Passa la notte in margine d’attesa

senti il richiamo muto della luna

che si fa tramite in angoscia tesa

ti stringi nelle piaghe d’una cuna.

 

Vuoi trattenere ogni atomo che passa

ogni ombra impressa al buio dell’alcova

cordolo vivo, aggancio alla matassa

pertugio diaframmatico che cova.

 

Irrompe l’alba tenera e loquace

la nebbia appena smossa dalla luce

ed una voce dal pallore terso

 

sventra le tenebre entra come un verso

irrora linfa azzurra che traluce

nell’aria colta in brivido di pace.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Diego Bello  

Questo autore ha pubblicato 108 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Rita Stanzione*
+1 # Rita Stanzione* 03-06-2017 18:41
Stile, armonia di suoni e pathos. Bravissimo!
Diego Bello
+1 # Diego Bello 07-06-2017 19:15
Grazie Poeta

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.