Sento il tuo respiro caldo

sento la tua voce penetrare

il mio corpo.

Il tuo intenso palpitare

suscita emozioni

un fiume di sentimento

che scorre, libero

tra gli argini del cuore.

Le tue mani così frementi

così prepotenti nel palpare

la chioma lunga e fluente

e i tuoi occhi lucenti

smarriti nelle sensazioni

osservano lo  scheletro della luce

sulle volte bianche.

Nell’estasi, nel delirio

chiusi nelle nostre tane

beviamo il silenzio dell’amore

così puro e innocente

e intrepidi ascoltiamo

i canti dell’animo.

Le tue labbra schiuse

come un fiore

assaporano il nettare

dei sensi

e la luna pallida

rischiara il cielo.

Trepidamente entusiasmati

dal  connubio delle nostre forze

ci proiettiamo in una dimensione

dove il tempo non esiste

e lo spazio è la nostra

immagine incosciente

soffusa di candore e intimità.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Donato Caione  

Questo autore ha pubblicato 17 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.