Che ci sta a fare l’aria nel cortile?

quel lieve tremolare è fascio d’ambra non altro

Si spiega così una luna ferma ed i pini

uno sopra l’altro e poi il ghigno non disgiunto dalla persiana

-di vipera credo in formalina-

 

C’è la mia orchidea inorridita dalla notte.

Tutto quel luccichio di stelle, ammassata sulla statale

e nella via rumore di lucciole.

Danzano?

Fanno l’amore ma non si liberano dalla tormenta

che mena la sua coda sulla zanzariera.

Poi la apro, entra qualcosa che mi avvolge

sono le luci dell’alba, singoli raggi simili a capestri

stufi di scaldare, pronti a schizzare nero e scappare come polpi.

 

Agosto agita pinne dorsali senza accorgersi

che il suo delirio mi è visibile e schiumeggia tra un filo d’erba

e una colomba che azzarda voli nel bagnato di pece universale.  

 

Ed è incredibile come il tempo non si liberi ancora

e sappia di sangue e polvere e binari e ombre impenetrabili.

 

 -Si era giovani allora.

 È l’unica banalità che s’intravvede in un angolo remoto del Sud.

Italia, la stessa credo.-

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: fintipa2  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.