Abbracciami fino a stritolarmi
quando l’eco della notte è incessante
come clacson che diventa pazzo
nella siesta di domenica d’agosto.

Stendimi col talento di una madre
su frescura di lenzuola sorridenti
e accompagnami la nuca sul cuscino
con le mani che da un po' io cerco.

Accarezzami tra magiche penombre
mentre voglia di dormire non ne ho
se mi accorgo di potere detenere
il primato che mi fa sentire un re.

Ora che la prima luce arriva,
scortami dentro il buio della mente
e ridetta in ogni tua carezza lenta
i tempi giusti per assaporarci.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 202 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Barbara
+1 # Barbara 16-10-2018 18:41
Bellissima poesia d'amore. Fortunata la donna a cui l'hai dedicata. Buona poesia
Giò
+1 # Giò 17-10-2018 19:12
Bella veramente! Complimenti!
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 23-10-2018 20:13
Poesia d'amore perfetta beata la tua metà, grazie.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.