stiamo come meduse
ad illuminare il mare,
spostando la nostra luce
mentre ci lasciamo trasportare.

E ti ritrovo abbagliato
nel buio del mio cuore e i suoi abissi,
mi ritroverai veramente cambiato
se mi odi ma poi insisti.

A lungo andare,se il vento ci porti
allora la marea non fu così forte
se baci le mie guance ad occhi rossi
e mi restituisci l'ansia della notte.

Nelle vie più scure e i vicoli stretti
risiedono le emozioni che vivo
e le spiegazioni che aspetti,
ma adesso sto male
e non oso respirare,
ti metto in parole
così che tu mi possa allontanare.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: lorenzo  

Questo autore ha pubblicato 55 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+1 # nabrunindu 27-09-2015 15:31
molto bella!
poesie profonde*
+1 # poesie profonde* 27-09-2015 15:59
Vivere in solitudine in compagnia dei propri ricordi......Mo lto sentita
Valerio Foglia*
+1 # Valerio Foglia* 28-09-2015 17:53
Ciao Lorenzo. L'ho letta più volte. L'immagine delle meduse, in un sentimento-poes ia, non l'avevo ancora trovata. Ma la poesia, è anche questo. Grazie.
lorenzo
+1 # lorenzo 28-09-2015 21:46
grazie mille per il supporto :-)
Giò
+1 # Giò 28-09-2015 18:27
immagini veramente belle.
Confermo il commento di Valerio.
Ciao...
lorenzo
+1 # lorenzo 28-09-2015 21:47
grazie mille :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.