Amatrìsce

U ssanghe, chendeggnùse,
tènge chidde pète andiche,
pegghiàte a sckaffe da la forze de la natùre...
Ècchie ca se pèrdene,
mbaduessciùte da case scaffuàte...
Cèrchene, a “sècca d’acque”,
sènz’arrièssce, ngocche iànema vive...




Amatrice (traduzione)

Il sangue, con contegno,
tinge quelle pietre antiche,
prese a schiaffi dalla forza della natura…
Occhi che si perdono,
imbambolati da case crollate…
Cercano, “a sete d’acqua”, (quasi con ingordigia)
senza riuscirci, qualche anima viva…
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Filippo Favia  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ce ffridde stasère...
Camìneche chiàne chiàne
sop’a ccusse lungomàre...
Non gamìne nessciùne...
La lune m’acchiamènde
e, facènne u “pìzzue a rrise”, me disce:
“Tranguille, stu vìirne av’a passà!”
U mare ggnore, agetate,
pìgghie a sckaffe chidde pète
ca u-aspèttene da sèmme...
A l’andrasàtte, n’onde, chiù fforte,
me fasce nu viàgge d’acque...
Maledètte o diàuue,
la svèglie st’a ssone...
Stève a sennà!
Ma pò, chiàne chiàne,
me n’avvèrteche ca stu core,
chiànge adavère iàcque e ssale
de cudde mare ca m’ammanghe...
assà!




Questo “Inverno” (traduzione)


Che freddo stasera...
Cammino lentamente
su questo lungomare...
Non cammina nessuno...
La luna mi guarda
e, accennandomi un sorriso, mi dice:
“Tranquillo. questo inverno passerà!”
Il mare scuro, agitato,
prende a schiaffi quelle pietre
che lo aspettano da sempre...
All’improvviso, un’onda, più forte,
mi bagna integralmente...
Maledetto sia il diavolo,
la sveglia sta suonando...
Stavo sognando!
Ma poi, piano piano,
mi accorgo che questo cuore,
piange per davvero acqua e sale
di quel mare che mi manca...
assai!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Filippo Favia  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Viste de bbiànghe chèdda malanghenì
e ttinge de rose u delòre tù...
Fàuue, percè av'arrevà la dì
ca non ha da tenè cchiù chelure...


(Traduzione)

Vesti di bianco la tua malinconia
e tingi di rosa il tuo dolore...
Fallo, perchè arriverà il giorno
che non avrai più colori...


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Filippo Favia  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
A pelle è nu vestetiello culurato,
ca passanno 'o tiempo se cunsuma.
Sott'ô friddo, 'a pioggia e 'o viento;
s'astregne...e 'o culore stegne e sfuma.
A ognuno 'e nuje vene dato ndote.
Però se po' ausà sulo na vota.

Quanno sì gguaglione â puorte ncuollo
cu chill'orgoglio verde 'e ggiuventù.
'A pelle è ssoda, te calza a ppenniello:
te n'avvante comme si â tenisse sulo tu. 
Pelle gialle, rosse, janche, nere:
parene diverse, ma so' ttutte eguale.

Cagnene sulo 'e tunalità, 'e culore:
ma so' ttutte belle, so' ttutte speciale.
Pelle scippate e cchiene 'e ferite aperte,
chiagnene sanghe pe ppugnalate nferte.
Pelle vestute p' 'e ggrande occasione.
Pelle agghindate e cu 'o vestito bbuono.

Pelle cavere quanno 'o sanghe volle.
Pelle agghiacciate cu 'o friddo ncuollo.
Pelle avvellutate, suntuose, alligante,
Pelle surate, chiene 'e gocce 'e bbrillante.
Pelle ca maldrattammo e sgualcimmo,
senza penzà ca è 'a sola vesta ca tenimmo.

Pelle ca cummigliammo pe ppudore,
pecché nun se po' sta' cu ll'osse 'a fore.
Ntanto ca ce vestimmo e spugliammo,
ce scurdammo...nun ce penzammo;
ca fra ll'angele e ll'aneme d' 'o paraviso,
ce vo' poco: abbasta sulo na cammisa.



 








 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'A vita è comme a na partita 'e carte:
se spera sempe 'e piglià 'a carta bona.
Chi è acciurtato brinda dint'ê ccoppe,
chi è scalugnato sta sotto 'o bbastone.

Ntanto ca se pazzea, se vence e se perde,
ce sta chi nasce ncopp'ô tappeto verde.
Se spera nvano 'e truvà 'a carta pazza,
chella ca sta annascusa dint'ô mazzo,

chella ca jesce a chi nasce affurtunato
e tene e ccarte già belle e accucchiate.
Ce sta chi fa sfuorze a ll'ora 'e pranzo:
e chi tene sempe pronto 'o piatto annanze.

Chi è piscatore: va pe mare e ttrova 'e pisce
e chi è scemo: viato a isso...nun patisce.
Ce sta chi nasce sotto a na bbona stella
e chi sta cu 'e surece 'int'ê ssaittelle.

Forse sarrà sulo na questiona 'e furtuna
o sarrà tutta colpa 'e na dispettosa luna;
si ce sta chillo ca se sperde dint'ô bene
e chillo ca nvece s'affonna dint'ê pene.

Viato a chi nun appena dice buongiorno
trova tutto chello ca serve tuorno tuorno.
Puveriello chi ha dda mettere 'a supponta,
e tene sempe ncullata 'a scolla nfronte.

Pecché se sape: 'a vita è sulo nu juoco:
è na pazziella ca dura assaje, ê vvote poco.
Però comme va va...'a vita è sempe bella:
pure si ce costa assaje cara 'sta pazziella!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Co' core rinto e vint'anne e 'na vota,

e 'nu regalo perzo tra 'o tiempo...

nu pensiero me piglia e me porta

addò nisciuno mai po' arrivà.

Rint a 'nu ricordo bianco e niro,

muto... addo se sentono e respire

sul chill e tutt e dduije.

Cu' l'uocchie dinto a 'na lacrema

'e malincunia ca te fa sta male,

vulisse turnà nata vota llà...

addo pienze ca mo' nisciune ce stà.

Te vieste... e m'prufumat t'avvij

pe' chesta stradulella stretta

addo a musica t'accumpagna.

Cu' l'anema te tuffe dint all'uocchie

e chi è stato a t'aspettà cu l'ammore...

trattenute dint a doje mane

pe' nun so fa fuì co' viento.

E cuntento, mò suspire dinto a 'nu mumento

ca chella canzona t'ha fatto arricurdà!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 112 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Addorene 'e fatica 'e mmane d' 'o piscatore,
quanno s'arretira sott'â luce d' 'a lampara.
Sardulelle e alice stanno dint'ê cceste,
ammiscate a quacche ffrutto 'e mare.
Nu ventariello scioscia 'a varca sulagna
n'onna leggiera vucanno ll'accumpagna.
'A varchetella se riflette dint'ô mare
e ll'acqua lucente abbrilla sott'a luna.
Mpruvvisamente pigliene forma ll'ombre,
ogni cosa ca se move è scura e bbruna.
S'appapagna 'o marenariello stanco,
ncopp'ô llegno ummedo 'e na panca.
A ll'intrasatto chiena 'e sicummera,
a ppilo d'acqua sponta na capa nera.
Ll'uocchie celeste chine 'e guccetelle
s'arrapene e se nzerrene comme feneste.
Bella e annura comme Ddio ll'ha fatta,
s'è appresentata llà priva 'e ogni vveste.
Sulamente 'o pietto è a mmalapena,
cupierto per mmità 'a na cunchiglia.
Capille luonghe ondulate e cchine 'e sale,
lle cummogliene nu poco 'o naso, 'e cciglie.
Ncuollo na cullanella fatta 'e curallo,
assaje longa...ll'arriva nfino 'e sspalle.
Comme ricchine tene ddoje stelle marine,
'o polso nu vraccialetto giallo e turchino.
N'ostrica 'a 'int'ô mare 'a chiamma e sbuffa,
'o cavalluccio mentre ll'aspetta fa' nu tuffo.
Mpruvvisamente comme pe ncanto,
se leva ncielo 'a melodia 'e nu canto.
È 'a vocia 'e chella femmena misteriosa,
ca mentre canta ncopp'â varca s'apposa.
Solleva 'a pinna, s'avvicina 'o piscatore,
ll'accarezza mentr'isso dorme ancora.
S'avota 'o tiempo, 'a varca s'arravoglia.
Lampe e ttronnele vattene forte 'e scoglie.
Accussì 'o piscatore e 'a varca cu 'a lampara,
vanno a fernì deritte nfunno 'o mare.
Nun se sape si fuje opera 'e chella criatura
o si fuje sulamente nu sfogo d' 'a natura.
Ce sta chi pensa ca essa s'era nnammurata
e chissà a quale parte se ll'ha purtato.
Na cosa è certa, quanno 'a luna è cchiena,
a cchillu pizzo 'e mare se sente 'o canto d' 'a sirena.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quanta luce ha appicciato stanotte 'o cielo:
s'è mmiso ncapa 'e fa' sfoggio 'e bbellezze.

Una, ddoje, tre, ciento...mamma quanta stelle!
Una cchiù bbrillante 'e n'ata: che ricchezza!

Si mme riesce m'aggi' 'a levà 'o sfizio
'e cuntarle tutte quante...una a una.

Mò ce provo, aggi' 'a vedè si mme riesce...
ma nun pozzo, me ncanto a gguardà 'a luna.

Stesa ncopp'â rena...nfaccia 'o cielo,
so' affascinata e rrapita a 'stu chiarore.

Troppa bbella 'sta serata 'e luna chiena,
sento ll'addore 'e mare e me nnammoro.

A ll'intrasatto na stella mamma parturisce:
'o cielo se fa chino chino 'e ponte 'e diamante.

Cierti sstelle rimanene appuntate ncielo,
ate se tuffene 'int'ô mare luccicante.

Ammaliata resto ccà a fissà 'o cielo stellato:
si una more...ne nascene subbete mill'ate.

Ncapa nu desiderio: chissà si vengo accuntentata!
Vulesse, ah comme vulesse...ca foss'eterna 'sta nuttata!


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Non ho mai smesso di credere nelle favole e di sognare. Ora scusatemi; le fate hanno appena trasformato la zucca in carrozza ed io...devo proprio andare.

'E suonne

'E suonne so' fatte 'e zucchero filato,
so' 'e suspire d' 'e core nnammurate.
Mme parene ricame fatte a mmano,
addò se po' ammescà 'a seta cu 'a lana.
Nun stanno né ncielo, né nterra,

songhe sciure nzerrate 'int'â serra
So' nnuvole janche comme 'o llatte,
parene tanta casarelle fatte 'e ovatta.
Stanne ncielo nchiuse int'â na stella,
preferiscene 'a notte p'arrapì 'e ccancelle.

Nun songhe maje senza sustanza,
pecché tenene 'o sapore d' 'a speranza.
So' bbolle fatte cu ll'acqua e ssapone,
se culorene a ssiconda e ll'occasione.
Nascene 'int'â mente 'e chi suspira,

nun abbadene si tu sì ghianco o niro.
'E suonne se fanno spisso 'int'â nuttata;
però se ponno fa' pure 'a scetate.
C'accumpagnene senza fa' na sosta,
fanno sempe 'a stessa strada nosta.

Nisciuno 'e nuje ne po' ffa' a mmeno,
specie si staje sotto a na luna chiena.
'E suonne songhe mbarcazione 'e furtuna,
ca te portene diritto ncopp'â luna.
'Int'ê suonne se piglia 'o cielo cu è mmane,

'o sole, 'e stelle nun te parene luntane.
Quando me dicene: "chisto è nu suonno"
e suonno rimmane: "nun se po' avverà..."
a mme nun me mporta: si sunnanno so' felice,
pecché m'aggi' 'a scetà...è accussì bello sunnà!

Traduzione
I sogni

I sogni sono fatti di zucchero filato.
Sono i sospiri dei cuori innamorati.
Mi sembrano ricami fatti a mano,
dove la seta si mischia con la lana.
Non stanno né in cielo, né in terra;
sono fiori chiusi in una serra.
Sono nuvole bianche come il latte,
sembrano casette fatte con l'ovatta.
Stanno in cielo chiusi in una stella,
preferiscono la notte per aprire i cancelli.
Non sono mai senza sostanza,
perché hanno il sapore della speranza.
Sono bolle fatte con l'acqua e il sapone,
si colorano a seconda dell'occasione.
Nascono nella mente di chi sospira.
Non si importano sei tu sei bianco o nero.
I sogni si fanno spesso di notte,
però si possono fare pure da svegli.
Ci accompagnano senza fare sosta,
fanno sempre la nostra stessa strada.
Nessuno di noi può farne a meno,
specialmente se c'è la luna piena.
I sogni sono imbarcazioni di fortuna,
che ti portano dritto sulla luna.
Se sogni prendi il cielo con le mani,
il sole e la luna non sembrano lontani.
Quando mi dicono: "questo è un sogno"
sogno rimane e non si può avverare.
A me non importa: se sognando son felice,
perché devo svegliarmi...è così bello sognare!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

E tengo 'o core buono e allegro 
perché nzieme a sta terra 
ammappusciata e elogiata,
'e mazzate, qualche vota l'aggio avute...
ma qualche volta l'aggio pure date.

Tengo l'uocchie chine 'e meraviglia
perché stongo vicino 'o mare
e nisciun' ato l'assumiglia.
E si te firme a guardà stu panorama,
te rimane dint' all'anema 
'a smania, 'e chi oramai l'ama.

Tengo 'a faccia bella e so' sciantosa,
perché song' napulitana, ma non vezziosa,
Nun saccio fa 'a mossa, 
chest' so cose d'ati tiempo, 
me facesse rossa rossa, 
m'annascunnesso areto 'o viento.

Ma a ccagno 'e chesta rosa
con cui mi avete omaggiata,
ve pozzo offrì coccosa...
che saccio... 'na sfogliata?

Jamme... venite 'a ccà, 
nu cafè vo posso offrì.
'O nnuosto è assai speciale
s'ammesca cu' l'addore e mare.
Accussì... quanno ve ne jate
v'arricurdate e sta città, 
co' sapore ancora n'mmocca 
'e chi ccà, ha cunusciuto l'umiltà.

Rimanimmo nu sospeso 
ca è comma a nu surriso,
pe' chi vene doppo 'e me
a se piglià nu bellu cafè. 
Perchè io... songo e core. 
comme e tutte 'e napulitane
e ovunque ce presentamme
nun gliamme mai che mman mmane!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 112 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ll'anema mia arrassumiglia 'o mare,
i' mme ce tuffo faccenne 'o palummaro.
'Stu mare ca s'atturciglia 'int'a ll'onne,
mentre è na tavola, po' struppea 'e ssponne.
Quanno tengo dinto 'e mmariggiate,
schiaffeo e vvotto cavece p'e scoglie.

'O cielo se fa scuro...niro, se ncupisce
e tutto chello ca vede ll'arravoglia.
Sott'a luna chiena abbrillo e me sfezzeo,
si me ncazzo, chello ca trovo 'o sbrunzuleo.
Quanno mme sento dinto 'o ffuoco:
s'appiccene ncielo 'e llumminarie,

po' pigliene culore e poco a ppoco,
se tegne 'e arcobaleno tutta ll'aria.
Nun 'o pozzo cuntrullà tutto 'stu mare,
ca m'affonna e mme fa spisso tremmà:
s'agita, me cazzea, m'accavalla
dint'â spumma janca mme fa annaspà.

Quanno so' felice e 'o mare è cchiaro,
i' lasso a rriva cunchiglie e stelletelle.
Se ne regnene sicchie chine 'e ffigliole,
pe nne fa bracciale, ricchine e ccullanelle.
'E notte po'...quanno 'o mare se fa' scuro,
llà...pur'i me metto assaje paura.

Mme ne vaco ncerca 'e nu miraggio,
m'attacco a n'ancora pe mme fa' curaggio.
Nun ô saccio cuntrullà tutto 'stu mare,
ca se sfezzea a me da strattune e scosse.
Ma nfino a quanno ll'anema vo' sfrennesià,
continuo a mbarcà acqua e scansà fuosse.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si fosse nu sicondo fernesse 'int'a nu mumento,
tenesse justo 'o tiempo 'e me guardà nfaccia!
Si fosse n'ora tenesse 'e tiempo n'ora sultanto,
ma 'e n'ora sulamente...che nne faccio?

Si fosse nu mese, ncopp'ô foglio 'e calennario,
mme cuntasse ogni mminuto e quarto d'ora.
E si nun abbastasse e si a quaccosa servesse,
sparagnasse vulentiere 'e mme fa' 'a cuntrora.

Si fosse tiempo cercasse d'accurcià 'a nuttata:
ogni minuto fosse tutto tiempo guaragnato!
Nvece 'o tiempo 'e sulo na sbattuta 'e mane:
'int'a n'avutata d'uocchie è ggià ddimane.

E si mettesse 'o tiempo 'int'a nu carusiello,
o ll'annascunnesse sotto 'a na mattunella,
riuscesse a fermà 'o juorno fatto 'e ore fernute,
ogni scesa putesse addeventà sagliuta?

Si nfezzanneme dint'a vicule, strade, traverse,
fra na preta e n'ata truvasse 'o tiempo perzo!
Si putesse alluntanà chella brutta faccia scura,
chillu viso tutt'osse ca me fa' mettere paura!

Si annanze 'o fuosso nun me tremmasse a voce.
Si tenesse 'o curaggio 'e cristo 'nfaccia 'a croce.
Si me venesse ggenio 'e cantà chella canzone:
'a solita, chella bella, chella ca m'appassiona!

Ma 'o tiempo no...nun po' essere ammisurato:
chello ca mo' è presente fra n'ora già è passato.
E allora lasso perdere: parlo pe passà 'o tiempo:
nun guardo cchiù adderete: però...si fosse tiempo...
Giovanna Balsamo

Traduzione

Se fossi tempo...

Se fossi un secondo finirei in un momento,
non avrei il tempo di guardarmi in faccia!
Se fossi un'ora avrei di tempo un'ora soltanto,
ma di un'ora solamente, poi cosa ne faccio?
Se fossi un mese, sul foglio di calendario,
mi conterei ogni minuto e quarto d'ora.
E se non bastasse e servisse a qualcosa,
risparmierei volentieri di farmi la "controra."
Se fossi tempo cercherei di allungare la notte:
ogni minuto di luce sarebbe tempo guadagnato!
Invece il tempo è solo una battuta di mani:
mentre giri gli occhi, oggi è già domani.
E se mettessi il tempo in un salvadanaio,
o lo nascondessi sotto una mattonella,
riuscirei a fermare il giorno fatto di ore finite,
ogni ripida discesa potrebbe diventare una salita?
E se infilandomi in vicoli, strade e traverse,
fra una pietra e l'atra trovassi il tempo perso?
Se potessi allontanare quella brutta faccia scura,
quel viso tutto ossa che mi fa tanta paura!
Se davanti al fosso non mi tremasse la voce.
Se avessi il coraggio di Cristo sulla croce.
Se avessi voglia di cantare quella canzone:
la solita, quella bella, quella che mi appassiona!
Ma il tempo no, non può essere misurato:
quello che ora è presente fra un'ora è già passato.
E allora lascio perdere, parlo per perdere tempo.
Non guardo più indietro...però se fossi tempo...

Controra: tempo destinato al riposo pomeridiano
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'E passe 'e furmica so' ffertile e fruttuose,
chille 'e cicala so' assordante e rrumorose.
'E passe 'e ggigante vanno assaje luntano,
chille d' 'a lumaca vanno troppo chiano.
Cu e passe 'e tartaruga nun s'arriva maje,
cu 'e passe faveze può cadè addò vaje vaje.
Si faje passe stuorte vaje nfaccia 'o muro,
si faje nu passo 'a vota vaje cchiù ssicuro.
Passe e ripasse ma nun pruove spasso?
Dipenne 'a chi truove, dipenne d' 'e passe.
Passe ca vanno 'e pressa, passe nsistente,
passe ca rallentano quann'è 'o mumento.
Passe ca nun se fermene si 'e ssurpasse,
passe sempe eguale, ca pe cummurità nun lasse.
Passe luonghe na vita, passe 'e criature,
passe ca vanno nciampechianno 'int'o scuro.
Passe ca vide 'a luntano mentre cammine,
passe ca pe ccumpagnia vulisse vicino.
E mentre passe, t'aggire e arripasse,
vulisse turnà ncopp'e stesse passe.
Pigliasse 'a mana ca t'ha mparato 'e primme passe
e nsieme a essa te facisse ll'urdeme passe.

Traduzione

Passi

I passi di formica sono fertili e fruttuosi,
quelli della cicala assordanti e rumorosi.
I passi da gigante arrivano molto lontano,
quelli della lumaca vanno piano piano.
Con i passi di tartaruga non arrivi mai,
con i passi falsi cadi ovunque vai.
Se fai passi storti urti contro il muro.
Se fai un passo per volta, è più sicuro.
Passi e ripassi, ma non provi spasso?
Dipende da chi trovi, dipende dal passo.
Passi frettolosi, passi insistenti,
passi che rallentano quand'è il momento.
Passi che non si fermano se li sorpassi,
passi sempre uguali, che per comodità non lasci.
Passi lunghi una vita, passi di bambini.
Passi che vedi da lontano mentre cammini.
Passi che per compagnia vorresti vicino.
Passi che ti fanno tornare piccino.
E mentre passi, ti rigiri e ripassi,
se potessi torneresti su quei passi.
Prenderesti la mano di chi ti ha insegnato i primi passi
e insieme a lei faresti gli ultimi passi.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 130 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Vuliri chianciri e fari vuci,

ma nun putiri e ancutugnari.

Nun sebbu a nenti  matri mia!

Tu ci criri se t’ho dicu

ca puru a morti mi schifìa?

Comu si po' fari, di iurnata sana

sempri cu l’occhi a cantunera.

Cu tantu chiffari vaiu furriannu tunnu

e stu casciolo da buffetta

quanti voti u rapu e chiuru.

Ora lu posu e poi li pigghiu

mi rileggiu sta cunnanna.

Scrivi can nun torni, “sciatu mio!”

Pari ca bonu ci pinsasti:

pi sistimari a vita tua

a sfasciari chidda mia.


Addio con un biglietto

Voler piangere ed urlare,

ma non potere e intossicare

Non servo a nulla madre mia!

Ma tu lo credi se ti dico

che pure la morte non mi vuole.

Come si può fare per tutto il giorno

fissare l’angolo di strada.

Con tutto quello che ho da fare

vado girando in tondo

e il cassetto della credenza

quante volte lo apro e chiudo.

Ora lo poso poi lo riprendo

e ancora mi leggo la condanna.

Dici che non torni “respiro mio”

Pare che bene ci hai pensato:

per sistemare la vita tua

devi distruggere la mia.



1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ibla  

Questo autore ha pubblicato 133 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Anmò anmò d'april

ma l'è ancamò mes

"del dulc drumir",



da magg sa po tacàr

a mangià magioster

da sagur senza maggia



s'el gust te ciapa

i tensiun sa smorzan tucc

l'è cuma ... pizzà 'l ciar



magia tra i dencc

el savor s'impizza

... sa fa da fiuur.



Fan diventà fiulasc

par vagan in giostra

i magioster in boca



senza incorgess

ca in dree

per vèss mangiò



chel alter no ...

foeura d'agost,

san propi de nagòtt.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 319 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.