Effimeri
sono i versi,
fiammiferi
che l’uomo stringe
nel pugno
del suo abisso.


Uomo il tuo spirito
dorme ancora,
non hai fiaccola
per l’oscurità.


Caduca,
ogni cosa caduca,
caduco l’uomo
sotto la stella
caduca
ogni forma sensibile.


Solo il Divino
permane
solo il più alto
resiste,
nei secoli e dei secoli
lo spirito
rivela.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Gianmarco Sperti  

Questo autore ha pubblicato 11 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Rocco Michele LETTINI
+1 # Rocco Michele LETTINI 22-12-2016 22:35
Un espressivo et esplicito decanto.
Buon Natale.
*****

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.