La via che vedo in lontananza
Si indora tra i suoi margini
Fioriti, e la cerulea danza
Di una brezza, fino agli argini

Del mio argentino fiume emigra.
Mite è la terra nello schiuso
Suo chiaror! Ed assai più pigra
Par nel suo viaggio mai concluso!

Così si bea e si culla:
E la mia parte ancor fanciulla,

allora so che in lei rivive.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Paolo Coscione  

Questo autore ha pubblicato 61 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Debora Casafina
+1 # Debora Casafina 17-01-2012 10:05
molto bella e soave
Paolo Coscione
# Paolo Coscione 17-01-2012 14:57
grazie cara Debora, son contento che ti piaccia. Detto da te che sei una bravissima poetessa, è un onore!
grazie ancora
Paolo

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.