Un giorno forse mi accadrà

di svegliarmi al tuo fianco.

Fisserò il vuoto fino a farlo sentire

in imbarazzo, e poi il tuo battito leggero

delle ciglia che sarà divenuto bianco.

Mentre ti strofinerai col dorso della mano

i sogni rimasti appiccicati agli occhi,

intanto farà mattino.

Io ti siederò accanto

per pettinare i tuoi incantevoli fiocchi.

Oggi sosto sul bordo di quel sogno

nel vuoto che si stende nella sua giravolta.

In quell’attimo in cui sbatti le ciglia, nell’altro

capo della penisola un uomo asciuga gli occhi

e s’innamora, un battito di ciglia alla volta.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 357 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.