Ora
 che bendata
 bestemmi il tempo.
 
 Troppo breve
 per averti dentro,
 troppo amaro
 per sudarti tra le ciglia.

 E l'eterno
 è un cancro che
 ha paura
 della fine.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Frida  

Questo autore ha pubblicato 31 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Hera
+1 # Hera 06-08-2017 22:48
la chiusa è bellissima... complimenti!
Frida
+1 # Frida 08-08-2017 18:20
Grazie per il passaggio.Un saluto.
fintipa2
+1 # fintipa2 08-08-2017 11:21
Una delle poesie più belle e interessanti che abbia letto sul tempo in uno stile sintetico e potente. Ci leggo dentro (almeno così mi sembra ma potrei sbagliare, ovviamente) una dramma primordiale, qualcosa inerente alla natura infelice delle cose, combattute tra l’estrema brevità dell’ora\il presente e l’ estensione dell’eternità. Se l’ora non basta all’individuo per abbracciare in un’unica visione lo svolgersi degli eventi nell’universo, la concezione dell’eterno al suo contrario non è che la visione di un cancro che moltiplica all’infinito le sue cellule impazzite
per evitare di pensare la propria fine. bellissima, ciao
Frida
+1 # Frida 08-08-2017 18:23
E' realmente il sentire che volevo trasmettere.Mi sorprende sempre la capacità di interpretazione (peraltro estremamente attinente) che si riesce
a dare degli scritti.Ringraz io infinitamente.C iao.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.