Penso a te, con il braccio sulla fronte
nella pace del silenzio, dove ancor mi pare...
di sentire la tua voce, che sussurra il nome mio.
Penso a te, a tutto quello che sei
e a quello che vorresti essere per me,
ma non ci riesci perché sei molto di più.
Penso a te, nel buio di ogni notte,
dove io vacillo e barcollano i pensieri
fin dove non dovrebbero
o non potrebbero esistere in questa solitudine.
Penso a te, che non sei qui e ti vorrei,
per mandarti via per poi ripensarti e volerti accanto.
Poi penso a me,
al mio tormento... che sei sempre tu,
che con la tua immagine, di carne e odore,
tentenni davanti agli occhi,
quasi materializzato per infierire,
traumatizzando il mio presente,
dando scosse al nostro istinto.
Ripenso ancora a te alimentando il desiderio
di ogni mia fantasia che arriva fino a te
lusingando l'ego e l'aria che sfoghi su di me.
E poi non penso più... mi perdo in questa via
dominata dal cuore impavido... ed io, temeraria,
m'impossesso dell'atmosfera, di te...delle tue labbra
e di tutto ciò che m'appartiene, tu.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 225 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.