza 'o core.

Quanta gente parla parla e tu te staje zitto 'e siente,
appizze 'e rrecchie speranno 'e avè n'insegnamento.
Pienze ca è 'a vota bona pe te 'mparà 'na leziona.
Accuorto staje a ssentere mettennece attenzione.

Aspiette ca ll'aggraziato suono 'e 'nu mandulino,
te 'ntona 'na strofa p'organizzà 'nu concertino.
Spiere ca 'na luce scintillanno te da n'illuminazione.
Guarde 'e n'aria cercanno 'e acchiappà ll'ispirazione.

Staje attiento a 'nun te perdere manco 'na parola,
te lusinghe ca staje avenno 'na granda e bona scola.
Ma quanno po' t'accuorge ca è 'nu parlà avvacante,
ca so' sulo chiacchiere e 'nun è niente 'e 'mpurtante,

dint'ê rrecchie te siente 'e sbuffà e suspirà 'o viento
e ce rimane male pecchè 'nun t'he 'mparato niente.
'O pparlà avvacante è comme a 'nu sciuscio 'e viento:
è acqua ca 'nun 'nfonne, 'nun leva sete: 'nun è niente...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si putesse parlà c'ô mare e si me rispunnesse,
'o cunsignasse 'na butteglia cu dinto 'nu messaggio,
ma chesto sempe si isso me stesse a ssentere,
si me rispunnesse e si mme ne desse ll'agio!
'O dicesse: "quanno vide 'nu nennillo, 'nu crestiano

acquetete, tienele 'nsino, 'nun 'o vuttà luntano.
Tutto chello ca dint'â 'sti vvraccia t'arravuoglie:
abbraccetello delicato, miettele 'ncopp'â 'nu scoglio.
Po' essere ca 'na sirena truvannese a passà 'a llà,
cu 'nu colpo 'e coda 'ncopp'â rena ô vva a appujà.

Si putesse vattere 'o mare quanno addiruso s'aizasse,
'o paccariasse 'nfino a quanno 'nun se calmasse.
Trasenne 'ncunfidenza 'o dicesse: "ma si tu si blù...
quanno addiviente russo comme te siente mare tu?"
T'addivierte a t'arrubbà 'o sanghe d'â povera gente,

'e chi 'nun tene colpe, 'e chi 'nun t'ha fatto niente.
Cercasse cu mode aggarbate d'ô da 'nu cunziglio,
'o facesse accapì ca forse sbaglia pe ppuntiglio.
Dint'â nervatura tutta 'ncazzata 'o minacciasse
e cu 'nu straccio luongo luongo ll'asciuttasse.

Si putesse parla cu 'o mare 'o desse tanta strille
e ppigliata d'â rraggia ll'acchiappasse p'ê capille.
'O levasse 'a cuorpo tutto 'o sanghe fraceto e pazzo,
e si 'nun abbastasse 'o vattesse cu 'na mazza.
Facesseme a mazzate, ascesseme a pisce fetiente

po' ce vasasseme comme 'nun fosse succiesso niente.
C'abbracciasseme, addeventasseme cumpagnielle
e po' piscasseme appaciate 'ncopp'â 'na varchetella.
Si sapesse parlà cu 'o mare mme mettesse llà
e parlannece...'nu poco 'a vota 'o facesse arragiunà...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Fuoco ca m'appicce quanno passe
me strapazze, arde e me cunfuorte,
saglieme vullente dinte 'e vvene
e traseme 'nfino a ddinto a ll'uocchie.
Cu 'a faccia tutta rossa e emozionata,

rerenno sempe, me sento già sturdita:
tu fiamma ca saje ardere brillante,
'nfuocate 'e famme schiuppà 'e vita.
No, 'nun te stutà...saglieme 'ncoppa:
cuoceme aspettanno ca m'appiccio.

'Nun dicere ca chistu bene gruosso,
te pare sempe e sulo 'nu capriccio.
'A vocca s'è 'ncantata e cant'ammore,
addeventata strumento sona forte:
volle appassiunata 'e sentimento

e 'stu core mpazzuto scassa 'e pporte.
'E vvene pulsene sanghe e pure tu,
fuoco dirumpente sempe 'e cchiu'.
Passiona 'nsanguinata ca 'nun mente:
rossa 'nfucata...maje trasparente,

Avviluppeme, atturcigliate cu mme,
'nun haje bisogno 'e addimannà pecchè.
'O core pompa sanghe e va' 'rruranno,
'a pelle e tutte quante ll'organe vicine.
S'arracqquene 'ntanto ca me tuocche

e j' me scarfo, comme bevesse vino.
'E te mme n'aggia fa 'na panza chiena:
te voglio sentere 'e cocere 'nsistente.
M'abbasta ca te sento e ca m'affianche,
pecchè senza 'stu ffuoco 'nun so' niente...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Può murì 'e sete, 'e famme p'â rraggia,
può murì 'e paura si t'ammanca 'o curaggio.
Può murì pe 'na vita scagnata, senza culore.
può murì p'ô troppo friddo e p'ô calore.
Ogni ghiuorno vulimmo o 'nun vulimmo,

'nu poco 'a vota tutte quante murimmo.
'Nun saje quanno né addò te capitarrà,
ma saje ca primma o poje succedarrà.
Pure si te ne fuje essa t'acchiappa 'o stesso,
t'afferra e te lassa llà comme a 'nu fesso.

Te po' capità 'e murì mentre faje 'nu fatto:
muore 'mpruvvisamente, a ll'intrasatto.
Muore mentre piense a ogge a ddimane
e 'nvece tiene 'e tiempo scarzo 'na semmana.
Te nne vaje vaganno pe strade scunusciute

e 'ncopp'â terra rimmane sulo 'nu tauto.
Muore senza capì si haje ragione o tuorto:
a che te serve d'ô sapè quanno sì muorto!
J' vaco e sotto 'e piede mie 'o cielo se 'nzerra,
me scutuleo 'a cuollo 'nu pezzullo 'e terra.

Corro pe piglià 'nu treno ca m'ha aspettato:
chillo cu 'na sola corza, 'na sola fermata.
Penso e ripenso a comme songo muorto,
riflettenno si quaccosa è gghiuto stuorto.
Me s'avvicina 'nu giovane 'ncopp'â trentina:

capille luonghe, ll'uocchie verde celestino.
'J 'o guardo e ddico: "ma tu si 'o signore?
Isso mme risponne: "chiammeme Salvatore."
Mme s'avvivina n'amico 'e tantu tiempo fa,
dice: "viene, 'o bello ha dda ancora accummincià..."
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sì fosse n'auciello 'nun me sentesse perzo, 

pecchè sapesse sempe truvà ll'esatto verzo.

'Ncopp'â 'na fenestella comm'â n'angioletto, 
te cantasse 'na canzona piglianno 'o do di petto.

M'appresentasse a tte come 'nu cardillo giallo,
pe te da 'nu vaso ncopp'â vocca toja 'e curallo.

Zumpettianno zumpettianno te desse 'nu murzillo, 
senza te ne fa addunà 'npont'ô naso pezzerillo.

Mentre tu m'allungasse quacche mmullechella 
te desse 'nu pezzechillo 'ncopp'ê mmane belle.

Si fosse n'auciello cinguettannete ammore, 
te cantasse 'e ccanzone c'aggio scritto c'ô core.

Si fosse n'auciello che mme firasse 'e cumbinà:
cu murzille e pizzechille te facesse 'nnammurà...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
È 'na femmena arrogante e misteriosa,
ca va stutanno tutte 'e lluce addò s'apposa.
Cammina annascusa addereto a 'nu velo niro,
se move sempe 'e pressa: a stiento 'a vire.
Pare quase ca prova 'nu certo disagio
e ca 'e mustrarse ll'ammanca 'o curaggio.
Si 'a guarde 'nsistente se sente 'mpacciata,
tene sempe 'a faccia accummigliata.
Quanno 'e sera 'o sole stanco s'arretira
e ogni culore addeventa scuro e niro,
essa s'acquatta comme a 'na pantera
e aspetta 'nfino a quanno scenne 'a sera.
Sulo sotto 'a lucia fioca 'e 'nu lampione,
'e piede 'e 'nu lumme 'e cannella pare juorno.
'Na palomma abbabbiata 'a chella luce,
curiusanno svulazza pe llà attuorno.
Vola sfarfallianno e 'nun sta maje ferma:
'nun capisce ca è sulamente 'na lanterna.
Quanta vocche nnammurate dint'â nuttata,
se 'ncontrene: 'nun se sentene spaisate.
Se cerchene fremmenne cuorpe cucente,
ca 'a notte accummoglia cumpiacente.
Ogni 'ntanto s'aizene 'ncielo lampetelle:
so' luce 'e terra ca stanne p'addivintà stelle.
'Nu nennillo chiagne 'mpaurito dint'ô scuro,
'nu brillio 'e mamma 'o fa sentere sicuro.
Quanno 'o juorno se sceta e tuzzulea 'a porta,
accumpare comme pe magia 'nu tulipano,
Affiorene 'mpruvvisamente tutte 'e lluce,
'a terra e 'o cielo se salutene 'a luntano.
S'arrapene e ffeneste, 'o sole trase e coce,
'a vita torna a nascere, 'o juorno aiza 'a voce.
Mentre 'o scuro se culora e 'a notte s'alluntana,
ll'aria se 'nsapurisce 'e n'addore 'e ciure e pane...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Chi songo? So’ Peppina Raniere...e faccio 'nu mestiere
viecchio comm'ô munno, ca però me fa campa'.
Nun è chisto 'o nomme mjo: j' mme chiammo Maria:
'nun saccio fa miracule, ma me pozzo organizzà.
Aggio scigliuto 'stu nomme pe mme da 'nu tono
e dongo quacche llezione a chi se vo' ‘mparà.
So' 'na pupata 'e zucchero: tengo ll'anema doce,
si vuò te metto 'ncroce, ma senza te 'nchiuvà.
'Nfino a mmó 'e me...nisciuno s'è maje lagnato,
pecchè chello c'aveva da...j' ll'aggio sempe dato.
Tutte m’addimannene, tutte quante vonno sapè,
me guardene cu disprezzo: se sentene meglio ‘e me.
Se ‘mpiccene, so’ trasuticce...sanno sulo giudicà,
ma j’ tengo tanta cumpare ca mme sanno piglià!
J' 'e ddongo 'nu sustegno e lloro pe n'impegno, 
me fanno passà cierti sfizie ca me fanno mangià.
'O mio è 'nu mestiere antico e sapete che vi dico:
si venite addereto 'o vico vve faccio arricrià!
"Ma che tenite 'a dicere: 'nun venno birre e cicere,
chesta fatica mme sape da...'na certa dignità.
Nun avite bisogno e mettere a ffuoco a fantasia, 
p'addivina' quanta delizia ve da 'sta mercanzia....
e po' j' so' famosa: ogneduno mme cunosce:
j’ 'a ggente nun ll'ammoscio: me saccio cumpurtà.
Nun so' 'na munacella, songo assaje friccicarella,
nun songo tanta bella, ma me saccio fa apprezzà.
'O tiempo pero' è carogna e 'a miccia s'è studata:
'a tantu tiempo oramaje 'nun da chella fiammata!
Accussì Peppina Raniere ha fernuto e fa 'o mestiere,
ma s'arricorda d'ajere quanno steve llà a pazzia'.
Tene ancora ‘e tre cumpare, ca senza vule' niente, 
nun tenenne 'e core pezziente, a vanno a cunsulà.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

'O munno d'ê criature

"Datammillo, 'o voglio j' 'stu criaturo appisolato.

M'ô cullo lento lento: s'è 'a poco addormentato.

'O sento chiagnere. Ma comme chiagne ancora?

Asciuttete 'sti llacreme, ce stongo j' ca te cunsolo".

Tu viene 'a chillu munno d'ê ninne prenotate.

'Nun si vero, né reale 'nfino a quanno 'nun si nato.

Ninna nanna birichina. A chi attocca 'stu bambino?

Attuccasse a chella mamma ca ll'aspetta ogni matina".

Tutte 'e ninne e tutte 'e nenne cu 'e mane chiene 'e stelle,

'nsieme 'e frate culurate se fanno 'e gire p'ô criato.

'Na scalella porta 'ncielo, 'ncoppa 'o nido d'ê neonate.

Mammarella mo' 'e sagliuta: se n'è pigliato n'ato.

'Nu custode 'ndaffarato tene 'a bada 'e pargulille.

È venuta n'ata mamma: "Comm'è bello, voglio chillo!

Don Antonio sfastediato. "Mo' ve ne pigliate n'ato"?

Va buo". Risponne mamma. "Mario mio, vuleva 'o frate!"

Saglie sempe chesta scala. 'A tant'anne saglie 'nvano.

Ce torna tutte 'e ghiuorne. Ha fatto 'e calle 'e mmane.

Ogni juorno arrivo 'nponta, nun appena 'a capa sponta,

don Antonio lle dice pronto: "Cuncetti' viene dimane.

'Sta femmena 'nsistente affranta, triste e disperata,

fa n'atu tentativo, ma è sempe cchiù pruvata.

Vuje ne tenite tante e tante. Pecchè 'nun ô pozzo avè?

Ve supplico, datammilo 'nu nennillo pure a me.

M'ô tengo astritto 'mpietto. 'O dongo 'o llatte mio.

M'ô voglio abbraccià forte. 'Nun so' mamma pur'j'?"

"E ccriature so' tante, ma 'nun songo abbastanza.

V'ô ffaccio assapè j'...si 'nu nennillo po' m'avanza.

Mo' ghiatevenne 'a casa vosta e 'nun ce pensate.

Primma o poi succede ca venite accuntentata.

'Nun appena mme capita, v'ô giuro ca ve 'nformo.

"Sentiteme guardia'. "Dimane j' ccà ce torno."

'Sta femmena privata se ne scenne 'a scalella,

cu 'e mmane avvacante e senza criaturella.

È disperata, chiagne: 'nun se rassegna e allora,

voca 'a connola vacante: chiena...però sulo d'ammore. 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Abbascio 'a 'na strada, 'mpont'ô vichiariello,
'nu vicchiariello ca a malapena cammina,
truvannese a passà annanze a 'na cantenella:
annasiaje pe ll'aria ll'addore 'e 'nu nuvello vino.
Stanco 'ncopp'â 'nu pizzo 'e muro s'assetta,
s'appiccia 'nu muzzunciello 'e sigaretta.
Se mette llà assettato 'mponta 'mponta
e cu 'nu farzuletto s'asciutta 'o viso e 'a fronte.
S'appoja a 'nu bastunciello pe s'arripusà,
po' guardannese attuorno se mette a curiusà.
Tre ccriaturelle sfiziose e aggraziatelle,
jochene acchiapparella pe llà annanze.
'Na mamma alluccanno 'a coppa 'a fenesta
se chiamma 'e ffiglie soje pe ll'ora 'e pranzo.
Tenenne 'a mmente 'o viecchio s'arricorda
e quanno era ancora giovene e gguaglione.
Pure isso teneva 'na bella mammarella,
ca 'o chiammava 'a coppa 'a 'nu balcone.
'Mpruvvisamente se leva 'a coppola e suspira:
'nu passante pietuso 'o riala ddoje o tre lire. 
È miezujuorno e 'o sole votta 'nu bello calore,  
'o viecchio se scarfa 'a faccia e pure 'o core.
Appisulannese se sonna 'na tavola 'mbandita,
tutta addubbata a ffesta e cu 'nu tutto e cchiù.
Candelabre, vase cu 'e ciure, purtate a volontà,
pusate argiento, tuvaglie arricamate e servitù.
'Ntanto 'o povero Nicola: è chisto 'o nomme,
è 'a n'ora oramaje ca se fa ll'urdemo suonno.
Se n'è gghiuto e nisciuno se n'è accuorto:
è muorto triste, senza avè maje fatto 'nu tuorto.
Come è brutta ll'esistenza d'â povera gente,
ca pe tutta 'a vita va annanze a botta 'e stiente.
'Nun riesce addeventà maje 'o nummero uno
e pure 'a muorto continua a essere nisciuno.
Ma stì ccose se vedene sulo 'ncopp'â terra,
addò 'e crestiane se sentene immortale.
'Ncielo tutto chesto pe ffurtuna 'nun succede:
llà 'e ffemmene e ll'uommene songo speciale.  
Si pensasseme ca 'o cuorpo è sulo 'na cuperta
e sotto 'a pelle spisso simmo brutte e scure,
ce pittasseme ll'anema cu palomme e rose janche,
pe quanno po' murenno rimanimmo annure...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



Sarrà pure vero ca 'e pazze songhe pazze,
però...'stu fatto ca 'e pazze so' pazze...
'nun se po' suppurtà, 'mbè me fa ascì pazza. 
'E pazze so' sincere e 'nun dicene bucie,
vivene dinto a 'nu munno fatto 'e fantasie. 
Cu n'amico immaginario se ne vanno parlanno:
sarrà pure pazzaria, ma stanno 'ncumpagnia!
Spisso pe se fa sentere te cantene canzone,
po' parlano cu ll'aria credennola perzona.
Cu ll'uocchie sbarrate te guardene spaventate,
se fissene 'nu muro c'ô sguardo spiritato.
'O pazzo allucca forte pecchè se vo' fa sentì 
e nuje 'o damme ragione pe 'nun ô cuntraddì.
Però 'a pazzaria o forse 'a scarza ragione,
te fanno passà pe strade ca 'nun tenene nomme.
Ogni cosa 'o posto suojo ce serve p'â chiammà:
senza manco 'nu nomme 'o sano 'nun po' stà. 
Però si 'a capa toja te dice e fa cose 'e pazze,
falle, 'nun te fermà: 'mpazzisci e parte a razzo.
'Na bbella pazzaria te po' ddà soddisfazione. 
Se po' essere sempe sagge e accettà condizione?
Scassammolo 'stu muro fatto 'e ipocrisia:
ogni tanto ce vo' 'nu pucurillo 'e pazzaria. 
Si 'a gente po' t'attacca sentennese ferita,
tu dice:" ohinè so' pazza, pecchè mo' ve stupite?" 
J' voglio campà 'na vita senza limitazione,
addò se vive sempe e sulo 'e sensazione.
Quanno po' 'a capa ha fernuto e sfrennesià,
dico: - "ero asciuta pazza", pe mme giustificà.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Core mio, si sulo te putesse piglià 'mbraccia,
t'asciuttasse tutte 'e llacreme d''a faccia.
Staje annascuso, 'nun te veco quanno chiagne,
pecchè suoffre 'nsilenzio e 'nun te lagne.

Si te faje cunnulià comme a 'na criaturella,
fra 'e ninne nanne te canto 'a ninna chiù bella.
Tiene pudore quanno pruove n'emozione,
picciò 'nun ghiesce 'a pietto bello e bbuono.

Che pozzo fa pe te, appassiunato core mjo.
Vuò ca 'nvoco Gesù Cristo o parlo a Ddio?
Dimmello chello c'aggia fa e j' pe tte 'o ffaccio,
ma permietteme però 'e te piglià 'mbraccia.

Accussì te porto tuorno tuorno 'mprucessione,
speranno 'e truvà ammore e cumpassione.
'Nun me criticà si te vaco prianno a tutte ll'ore.
J' sulamente chesto saccio fà: parlo c'ô core!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tutte quante nuje c'avimma trascinà 'na crocia:
Ce sta chi 'a tene grossa, chi leggiera e piccerella
e chi se porta appriesso sulamente 'na crucella.

J' 'a voglio purtà 'a crocia, pure 'a curona cu 'e spine,
ma 'nun fosse meglio si fosse 'ntagliata cchiù fine?
'Nun è ca avessa essere secca comme a 'nu pilo,

ma 'nun fosse meglio si pesasse sulo 'nu chilo?
J' penso ca s'avessa apprimma vedè si calza bona
e po' cu ccalma, se regolasse a ssiconda d'â perzona.

'Nsomma, avessa essere 'nu tanto chiù accunciulella.
'No 'na crocia 'ngumbrante e grossa: 'na crucella.
J' crero ca m'ha purtasse cu maggiore soddisfazione,

si 'nun m'avessa trascinà appriesso 'nu crucione.
Cammenasse allera: senza ghienne a pestà calle
e cu pacienza me purtasse 'a croce 'ncopp'ê sspalle.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

'Nun t'aggio maje visto chiagnere: m'addimannavo 'o pecchè.

Ll'uocchje tuoje erene specchie addò mme putevo vedè.

Mane 'mpurtante 'e pate, mme cunfurtavene 'e turmiente
si tu stanneme vicino me dicive: "nun t'agità, ca 'nun è niente!"

Facive ll'aquilone cu 'nu pezzullo 'e carta culurata e 'na matita.
Centenara 'e foglie 'e n'aria, se bevevene 'nu surzo 'e vita.

'Na varchetella 'e carta me purtava dint'â munne 'ncantate:
pe quanta poste scunusciute e pe quanta strade m'he purtato!

Mille porte chiuse e strade scassate dint'â vita aggio 'ntuppato
e tu me stive sempe accanto: 'nsilenzio e zitto facive 'o pate.

Crescenne m'aggio fatta aveta: cu 'o tiempo t'aggio superato,
ma chiù j' mme facevo grossa e tu cchiù stive accasciato.

'Nun m'aggio maje allamentata quanno avive bisogno 'e me
grazie a te ero addeventata grossa e forte: te puteve mantenè.

Spisso mme succede ca sì mme sento 'mpaurita e spaisata,
mm'arricordo tutt'ê llezione, ca tu cu 'o tiempo mm'hê 'mparate.

'E vvote mme capita dint'ê mmane 'na vecchia fotografia,
addò stammo felice, spensierate e abbracciate tu...e j'.

Me ll'astregno 'mpietto, ma primma d'â nserra' dint'ô cassetto:
me leggo ancora chella dedica: 'a papà tuojo cu tanto affetto.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.