Luna cantata ed anche odiata,

falsa e bugiarda ma anche lodata,
per noi, luce di notte e guida amata,
chiarore e splendore di spiaggia incantata.

Quante lacrime di gioia e dolore,
su quella sabbia asciutta e bagnata,
mi dicevi che mentivo, che ero un attore
ma quello era affetto e immenso amore.

Odiavi il vento ma io l’amavo,
scompigliava i tuoi capelli
ed io sorridevo, li accarezzavo,
li ricomponevo, poi li baciavo.

Aspettavamo lì, seduti a terra,
fino a che calasse il sole, fino al tramonto,
stretti l’un l’altro, viso a viso,
fra sogni e speranze ma ora solo ricordi.

Ricordi dolci ma anche amari,
momenti sofferti ma anche goduti,
sotto quest’albero che ci ha fatto incontrare,
non posso fare altro che aspettare e sperare.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giò For  

Questo autore ha pubblicato 53 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.