'O sole 'e matina, quanno è 'na bbella jurnata, 

se mette fucuso mmiezo 'e mmuntagne affacciato.

Lloro nun' dicene niente, 'o fanno stà appujato
isso se n'apprufitta, s'allarga e fa 'o scrianzato.

Cu llentezza pecchè 'nun tene pressa, nasce ll'aurora. 
'O sole 'a va pittanno cu 'nu pucurillo 'e chiarore.

Po' quanno saglie 'ncoppa 'o carro e s'assetta adderete, 
se fa trainà a ciento cavalle e va appiccianno 'o pianeta.

Parla 'na lengua muta cu arbere, aucielle e pine.
So' chiacchiere fatte 'e segne cu animale e farfalline.

È 'nu linguaggio facile, ca 'nun s'ha dda 'mparà. 
È 'nu munno fatto 'e geste, addò 'e mute ponno parlà.

Po' 'nu lenzuolo giallo, schiarisce lentamente 'o prato. 
So ciure ca se movene lente pecchè mo' mo' se sò scetate.

Se fanno quacche chiacchiera leggiera e mattutina;
'ntanto ca bevene latte 'nzuccurato 'e bbrina.

Chesto succede tutte 'e juorne quanno se sceta 'o sole:
isso ascarfa...e 'a natura pe rispetto spanne addore... 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.