"Scrivevo dei silenzi, delle notti, annotavo l'inesprimibile, fissavo delle vertigini." (Cit,) A. Rimbaud

L'occhio veggente
mantiene la presenza
viva del sole
nel cuore della notte.
Vede oltre le nubi dense
a trama fitta, dell'essere.
Vede anche con palpebre
spesse e abbassate.
E soprattutto sente
per sinestesia.
Il caos dei sensi
infervora non solo il corpo
ma anche e più lo spirito.
Il tuffo folle nella visione
è sempre necessario
altrimenti la messa a fuoco
è impossibile.
Prima del colore,
di ogni colore,
Il buio, perfetto maestro di luce.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

miranda
+1 # miranda 27-05-2019 02:35
Vedere le cose, il mondo, attraverso una smisurata e ponderata sregolatezza di tutti i sensi.
Complimenti, per me, sei davvero brava.
Simone
+1 # Simone 27-05-2019 18:00
Molto sensibile..qui si fanno sentire le tue radici e le tue sensazioni....u n dono e un saluto
Henry Lee
+1 # Henry Lee 28-05-2019 07:31
La luce splende solo al buio, ottima riflessione, molto "blues". Sempre un piacere leggerti, Sabyr, un abbraccio. HL.
Passione infinita
+1 # Passione infinita 28-05-2019 19:29
sempre brava,
ciao sweet 8)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.