"Sì, di certo, se domani farà bel tempo," disse la signora Ramsay. "Ma bisognerà che ti levi al canto del gallo," soggiunse. Queste parole procurarono al suo bambino una gioia immensa, come se la gita dovesse effettuarsi senz'altro, come se il prodigio che a lui sembrava d'aver atteso per anni e anni, fosse ormai, alla distanza d'una notte nel buio e d'una giornata sul mare, quasi a portata di mano. Giacomo Ramsay, all'età di sei anni, apparteneva di già a quella vasta categoria di gente che non può tener distinte le proprie emozioni, ma lascia che i lieti o mesti presagi del futuro annebbino quanto va realmente accadendo.
(Virginia Woolf)

Semini
ancora il panico,
come fa il pianoforte
con quattro mani
che sembrano
sedici dita,
o come fa
il lunghissimo
pianto strozzato
del povero Charlie.
Prima dell'imprevedibile
e prima del coup de théâtre.
Da oggi la vita non è più priorità,
non c'è nessuna discesa e risalita.
Ma quando io andavo e tornavo
e tu non mi aspettavi mai,
e quando io
non ti cercavo più
e tu eri sempre lì
perché non
ti eri mai
mossa;
ma
soprattutto
quando io svenivo
e tu invece anche,
allora sì
che
noi
ci
capivamo.

"They're in the dream I should've been."


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Charlie  

Questo autore ha pubblicato 615 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.