Forse un canneto
e   piccole libellule
mi  chiamarono allora;
ma non rimasi solo
fra i cumuli d’erba
e il leggero fremere
delle acacie assolate.
Lei era ed io ero,
nei sassi gettati,
fra i salici
nascosti eravamo;
a terra secche rame
e felci bagnate:
rise qualcuno,
due ghiande per ricordo,
un nome scritto
sul selciato
e il vento ora
lasciava il posto
alla più fredda
brezza della sera.
Eri e ricordo ancora
quanto eravamo:
nel profumo di rose 
e nel fremito d’ali lontane.

Chissà,
forse le tamerici
oggi sussurrano
ancora
il tuo nome. 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giordano Borelli  

Questo autore ha pubblicato 27 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.