Adagiata sugli scogli roventi,
                                                                 affamata di sole,
                                                                 irrompeva in me
                                                                 una calma disarmante.

                                                                 Le acque d'ineffabile bellezza
                                                                 balsamo erano per le arse membra.
                                                                 Cullata,ammiravo l'immensita' celestiale
                                                                 che talora,candide nuvole vaganti baciava.

                                                                 Al crepuscolo vermiglio,
                                                                 rapita dalla musica gitana,
                                                                  il  corpo,
                                                                  in balia della danza travolgente,
                                                                  fremeva di sussulti amorosi.

                                                                  Vestita di bianca seta
                                                                   nella luce soffusa,
                                                                  i complimenti dei giovani galanti
                                                                  inebriavano il cuor mio adolescente.

                                                                  La notte ballerina s'acquietava
                                                                  e ascoltando il mare bisbigliare,
                                                                   un canto innalzai.

                                                                 Un veliero..verso mete sconosciute
                                                                  ed io,memore e felice dei frammenti vissuti,
                                                                  sullo scoglio mio amico,ritornai.

                                                                  Nel cielo piccole stelle
                                                                  illuminavano la mia eta' 
                                                                 ed il vento,scompigliando i lunghi capelli,
                                                                  custodiva sogni di teneri amori nascenti.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Annamaria Latini  

Questo autore ha pubblicato 57 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.