Ho sentito una donna

addormentarsi pregando

e chiedendo solo la forza

per esistere ancora.

 

Non era una donna

ma un corpo.

 

Implorava.

Un mucchietto d'ossa

consumate

dal sole

dal vento

a cui restava

l'ultimo respiro,

e l'impressione

di essersene già

andata

insieme a quel dolore

che resta

culla di morte.
 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: michela orsini  

Questo autore ha pubblicato 6 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Noa Amin
+2 # Noa Amin 22-11-2011 11:02
riesce a trsmettere quell'apoteosi di tristezza per una vita che sappiamo tutti verso dove è diretta...
Rebecca
+2 # Rebecca 22-11-2011 12:42
Vana preghiera cui si ricorre inascoltati nei momenti estremi, prossimi alla definitiva frattura con la vita e ad un passo da un'incognita spaventosa ed inaccettabile per la ragione. :-)
Debora Casafina
+1 # Debora Casafina 22-11-2011 14:08
Leggerla mi ha procurato un tuffo al cuore,fin dalle prime righe per un vissuto vicinissimo ,troppo pericolosamente vicino
michela orsini
# michela orsini 22-11-2011 20:46
E' bello sapere di essere letti e di riuscire a comunicare qualcosa

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.