Ogni giorno

sola con gli occhi stanchi,
a volte, piango perché vedo la terra
e gli uomini che non  cambiano mai.
Cerco una mano un volto
e guardo il cielo lontano cercando
spiragli d’azzurro che mi facciano

sorridere e rendere grazie alla vita.
Vorrei parlarti amore mio, nell'ora
più triste.

Tu però sei lontano , perduto.
Il tuo sorriso,i tuoi occhi

io li vedo in una  nuvola.

 Le mie mani si tendono  verso il cielo
in una  supplica,

vicino mi sentirai.

Come vorrei sentire

il crosciare della tua risata.
Il tuo riso era per me  come
balsamo sulle ferite

acqua per la mia sete.

Cielo ridammi il mio sorriso,

ridammi le notti d’amore.

Quando apro gli occhi
dal sonno, il mio pensiero va

ad incontrarti.

Rivedo il tuo sorriso ,i tuoi occhi

Le tue mani .

Sorrido, perché senza questo sogno
morirei.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: silvana1  

Questo autore ha pubblicato 29 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Oggi,posso precipitare nella mia stessa felicita'.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tiziana Gay*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-09-2017

Questo autore ha pubblicato 14 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Se questo ballo

me lo concedi,

accompagnarti sarà

come sognare con i tuoi piedi.

Sei quella che titubano gli occhi, quella

che il tempo lo ferma in adagi stupendi.

Qualcosa tipo una ballerina sulle punte.

Quando balli non sudi, risplendi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 357 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

 Come nutre il sole, 

Nelle passeggiate in città, in paesi distanti - 

Nei laghi ti posso toccare, 

Senza abusi, né bruciature. 

Tieni stretta la mia mano, 

Senza calorie, senza orrore. 

Adesso guardami, profondo umore, 

Cos'è che hai guadagnato da questo calar? 

Calar indumenti per origliare,

Il giusto gusto di un bacio al cacao che mi hai dato,

Dal ritorno d’una passeggiata al mare. 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: NomePoetico  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Non cercherò il tuo sorriso

nella tela di un pittore,

ma riuscendo ancora ad arrossire

ascoltandoti nel raccontarti con pudore.

E nemmeno tenterò di trovarlo

nelle figure retoriche di un poeta.

Sarà tra il granturco

baciato da un tramonto di seta.

Tra le onde di grano della campagna

cercherò di strapparti un sorriso,

perché poi sarà bello anche incollarlo

di nuovo sul tuo viso.

Quel viso dove sfogliandoti le labbra

ritroverei le parole mie più intime.

Labbra a cui mancava il sapore del mare.

Così agli occhi toccò inventare le lacrime.

Quelle parole devono essere fuggite

lì sulle tue labbra, con il vento.

Ti prego buon Dio dillo tu alla mia bocca

di accontentarsi di baciare il mio pianto.

Se un giorno quel sorriso che ha inizio sulle

tue labbra, appena sotto due occhi splendidi,

finisse sulle mie

non potrebbe che leggere tutti i miei brividi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 357 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sento odore di fumo e camomilla
ti ascolto salire i gradini accanto
a me, in un'espressione tranquilla
come la morte, che non ti lascio
guardare

Io volto lo sguardo, inetta e confusa
quella finestra alla mia sinistra,
Tu fai del mio stomaco una giostra,
Versione maschile di Medusa.
Guardare?

Non posso, non diventerei pietra
caldo riposo per l'aquila e il verme
Diventerei universo, inerme,
troppo grande, immensa, tetra
che guardare

non puoi. Ti volti velocemente
I miei polmoni imbevuti d'amore...
È finita, si risveglia la mente.
Uno sguardo banale... Era niente.
Guardavi.

Era quello sguardo
per una mosca schiacciata sul vetro?
Sicuramente non per me

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giulia  

Questo autore ha pubblicato 9 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
peonia                                                                                                                                                                                                      

Ebbi gocce salmastre ad

imperlar corolle e

falene ad impollinarle,

cantavano cicale ad ascoltarle e

sognai, prati immensi a

correr nell'erba fresca e mattutina,

boschi dalle risa fragorose in

cerca di funghi a

cuor d'autentica amicizia,

battito a tamburo a

scandir il tempo dell'amore

vortice a soffocar aria.

Ebbi e raccolsi emozioni sincere e

pensieri a vincere sul cuore,

buoni propositi da proporre e

condurli a destinazione..

Ebbi notti insonni e

sospiri a sospirar mattini e

vagabonda luna a sussurrar opinioni.

Oh luna parlammo e parlandoci ci comprendemmo!

Ebbi parole a completar opinioni

amorevoli sensazioni a fin di bene,

frasi ad enfasi serena e

spazi fioriti ad anima volatile.

Ebbi amore a coniugar anima e cuore,

mosaico a comporre ad incessante battito e

scandir umana sensazione.

Cuore avranno udito il tuo battito d'amore?

Ugual cura ebbi di te cuore che

disinteressatamente amor doni e ricevi!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Adele Vincenti  

Questo autore ha pubblicato 56 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ubriaco d'enfasi
s'è addentrato
dalle porte dei tuoi occhi
nell'antro dove sta
il primordio dell'amore,
architettura fragile
infondata d'esperienza
e adombrata negli anni
mesti, assillanti
che lasciano l'eco
di tregua lunga un'era
con l'udir le note dolci
del tuo imminente arrivo.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Franciesco  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

E lucido lo schermo di questo cellulare
sperando di sentirlo poi squillare,
lo appanno con il fiato e strofino,
che sia di notte, di sera o di mattino.

Un gesto che è ormai una mania,
nevrosi e psicosi sono vera malattia,
ma lui tace, non fa mai uno squillo,
la mente pensa e tutto è un assillo.

Ho sbagliato tutto ed io l’ammetto,
le ho mancato anche di rispetto,
l’orgoglio non porta mai cose buone
e non ci piegano i colpi d’un cannone.

Io ti amo troppo, quasi da  morire
e, prima o poi, sarò io a venire,
per me sei l’aria, acqua ed  il pane,
non farmi qui morire come un cane.

Amore che riempi i miei pensieri,
che rendi veri i sogni e i desideri,
ti ho detto vai via, di non cercarmi
ma ora ti chiedo di venire e perdonarmi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giò For  

Questo autore ha pubblicato 54 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sei qui.

Con i miei balzelli tra le nuvole

dentro ai tuoi tacchi.

Che un giorno, non so, smarrii.

Ritrovo con un po’ della mutevole

notte colata sulle tue unghie

questi occhi, nello sfiorarti le dita.

Non ti dirò che mi fa paura pensare

a domani perché non è che oggi,

il giorno che ieri non eri nella mia vita.

Sei qui ora, anche se non sono forse

le mie labbra il posto per le tue mani.

Ti chiedo solo di non farmi alzare la testa,

che questi occhi si gonfierebbero di così

tanta bellezza da non… se puoi, rimani.

Mi stringi i polsi, e la tua bocca sfiora

la mia e accompagni le braccia sui fianchi.

Apro gli occhi nei tuoi.

Sorridi, e leggera mi porti tra le nuvole.

E la notte cola sui cortili, e sui tuoi tacchi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 357 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Promise e giurò continuamente:
t’amo e t’amerò perdutamente,
t’affiderò il cuore e la mia vita
fino al giorno che sarò finita.
Ti diranno la storia con quel Marco
del giorno che mi videro nel parco;
il dì che mi videro al parcheggio
con Gigi e Giorgio di Viareggio.
Ti prego gradir la mia franchezza,
spesso la donna è debolezza.
Non confondere l’errore del leale
col peccato in assenza di morale:
la storia che c’è stata con Nicola
fu l’imperizia di una donna sola;
se con Giulio andai a Positano
è che pensavo fosse un puritano,
che mi ricordi d’altro, veramente,
non mi passa nulla per la mente.
La prima notte, certo, m’assentai
ma prima dell’alba ritornai;
peraltro, un minuto e tu crollasti
ma il giorno dopo nulla ricordasti
Dovetti salutare qualche amico,
ma questo ormai è fatto antico.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ugo Mastrogiovanni*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 27-01-2016

Questo autore ha pubblicato 137 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
In quanto essere mutevole
il mio amore è
in costante evoluzione;
oltre due estremi opposti
radicati nello steso fulcro,
uno conoscibile,
l'altro insuperabile
sta la virtù cangiante
non inerte, ma immortale.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Franciesco  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Vorrei incedere nei tuoi passi,
asfissiare nel tuo avviluppo
e discernere dal tuo sguardo;
quel desio d'essere
emozione traboccante
dalle tue guance e verbo
che ti vezzeggia le labbra...
Vorrei che fossi
l'albeggio e vespro,
genesi ed epilogo...
Sei bronzee sinuosità:
carezzevole tormento!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Vincenzo Patierno  

Questo autore ha pubblicato 12 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



Autunno vento nuvole
Ti ritroverò.

Nelle agonizzanti sere

tra profumi speziati

della nostra collina

osservando un tramonto d’incanto

mi sovviene il ricordo di te.

M’ insegnasti ad amare

in quello che fu il nostro tempo.

conducendomi oltre l’eternità,

nei magici momenti

imparai a volare con te .

Nel miracolo dell’amore

costruimmo il nostro ieri

trascorso come un treno in corsa

che non sono riuscita a fermare.

Ora so che in un’altra vita

fermerò quel treno e ci salirò,

t’incontrerò e t’ abbraccerò,

sorriderò e piangerò di gioia con te.

Il nostro amore rivivrà

spazzerà il dolore

che ci ha straziato l’anima

 privandoci del nostro oggi.

Aspettami amore

ti ritroverò, ovunque tu sarai

ti ritroverò …

Oltre il tempo , oltre la vita.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitore del Club Poetico dal 16-11-2017

Questo autore ha pubblicato 91 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Risultati immagini per la porta del cuore

Come mai così
questa notte hanno aperto
la porta del cuore
e nel buio hai sconfitto
ogni tua ipocrisia.
Cosa pensi di te
del tuo nuovo cuore
hai tagliato il traguardo
dei confini dell'amore.
Come stai così
sei più forte del vento
ed il giorno comincia a guardare
la luce del sole
e ora lasciati andare
come l'onda del mare
trasporti i tuoi sentimenti
nel profondo dell'anima.
Ora non vuoi perderli più
e lo sai come mai è così...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: conca raffaello*   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 616 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.