Rincasa la sera. 
La luna è
sfiorata dall’acqua di fiume
e s’infila  tra i sassi.
Tra fronde 
(s’infila)
 di alte betulle che zitte,
  si bevono il cielo.
Rincasa la sera
(senza far rumore)
tra i tetti di gesso.
Dipinge penombre,
s’appresta sull’uscio,
arrossa lanterne.
Rincasa la sera
(poi)
in camera mia.
Il faro nel buio
illumina il mare,
prosegue il suo giro
insegue la rotta,

intruppa...

e di luce,
macchia la notte,
in camera mia.

Mi porge una stella.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: elisa  

Questo autore ha pubblicato 141 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.