Non implicare te in questa piena

perché non si centuplichi lo squarcio

vorrei: non penetri la daga al gorgo

fino al plesso. Difesa tua dimora

empio di lacrime il fossato a sgorgo

distraggo il sangue della lama – marcio.

Nel materiale torcersi la pena

carezza eterna in terra che divora.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Diego Bello  

Questo autore ha pubblicato 108 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Grace D
# Grace D 08-08-2017 07:51
Un amore con qualche problema di divergenze che il poeta cerca di mediare, il tutto descritto
con maestria. Buona giornata!
Diego Bello
# Diego Bello 08-08-2017 22:07
Grazie della lettura. Una buona serata a te!
Rita Stanzione*
# Rita Stanzione* 12-08-2017 08:19
Una ragione all'essere prede degli eventi, e nel contempo cercare di rendere lievi i loro effetti. Molto bella, sì.
Un saluto, Poeta.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.