Quell'ampio dirupo sull'argine

di cava è il quartier generale

- intorno a ogni pietra la terra.

Fragore: muto alzo lo scettro 

e resto - raccolto sul palmo -

connesso allo scranno che frana.

Al buio lavato di luna 

s'inerpica un tremulo corso:

scintille sull’acqua, nel sorso 

la pace dell'occhio di cruna.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Diego Bello  

Questo autore ha pubblicato 108 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Grace D
+1 # Grace D 03-08-2017 09:12
Bellissime impressioni che l'occhio osserva e l'anima assimila. Buona giornata!
Diego Bello
# Diego Bello 08-08-2017 22:08
Ancora grazie per la lettura!
Rita Stanzione*
# Rita Stanzione* 03-08-2017 16:59
Un luogo dove gli elementi si placano l’un l’altro in un fragore vitale pur se turbolento. Luogo d’equilibrio tra le forze, argine e frana perché l’equilibrio stesso è in movimento.
Leggo nello scranno la contemplazione, tramite la quale affidarsi alle forze buone, confidare in una protezione d’armonia e pace.
Questa la mia interpretazione .
Bravissimo!
Diego Bello
# Diego Bello 08-08-2017 22:10
Grazie Rita della lettura

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.