seminario fabio immagine

                                                                                                                                                                        Un sol respiro ad unir bramate percezioni,

                                                                                                                                                                                matite a calcar su foglio bianco

                                                                                                                                                                               essenziale materia colorata a

                                                                                                                                                                         dipingere un giardino di libellule e falene.

                                                                                                                                                                        Pensieri oltre l'emozione, oltre la sensazione,

                                                                                                                                                                           oltre l'essenza a divenir essenziale ed

                                                                                                                                                                              imprevedibile, inafferrabile pensiero.

                                                                                                                                                                              Cavallo a correr nella prateria e

                                                                                                                                                                                sbizzarrir di fantasia la mente.

                                                                                                                                                                            Prodigare in sospir di pianti e risa e

                                                                                                                                                                              pensieri ad invader lo spazio

                                                                                                                                                                              occhi e vocii in presenze astratte

                                                                                                                                                                          inafferrabile sensazioni a crear visioni

                                                                                                                                                                                  favole in turbinio di vento e

                                                                                                                                                                                   al tempo  ritrovar profumi.                                                                                                                                                                                              

                                                                                                                                                                        Oblio ad accarezzar l'immaginabile e

                                                                                                                                                                        nel  fievol fluir a percepir il percepibile.

                                                                                                                                                                                 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Adele Vincenti  

Questo autore ha pubblicato 53 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

"Scrivevo dei silenzi, delle notti, annotavo l'inesprimibile, fissavo delle vertigini." (Cit,) A. Rimbaud

L'occhio veggente
mantiene la presenza
viva del sole
nel cuore della notte.
Vede oltre le nubi dense
a trama fitta, dell'essere.
Vede anche con palpebre
spesse e abbassate.
E soprattutto sente
per sinestesia.
Il caos dei sensi
infervora non solo il corpo
ma anche e più lo spirito.
Il tuffo folle nella visione
è sempre necessario
altrimenti la messa a fuoco
è impossibile.
Prima del colore,
di ogni colore,
Il buio, perfetto maestro di luce.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 265 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il sogno comincia
con una frattura della luce,
rifrazioni di fantasmi
moltiplicati come schegge
di uno specchio
su muri di vetro.
Le sagome rimbalzano
tra i riflessi nudi.
E non comprendo
se siano vuote loro
o vuota io.
Poi decreto per una totale,
completa vacuità
delle forme, delle cose.
Potrei attraversarmi
vincendo la mia stessa consistenza.
infatti credo stia succedendo
assaporando la bellezza di un volo,
la leggerezza di un corpo
che perde l'illusorietà
di una concretezza vanesia.
Mii trovo in quel limbo
tra essenza e parvenza
e può essere solo
la pazzia assoluta
o un sintomo di risveglio.
Vorrei saperlo.
Ma la conoscenza
trascende ogni concetto.
L'esperienza prima di illuminare
spesso oscura
e il mondo sta svanendo
oppure solo io?
Maledizione, solo io?
Io chi?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 265 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le pareti raccontano vecchie storie.
Le case hanno anima.
Per chi sa ascoltare appoggiato ai muri
il cuore delle cose che assorbono
umane vicissitudini, umori fragili,
sogni mai confessati.
Questa stanza conosce i miei passi.
Le sue finestre sono occhi senza ciglia.
Una dimora assume un po' di vita riflessa.
Un battito nascosto come quello dei vegetali.
Le case raccolgono solitudini, abitudini.
Visitale dopo che i loro abitanti sono usciti,
intendo per sempre, senza ritorno.
Tu sentirai che un po' di loro è ancora lì
come un profumo evanescente
o uno sguardo fugace in dissoluzione.
Le case ci conoscono nell'intimo.
Sono corpi i cui scheletri sono balaustre, scale,
corrimano, fondamenta.
Una casa può assomigliare a un'altra
ma dentro resta unica.
Anche quando l'hai spogliata.
Anzi soprattutto quando resta nuda.
E quando la lasci in qualche modo ti ricorda.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 265 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nel cuore scorrono fiumi,
portano al mare, impetuosi
strappano sassi,
nelle anse riescono ad allagare.
Puliscono via gli anfratti,
pieni di resti d'amore, e forse
così l'anima si scopre ancora pulita del candore,
del suo stupore, sa traslare davvero adesso,
aspirando confini.
Immagine tremula di te si specchia,
nell'acqua rimane solo il contorno
vibrante che svanisce.
Sotto la luce fioca del mattino,
candide le mani non sanno più
accarezzare la nivea pelle...
Scorrono fiumi e tutto tace.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 412 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Entro negli specchi
ed esco fuori.
Attraverso i muri
e sbuco
in un altrove
uno spazio- non spazio.
Supero i confini della notte
e del giorno
Si sciolgono gli oggetti
e navigo nella fluidità
I miei occhi
fotografano fantasmi
Smaterializzo consistenze
smaschero l'inganno
di questa finta solidità.
Me lo insegnano gli elementi
duttili e mutevoli
instabili e potenti.
Danza di sogni la realtà
senza bisogno di sonno.
Ho il cielo fra le dita.
Non c'è stagione
oltre l'oltre.
Se vuoi venire con me
appronta abiti sottili di luce
e una mente malleabile
ai disegni dell'ignoto.
Preparati a essere come l'aria
leggera ma invadente
in ogni dove.
Nessun anfratto
resterà a noi segreto
nessuna immensità
ci verrà preclusa
in un luogo- non luogo
ed un tempo- non tempo.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 265 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Hanno messo il cielo

in un quadro di sostanza, 

la visione tattile di un qualcosa che si mostra sempre e solo da lontano,

eteree presenze a cui rifarsi quando si è pieni di domande,

le stelle
numeri in cornice,

marchiate solo perché tutti hanno paura delle cose senza nome.


Parole per creare, per conoscere,
parole per controllare.
Su una tela,

parole cadute.


Dall'alto
freddi silenzi,
i fantasmi nei celi di un tempo, pieni di oscurità.
Dal basso

chiacchiere scintillanti, 

i desideri appesi sulle spiagge a mezzanotte.

Ordinate!

Coordinate
le stelle, riflesse sulle onde
numeri e parole, 
perse fra le spole in fondo al mare.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Lehel  

Questo autore ha pubblicato 19 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Porta di speranze 
banco d'affanni

Mente esploratrice
mano di foglia

La finestra un nemico
aldilà di quel vetro

Il tuo cuore che scrive 
due file indietro
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Alessio  

Questo autore ha pubblicato 14 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Conosco le tre porte del tempo
le varco spesso
ma quello che non sai
è che le oltrepasso
tutte insieme
in un solo passo.
Vi trovo un viso bambino
un volto adulto
e uno invecchiato
uniti in uno specchio
quasi intangibile.
Sempre gli stessi occhi
scuri come la notte,
tre facce eppure solo una: la mia.
Sommando i climateri,
ricostruendo più volte
il mio essere, cellula per cellula,
alla fine cosa resta ?
Cerco il filo che mi lega
al cordone dell'origine.
Passato, presente, futuro.
La prima porta ;
un ingresso.
La seconda porta;
una stanza.
La terza porta;
un sepolcro.
Conosco le leggi del tempo
ma quello che non sai
è che io non esisto.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 265 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

I muri trasudano giorni,
quelli che qui non ho vissuto
eppure conosco e ricordo.
Sfioro pareti umide di pianto.
Il silenzio ha una voce
strozzata nell'intonaco.
La stanza ha una pelle,
un cuore stanco che batte
appena percettibile
alla mano che vi appoggio..
Sussulti, sussurri, lamenti.
Grida di gioia, urla di dolore.
Ho percepito ogni cosa.
Sesso, nascita, morte.
Ho visto tutto senza vedere.
Ho potuto sentire.
Sono testimone di molti segreti.
Eppure non c'ero
o forse ero già fantasma
tra questi fantasmi.
Ora io sto per svanire.
Ne sono cosciente.
L'ultima strana foto.
L'ultima immagine impressa
sulla retina.
Poi solo buio ed oblio.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 265 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Morfeo m’innamora,
mi apre le braccia in silenzio.
Ma, le ombre non sono mute
anche le tenebre hanno voce. 
                                                              
Questo battito cadenzato
mangia i secondi ed arriva alle ore
è nenia per ciglia  ormai pigre.

… Tic, tic, tic…

Pioggia fine cade nel viale
sfiora la calma, è ossequiosa
a tratti come intimidita.

Sembra un pianto che riga il viso
senza far rumore, al contrario, ora,
le fusa del gatto non fanno mistero.

... Ascolto!...
mi arrivano flebili sussurri del mare
portati dalle danze del vento.

Ed io qui, come ancora in grembo,
accanto al tuo sonno
ai questi sospiri lievi
a cogliere il pulsare del mio cuore.

Qui, in questa quiete che ristora
dove vita non muore, si assopisce.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giò  

Questo autore ha pubblicato 214 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il caldo dall’inconsueto

puzzo di petrolio misto a farina

non mi lascia dormire.

L’alito di cacao e paraffina

del mangiafuoco pare entri

dal lunante della soffitta.

Non dorme il circo nella piazza

e pare non dorma nella sua cripta

neanche il conte Vlad

che infastidisce il sonno infante

di quel figlio che nella cuna,

tra mormorii e veglia baccante,

non mi lascia dormire.

Per il caldo dall’inusitato lezzo 

di latte in polvere e urina mi affaccio,

e pare mi guardi con disprezzo

il mangiafuoco… pare cheta la cuna.

Mi corico in questa notte di caldo afoso

alla ricerca di quella fase rem

e di un poco di riposo.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 347 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sentori di luce

nel sogno a occhi aperti

un cielo fatto di stelle passate

cala il sipario.

Esso ti mostra gli anni addietro

che come fotografie

scorrono

uno dopo l’altro

non celando nulla.

Ogni minimo dettaglio

è apoteosi

vedendo che il tempo, là

non si è fermato.

D’intensi profumi e piacevole tatto

è fatto il ricordo

e un pizzico di magia

tiene aperta quella porta del cielo

dove veglia il passato

e ti promette

che non dimenticherai mai.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Fabio Piana  

Questo autore ha pubblicato 110 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Quieto e sereno

in seno alla vita esprimo

ciò che dentro sento

a gran fiato gridato nel vento

certo che non sbaglierà strada

è un ottima guida

un segno di un passaggio perpetuo

non è un dettaglio superfluo

e invito tutti a parlare al vento

un po’ per non tener dentro ciò che fa spavento……

infine ogni cosa ci ascolta se ogni divisione verrà dissolta

il suo dolce sussurro o grido impetuoso non ha alcun far vanitoso

come elemento etereo è di fatto, sia quieto e sereno non che d’impatto…..

ma questo serve per poter comprendere

che chi non muta forma si può disperdere….

nella malleabilità di una persona vi è un eco che in fondo risuona

a ricordare che tutto vive, scorre, muta e pulsa

anche nell’atomo che par cosa insulsa

vi è racchiuso lo scrigno e il segreto, che il soffio di vita è concreto

ben più di quello che si pensi, basta svegliarsi nel corpo e nei sensi

perché ora ripeto la chiave e il nesso

ed è che tutto nel cosmo è connesso…..

quieto e sereno sono nel sé e nel mio sentire

che una vita fantastica a da venire

ma sta a noi il dover permutare

la nostra persona senza indugiare….

un augurio a voi felice e sincero

e che mi caschi la lingua se non dico il vero…..




1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: luposolitario  

Questo autore ha pubblicato 54 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
l'inspiegabile. 

l'inspiegabile. 

Un numero, 
un giorno che fa parte di me, 
della mia vita. 

La tristezza
lascia spazio 
a desideri da realizzare. 

A volte anche
paura per ciò che accade,
per ciò che si materializza. 

La fila di pini  
la mattina presto 
il silenzio della campagna 
mi accarezza. 

Dai rami degli alberi 
forme strane si manifestano. 

Nuvole scendono dall'alto. 

Paura, 
senso di smarrimento 
mi mandano in confusione. 

Mi seguono, 
mi osservano. 

A nulla serve farsi domande, 
cercare spiegazioni. 

Solo brividi di confusione 
nel sentire 
presenze che proteggono.
L'immagine può contenere: albero, cielo, nuvola, pianta, spazio all'aperto e natura
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 705 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.