M’hai deluso  !

Com’hai potuto fare sto sopruso

a carico de n’omo che t’amava

e che da te proprio nun se l’aspettava.

T’amavo tanto, da aspettà er momento

d’essere soli pe esse contento.

Nun feci caso, nun me guardai indietro

si m’ammiccavi pur co l’occhio de vetro.

Te volevo portà a Caracalla

puro se  S. Giuseppe t’avea passato a pialla.

Ma a parte a gamba e legno eri ‘bijoux

che cosa mai desiderar di più !

E poi siccome di tanto in tanto io pecco

t’arzai la gonna trovannoce ‘n  fico….secco !

Ma io t’amavo e ognor te sospiravo

che le sciocchezze manco calcolavo,

Ma il tradimento nun l’avevo calcolato

così crudelmente perpetrato.

Mentre io magnavo sopratutto

m’hai fatto amatriciana…cor prosciutto !

E ce l’avevi, nun t’eri fatta male,

mannaggia a me, amatriciana va fatta cor guanciale !

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.