Ti penso che ci posso fare

Non sono riuscito a dimenticare,

tra le strade della notte ti cerco e ti chiamo

vago senza una meta mentre urlo che ti amo,

piove a dirotto sul mio sottile dolore

aspetto un tuo segnale soffocando il rancore,

seduto su una panchina colmo di tristezza

aspetto che la tua mano mi regali una carezza,

ti penso mentre piango e mi vergogno

di arrendermi all’idea che di te ho bisogno,

col tuo modo di amare così povero e indecente

mi manchi lo stesso non ci posso fare niente,

è strano l’amore non lo riesco a capire

perché dobbiamo amare chi ci fa solo soffrire,

nel mondo della notte a te mi sento legato

mi dimentico di tutto e sono sempre innamorato,

maledetta notte che tiene vivo questo amore

che spegne la ragione e accende solo il cuore,

purtroppo è così che ci posso fare

è colpa della notte se ti continuo ad amare .

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: GENNY CAIAZZO  

Questo autore ha pubblicato 46 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.