È così facile, incontrarsi nei telefoni
mandarsi baci, segni fonetici
e dirsi tutto anche quello che
non si direbbe mai

Facce simpatiche, per niente autentiche
vagano come molecole passando
alla frontiera del tuo DNA

Eppure perdersi, non è mai stato così semplice
perchè adesso sei diventato complice
della tua… infelicità

Finte aureole, colpi di sole
e facce da chat, sono gli stessi
che poi detesti, viaggiando nei tram

Disonesti, meschini, maldestri
ladri di identità, qual è la verità
forse una faccia  sorride
ma è solo un computer che scrive

…a migliaia di km da qua

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: tempo di poesia  

Questo autore ha pubblicato 193 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+3 # nabrunindu 25-05-2015 19:24
verissimo, bella!
Giò
+2 # Giò 25-05-2015 20:19
Io direi che conoscersi non è mai facile, ma più propriamente, conoscere se stessi!
Ci vuole un pizzico di autostima, riconoscersi pregi e difetti, imparare quanto si vale, riconoscere i limiti... Un lavoraccio, insomma.
Facendo il contrario sì che ci si perde! Non basta una faccina o un sorriso accattivante per un attimo a farti stare bene: ci vuole altro, e altro lo devi tu a te stesso. Solo così vedrai, poi, negli altri il bello e il brutto, e deciderai cosa scegliere di loro.
Comunque questa tua è un'attenta riflessione. Ciao... :-)
simone corrieri
+2 # simone corrieri 26-05-2015 20:21
Conoscersi è parlarsi guardandosi negli occhi ,quelli non mentono mai.
Tu qui metti l'accento sull'esser veri , e questa tua riflessione rende l'idea di cosa vuoi dire.
Condivisa, piaciuta.
Bravo.
Antonia Vono
+1 # Antonia Vono 12-06-2015 07:58
con un click apri al mondo il tuo cuore,con un click menti, ti vesti da qualcuno che non sei nella realtà...questo offre il mondo virtuale? L'irrealtà?
In fondo se ci pensi bene, è semplicemente una trasposizione della realtà,facce che vedi intorno a te,che comunicano molto bene attraverso un pc e poi nella vita reale non alzano gli occhi dalla strada,ed esattamente come capita nel quotidiano incontri persone vere e persone che non lo sono per natura,e,che quindi non cambiano certo dietro uno schermo..
Insomma credo che uno schermo non riesca a nascondere ciò che si è,se si è sinceri lo si rimane anche lì,se si è disonesti pure e se si è finti ..vale la regola dell'"attenti al lupo"...alla fine siamo tanti "cappuccetti rossi che vagano nell'etere e tanti lupi in agguato ..
Scusa il commento tanto lungo, ma questa tua poesia riflette molto bene il luogo in cui viviamo e merita attenzione..
Grazie,è uno scritto che si legge con piacere per la forma usata e l'argomento è senza dubbio interessante e profondo..uno specchio in cui guardare oltre

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.