Per i 50 anni di matrimonio lui mi donò una conchiglia. Non oro ne argento tanto meno uno zafiro! Una piccola banda sonante giunta dal fondo degli abissi mi disse! Cosa mai dovrebbe suonare una conchiglia gli chiesi! Lui replicò di come la solitudine del mare fosse come quella della vecchiaia di come. Le bande sonanti fossero il rimedio x ogni tristezza così come la solitudine aveva un solo rimedio! Il chiasso degli abissi! Eppure non mi ero mai sentita sola come nell attimo della sua assenza! Ma le bande degli abissi oggi tuonano i miei ricordi più belli e la solitudine non divampa. Nel mio cuore teso dai giorni!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: man son  

Questo autore ha pubblicato 32 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 26-04-2013 12:49
molto bella....anche se la solitudine e molto brutta. :-|
nabrunindu
# nabrunindu 26-04-2013 13:07
mi è piaciuta moltissimo, la solitudine..... bè abbiamo questo bellissimo sito del club. meno male, molto bella
Brigida Liparoti
# Brigida Liparoti 27-04-2013 02:02
Molto delicata e profonda, parla come di una maturità di malinconia impastata di saggezza...
Incantevole!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.