Due mani scarne

protese e bramose

di donare ancora carezze

due occhi lucidi

che piangono sorrisi

e due labbra diafane

dove inciampano le parole.

Ti rivedo così...Madre

negli ultimi istanti di vita

quando a lei ti sei prostrata

consumando il tuo respiro

nei bianchi grani di un rosario

che si è fermato fra le dita.

Come il ricordo

scolpito nella mente

delle tue mani callose e grandi

che accarezzavano i miei giorni

dei tuoi occhi chiari e ludici

dove giocavano anche i pensieri

e delle tue labbra dolci

che ancora profumano d’amore.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Antonio Girardi  

Questo autore ha pubblicato 47 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.