Foglie,
strappate alle braccia materne
rimaste nude nelle spire del vento,
coprono gli umidi marciapiedi
mentre il sole nasconde i raggi
all’umanità.

Il tetto cambia colore
e l’azzurro si copre di nero,
qualche filamento d’argento
punzecchia la terra.

Là nell’angolo,
una rondine s’è persa,
sola,
non rivedrà un’altra primavera.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: elisa  

Questo autore ha pubblicato 141 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Carlo Marconcini
+1 # Carlo Marconcini 09-12-2015 19:30
Una descrizione molto delicata, come un acquarello ben dipinto.
Rocco Michele LETTINI
+1 # Rocco Michele LETTINI 10-12-2015 06:27
Esemplare atmosfera invernale in mirabili versi costrutti magistralmente. Il mio elogio e la mia lieta giornata Elisa.
Sir Morris*
+1 # Sir Morris* 10-12-2015 10:52
Percepisco lo stato d'animo di quella rondinella: spero possa rivedere la prossima primavera! Sir M :D rris
Cosetta Taverniti
+1 # Cosetta Taverniti 10-12-2015 15:19
Molto Bella la tua poesia...
Sara Cristofori
+1 # Sara Cristofori 10-12-2015 21:55
c'è una sorta di tragicità in questi tuoi versi che culminano in quella rondine...
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 12-12-2015 20:20
Si le rondini tornano a primavera, non si perdono...no...

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.