_____|_____|_____|_____|_____|_____|_____|_____|___
__|_____|_____|_____|_____|_____|_____|_____|_____|
_____|_____|_____|_____|_____|_____|_____|_____|___

.

... . . . .. . . . . @@ @
... . . . . . . . . . @@@.. @. @@@@@
... . . . . . . . . . . @@.. @@... . . @
... . . . . . . . . . @@@. @.. @... . . @
... . . . . . . . . @@@@... . . @@... @@@@@@
... . . . . . . . @@@@@... . . . @@. @... . . . @@
... . . . . . . @@@@@... . . . . @@... . . . .. @. @@
... . . . . . . @@@@@... . . . . @... . . . . @
... . . . . . . @@@@@@... . . @... . . . . @
... . . . . . . . @@@@@@... . @... . . . @
... . . . . . . . . @@@@@@@@... . . . . @
... . . . . . . . . . . . . @@@@@@@. @@
. @@@@@@@... . . . . . . . @@
.. @@@@@@@... . . . . . . @
... @@@@@@... . . . . . . @@
... . . . @@@ @... . . . . @@
... . . . . . . . . . . @... . . @
... . . . . . . @@@@. @... @
... . . . . @@@@@@.. @.. @
... . . . @@@@@@@.
... . . . @@@@@.. . @
... . . . @@... . . . . . @
... . . . . @.. . . . . . . @
... . . . . . . . . . . . . @.@
... . . . . . . . . . . . @@
... . . . . . . . . . . . . @
... . . . . . . . . . . . . @
... . . . . . . . . . . . . @
... . . . . . . . . . . . . @
... . . . . . . . . . . . . @
... . . . . . . . . . . . . @



regala rose
rampincantato muro
stupendamente
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: sasha  

Questo autore ha pubblicato 113 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Una moltitudine accartocciata sostiene pareri,

in un angolo della strada uno sfollato chiede di Gesù

“l’ho visto piangere ma poi è scomparso”,

(nessuno replica).

Un improvvisato sostenitore dell’autunno alza un braccio

“Defluisce meglio il sangue nella corsa verso il cuore”,

sa bene che ogni battito può dargli ragione

(quanto ringhia questo silenzio quando non sa cosa dire!).

Alla rivoluzione del mese scorso sono morti tutti,

“peccato” dice un passante,

“questa vita corre come la miseria!”.

In attesa dell’ennesima verità dicembre si presenta in doppiopetto,

“sono qui per voi”,

giusto un attimo prima della pubblicità.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Henry Lee  

Questo autore ha pubblicato 41 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Mia moglie è un angelo: nonostante tre figli

e il lavoro part-time non si sente mai Ercole

al bivio, e quand’anche fosse male in arnese

non rinuncia ad esser come i rasoi dei barbieri.

Anche quando si trova sul letto di Procuste, ne

viene sempre fuori agilmente come ber un uovo:

la sua pazienza è come la tela di Penelope, e lei

è la ninfa Egeria onnipresente nei miei pensieri.

Poi c’è il maggiore dei miei tre figli, Symeon, una

vera anguilla imburrata e costantemente nero come

un calabrone perché pensa d’esser fortunato quanto

cani in chiesa; io credo solo sia come l’Araba Fenice.

Samu’el è il mio secondo genito, un bambino

che non riesce ad essere della parrocchia per via

del suo carattere: per lui aut Caesar aut nihil.

E’ un furbo di tre cotte con la fisima per le camicie.

E infine il piccolo Nicolae, con i suoi fratelli

come i ladri di Pisa; e con Lucas, della stessa lana.

Lucas è il suo compare d’asilo, cuciti a filo doppio per

via delle famiglie che da tempo son a uscio e bottega.

Siamo gente semplice che entra papa in conclave

ed esce cardinale, che durante la settimana

lavora e la domenica va in chiesa.

Gente che per arrivare a fine mese lavora e prega.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Qui nella Vallèe la vita scorre tranquilla:

la mattina mi sveglio con le note del Duke,

faccio colazione sbellicandomi con Lucky

Luke e vado in palestra a lezione di bo.

A pranzo mi sento un boss quando addento

il mio solito hot dog, e il pomeriggio è una

continua sfida con Daisy a Super Mario Land.

Poi ascolto Jesse James e Billy Kid per un po’.

Quando arriva la sera alla pay-per-view non mi

perdo mai una partita dei Blues: adoro guardare

le magie sotto porta di Hazard sorseggiando

la mia Rosco artigianale con la pizza Da Giò.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

La mia vita

scivola sì serena

alle pendici

 

del Mucrone: ho due

cani, tre figli, cinque

 

gatti e una

moglie, e ho un’ ernia

della cervice.

 

Ma da un po’ di giorni

sento questa vita che

 

scivola via.

Vorrei dare gatti e

cani al ENPA,

 

mandare i figli in

colonia un mese

 

e partire con

l’istruttrice di zumba

di mia moglie,

 

Serena di vent’anni.

Nel cuor di Ventotene.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Mastro d’ascia quando è notte

coi calzari dalle suole cotte,

al suono della sua armonica a bocca

scrive un’altra filastrocca.

Con le braghe logore e con le toppe

le ore in darsena oramai son troppe,

scrive su di un ceppo ed una botte

Mastro d’ascia quando è notte.

Con le parole e con i suoni

per i bimbi, quelli buoni

canticchia tutta la mattina

sotto lo sguardo della scopa di saggina.

Con la penna e il calamaio

ne ha già scritte un centinaio,

Mastro d’ascia siede sulla scocca

strocca e fila, fila e strocca.

Rima viene, siede e fugge via

o a volte resta lì come una poesia.

Anche il suo cuore è pien di toppe

e le ossa ha tutte rotte,

ma nonostante gli anni sulle spalle

canta dal porto fin quasi a fondovalle.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Gli Scott, che lo avevano accudito,

se ne stavano andando e l’istinto

selvaggio insito in lui gli avrebbe

restituito la fierezza repressa dalla

quale avrebbe nuovamente attinto.

Nessuna voce narrante saprà mai

descrivere le urla lancinanti della tribù

dei nativi americani di Castoro Grigio,

o le membra straziate che rifocillarono

un intero branco di lupi al cielo bigio

delle ostili terre innevate del Grande Nord.

Con le bianche zanne intrise del sangue

dell’uomo che lo aveva venduto, la mente

ripercorreva le foreste dello Yukon fino alla

lince che, cucciolo, lasciò sua madre langue.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Freddo come un masso e gonfio come una

rana l’uno, il violino di spalla indietro come

la coda del maiale l’altro sono i miei capiufficio.

Il primo è il quinto evangelista, un Arpagone.

Una pigna verde e un mignata, capace di entrar

per il buco della chiave con qualsiasi artificio.

Il secondo è una mosca cocchiera, un sacripante.

A mio dire, capace solo come gallo della Checca.

E’ un pidocchio rifatto con la camicia di Nesso.

E quando inizia un lavoro, statene certi, sarà

il vaso delle Danaidi: è un asino calzato e vestito!

I due abili a parlar solo di lana caprina, e spesso.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il caposcala ha avuto un capogiro per via della botta

alla capoccia contro lo scapo, e ora giace accanto

all’imoscapo: proprio stasera, che il caporione non

è di  caporonda ma fa capolino dal divano amaranto

logoro, mentre sua moglie capovolge di continuo

il capoletto e, capocciona, non lo lascia tranquillo

a capofitto nel capoc e nel suo rompicapo…

Meriterebbe una capocciata: che bello era sempre brillo

da scapolo, le cene davanti al boccaporto con decapode

e capocollo in compagnia del capostiva a capodanno!

Ora con quella specie di capodoglio la vita non è altro

che una continua caporetto, con suocero alemanno

e suocera capoclaque e a casa caporale… daccapo.

Il povero caposcala lo trovò la vecchina del pianoterra

di ritorno dalla preghiera sotto il capocielo, che leggeva

sempre lo stesso capoverso e parlava solo dell’Inghilterra.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Superiormente alle gore, superiormente alle convalli,

alle giogaie, alle macchie, ai nugoli, agli abissi,

di là dal sole e dall’etra, oltre l’empireo e le sue ellissi,

anima che mi appartieni muovi passi assai snelli.

E, parimenti a un nuotatore provetto che frange i flutti,

tu cavalchi gioiosamente le profondità e gli aspetti

della tua ineffabile passione esente da difetti.

Via da siffatta mefite, vai a decontaminarti come marabutti

nell’etere, e abbeverati come un mero elisir sublime

della fiamma calda che gremisce i gennei spazi.

A tergo le tedie con la loro zavorra e i numerosi strazi

che oberano il bigio vivere come bruma le cime,

deliziato colui che può con un batter d’ali balioso

librarsi su distese smaglianti e placide;

quello i cui pensieri, come alaudidae,

verso l’indaco a mane prendono il volo da ciò che è dannoso

-che ammara sull’esistenza

e percepisce con facilità

il gergo dei fiori per abitualità

e delle cose afone fin nella loro essenza.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

 

 

Le rendez-vous era al parco.

Eri nervosa, fumavi, mi chiedevi

- Pourquoi tout ce retard?

 

Cara, mi sono addormentata,

ho bucato la bicicletta

ero indecisa sull’orario.

 

Ti chiedevo di scegliere

quello che faceva meno male

visto che di scelte a me non ne davi.

Pensavo d’essere gentile

ma tu, bella truccata disperata

insistevi, parlavi d’amore

di solitudine di noia.

 

Ma chérie, dentro ho da fare

scusa se sono strana

se non sento questo impulso

di confidare di condividere

di spiegare

 

Eh, cosa dici?

- Je dois seulemente écouter?

No, per favore fammi andare

ho la minestra sul fuoco

e devo comprare il pane.

 

Lo so sono stronza

e con quella erre che hai

sembra tu abbia ragione.

- Mais chérie j’ai du boulot

je dois surveiller quelle chose

ici, dans ma tête!

 

Anzi per oggi stai lontana

potrebbe succedere qualcosa

da un momento all’altro

e sarebbe un peccato

 gacher notre curieuse relation…

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tea  

Questo autore ha pubblicato 20 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Adoro l’odore salmastro che impregna le narici,

e gli occhi saturi delle parole che alloggiano

nel poema Isocronismo; e adoro non aver radici.

E su di una piccola barca da diporto videro la luce

pure i canti de Inumato fuorimano, che come varici

dei fiume poi espansi e ripresi in una successiva fase.

Una sera all’ancoraggio un quartiermastro gattofìlo

m’ispirò i canti di Piazzetta Gattamelata: forse un dì

avrò il mio gozzo, anche se nella mia vita il drittofilo

per ora non fa sperare che il giornalmastro mi sorrida.

Il capimastro che portava sempre la figliola all’asilo

mi suggerì l’antologia Opificio della Poeteria, ma

un inatteso blocco mi portò in casa con vista autosilo

nei pressi del Pschorr Garage per un periodo sabbatico.

Qui il protomastro di un cantiere abile a farsi nemici

fra le maestranze con i suoi atteggiamenti scontrosi,

mi indusse a partorir una nuova antologia tra gli edifici

Affinchè la poesia non veda la morte di chi non vuole

morire: codesta chissà come arrivò fin negli uffici

del borgomastro che non riuscendo a pronunziare il

mio nome, durante una delle nostre passeggiate in bici

mi battezzò master dichter, ovvero MastroPoeta.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Fuori sulla strada sento
Lacera con artigli di rame
Una pausa
Un secondo:
Cosa è la vita,
La morte?

Un attimo.

Ruvida vinco ogni dolore
Spiccando il tuffo fatale
Sosto 
Tamburo in vena.

Gioco con le ossa del mondo
Immorale gorgoglio
Dilaniata in metafora sottile la vecchiaia
Disosso il mio volto grigio di bimba
Ma sempre più rarefatta 
L'aria tace
E
Perforando il guscio del cranio
L'intelletto percuote 
Corda di seta!

Il Dio Pietra si pasce
Dell'occhio supremo:

Di Baco mi impicco

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Alessandra Pulvirenti  

Questo autore ha pubblicato 13 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Dopo che quanta ne basta

farina di semolino di grano duro

e poc'acqua che richiede l'hai impastata

quasi massaggiata per " 'na mezz'ora-ta e

a 'nu vrazzu" ridotta prima poi a grissini

se cominci a cavare te coi tuoi fratelli

grissino grissino circa a centimetro tagliati

induci di solo indice - con la punta del dito

a pressare strisciando – a produrre cavatelli

di misura raddoppiata e cavati con tre dita

si potrebbero gustare a mo' di strascinati

e volendo esagerare

anche a quattro si può fare

a creare "'e cortecce de fasòle".

Semplice e prediletto

al tempo stesso il condimento è pronto:

a 'na bella cipolla rosolata va aggiunto

un bel pezzo di muscolo tagliato a pezzi

a sfumare con "nu bicchiere 'e vino"

e salsa - tomato che danza – facciamo

per "nu pesce 'ntero", diavolicchi a piacimento

per rendere al palato preziosi consigli

che potrebbe trovarsi pure distratto

e, magari ostruito, liberare il naso l'inverno.

A pasta cotta unire il tutto

e di "furcìna" svuotare il piatto

piano piano ... alla scarpetta.

Buon appetito

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 200 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Se al mezzodì della domenica
i baffi ti vuoi leccare
quel che serve è solo stocafisso
procedi senza fissazioni

secco secco, un asciutto figurino
che più costa
più la figura sarà tosta.

Dopo averlo per ben sfibrato,
menato a cazzotti o meglio di mazzetta
e di sega in più parti separato
stia in ammollo sin dal giovedì mattina.

In acqua per due giorni almeno
ad ogni mezza, cambiata, poi
- pinne, lisca e pelle via -
diliscato ed eviscerato
è pronto per porsi , il sabato mattina,
a disposizione dell'arte culinaria
forse meglio dire gastronomica
meno propensa al cul in aria.

Ma bandite le ciance
e presa idonea pentola
come tela la si empia:
ci si facciano finire cinquecento
emmelle di verdi guerrieri olio
color dell'oliva in compagnia
di cipolla e spicchio d'aglio
che nudi e ben tritati
si vergognino pian piano,
arrossiscano un pochino.

E giunge del reidratato il tempo
dei suoi settecento grammi

aggiunti a lenire i danni
dall'infuocato sole provocati,

nella minor misura spaccato
del maggior numero di pezzi possibile
che con due chiodi garofano
al trito spalmino la schiena
con poca noce moscata,
sale di quel tanto che basta
salsa o concentrato che certo non manca
e acqua

di tanto in tanto aggiunta
per far bollire a fuoco lento
un'intera giornata
e con poco ritmo mescolando
giusto ad evitare  eccessiva confidenza, 
nuova amicizia col fondale

perchè più cuoce più piace.

Poi stanco del bollente trambusto,
tutta notte lo si lasci riposare
... che s'insaporisca
e servito il giorno appresso
in doveroso abbinamento
d'amabile polentina
ad ingabbiarlo, stupirci
e per gola rapirci.

P.S. Ho sentito che non esce
a pranzo e cena
se non
con bianco d'annata
o giovane rosso
sufficientemente tannico
e discreto tenore alcolico.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 200 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.