Lei è gentile con me.

Mi bagna quasi ogni

giorno, al mattino

prima di uscire.

Le sto accanto raccolto,

sul comodino.

Come un fiore elegante,

essenziale si dischiude

e si offre allo sguardo

solo quell'attimo prima

di andare a dormire

…è di una sensualità che cattura.

Come se sentissi la fine vicina

e sapessi di avere ora davvero tanto

da perdere, vorrei lasciarmi andare

con lei prima d’iniziare ad appassire.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 442 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Rieccomi,

col pensiero dimagrito

sotto nuvole che soffrono d’incontinenza.

Amarti riamarti e rianimarti,

con questa fretta di sopravvivere

che ha messo l’audacia alla porta,

sarà per l’ingordigia dei giorni già digeriti

o per un bacio rimasto sospeso

che ha urgenza di morire.

Il sole è invecchiato sai,

come le mie mani

che a furia d’accarezzarti

hanno ridotto le stagioni

a semplici diatribe verbali,

ma noi resteremo in piedi

coi nostri volti rivolti all’avvenire.

Attratti da un richiamo qualsiasi

ci lasceremo andare a violenti sorrisi

usando come scivolo le pareti curve delle lacrime

che ci siamo lasciati alle spalle.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Henry Lee  

Questo autore ha pubblicato 75 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tu non mi vuoi bene più
e soffochi il silenzio nel petto
distruggendo te stesso,
per non ferirmi con quelle
parole bastarde e taglienti.

Asciugo i pianti nella mente,
lasciando il freddo a gelarmi,
stringendo il tempo nelle mani
per non uccidermi lentamente. 
Muoio e fingo che mi ami ancora...

E nell'intensità di un pensiero
straccio le lenzuola dai corpi,
sfilo la cravatta dal cielo, 
chiedendoti di assomigliare 
ad un amore ormai impazzito. 

Immagino te... ancora accanto. 
che non mi hai lasciata da sola,
a perdermi tra discorsi muti.
Ti ripagherò con amore infinito...
senza chiedere nulla in cambio. 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 163 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Mi narrarono di un sovrano giusto

che visse credendo nella pace tra i popoli

e nell’uguaglianza tra le genti.

E ancora di un cavaliere che imparò

a credere in tutto questo, che andò contro

il suo re per gli occhi di una donna…

finchè i suoi non gli furono spenti.

Le leggende non raccontano però

di un uomo che affrontava le insidie

fino a che di detrattori non ne restava

da combattere neppure uno,

e che quella notte nel fruscio brandiva

la penna sguainata e credeva di sentirsi

perduto… non aveva di fronte nessuno.

Per quanto tu possa essere razionale, ci sarà

sempre una favola alla quale finirai per credere

… io lo so come si raccontano, in ginocchio

e guardandoti a uno a uno i pensieri nelle pause.

Significa: ci credo, come te… da bambino, sai

credevo non tanto alle favole, ma a chi me le leggeva.

Tuttora è così… ti dono il suono del batacchio

delle campane al tramonto che amerai guardare.

Trattalo bene, mi appartiene.

E se mi regalerai un’altra notte, ricorda solo che

ti ho raccontato una fiaba bellissima mentre dormivi.

Non c’erano cavalieri e re.

C’eri tu con i tuoi pensieri.

C’eri tu che senza pause mi ascoltavi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 442 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Dove il fievole respiro 

si adagia e s'assopisce,

ci sei tu, 

che rianimi i sussulti 

e la speranza del cuore.

Dove io finisco 

chiudendo gli occhi 

per non guardare il male,

arrivi tu,

che mi fai vedere 

da angolazioni diverse

anche i rumori dell'anima. 

Dove io rinuncio 

inizi tu a persistere.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 163 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Solitari sospiri

si addensano nel cielo

e dal davanzale del cuore

il tramonto dell'anima

si assopisce tra i sussulti.

Amami tra le stelle, nascoste

dalle le nuvole impetuose.

Amami insieme al vento,

smanioso di toccarci.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 163 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un ritornare come alla primavera
dopo un Natale di luci,
di paste e di neve leggera;
è la vigilia di ferragosto:
una sera calda e allegra, che in ogni dove
è posto a Elena un ricordo caro;
Il cuor solerte mi parla:
"Che ricordo quando andavo a scuola....
ricordo ancora...mancava poco per rivederti!
Ti avrei riamato ancora?"
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ho smarrito me, 
su queste tue labbra
che hanno il segno
di un morso di passione.
E nella fantasia 
di questi corpi,
afferrati per i gemiti
continuo a perdermi. 
Non ricordo più 
nemmeno un senso,
che coi pensieri, 
s'accendono
in balia dei tuoi.
Poi… scopro che...
è divino, aver puntato
i tuoi occhi...
dove l'agonia 
di un sol sospiro,
straccia via, 
cuore, pelle, mente... 
ritrovando me, 
in te, ora, qui. 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 163 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Che meraviglia la sensazione

che dà l’aria sulla faccia…

chiudendo gli occhi riesco a sentire

la leggerezza di un palloncino, calco

col piede la pula e allargo le braccia.

Ripenso a stanotte, e alla paura del buio

che mi è rimasta finchè con te per mano

non ci abbiamo fatto l’amore dentro.

E penso ai tetti di tegole, al mare

quand’è mattino, ai campi di grano

maturo… gli unici confidenti del sole

sulle tue mani di riso tra i fasci di spighe.

Rientrando i miei sensi si rotoleranno tra

quelle mani bianche di farina sulla madia,

e ricomincerò a baciarti sulle falsarighe

delle labbra della notte scorsa sulla pelle.

E dopo l’amore mi piacerai più di prima.

Il sole tra i covoni ti accarezzerà i capelli e mentre

geloso ti sfioro, tornerà tra i tetti sul mare a rivelar

di aver preso il caffè insieme a due anime in rima.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 442 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Le tenebre sono solo mancanza di luce, 
mi mancherai mi mancherà ogni centimetro che mentre dormi sto percorrendo. 
Mi mancherà il tuo respiro I tuoi baci la tua pelle, 
ma non sarà mai tenebra. 
Sarà dolore illuminato dalla certezza che io e te siamo sempre. 
Sarà solo attesa di tornare al mio posto. 
Le tenebre non sono per noi, 
noi siamo luce, 
noi siamo amore
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: a_domani  

Questo autore ha pubblicato 81 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Si accarezzano le gole graffiate 
di due amanti sacrificali.
Un istante... per queste impavidi mani 
che, bramose tremano, cercano, amano.
Un momento... aspetta solo un momento.

Dammi il tempo di morire nei tuoi occhi,
dammi la lacrima che per me s'emoziona,
dammi il palpito trafitto da questa porta chiusa,
dammi un attimo per perderci in noi,
tagliando il respiro ancora una volta.

Un ultimo abbraccio ti prego.
Un ultimo bacio, ti supplico.
Un ultimo sospiro, ti imploro.
Un primo addio, ti obbligo!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 163 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Vorrei sapere se lui lo sa,
che da quando non c'è più,
son diventata il niente.
E non so se ha l'anima trafitta 
come la mia, da quelle spine 
che la fanno sanguinare.
Vorrei sapere dov'è 
quell'amore che ci univa...
che ha saldato il mio cuore al suo,
quello stesso che ci separa.
Vorrei che non fosse cosi...
maledettamente e insopportabilmente
difficile, tanto da non saper più
come andare avanti.
Vorrei sapere...
cosa mi resta ancora da fare,
oltre a cantare la malinconia,
che invadente mi assale
danneggiando ogni mio sospiro. 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 163 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

‘‘Mi basterebbe sfiorare con le dita

l’arena impudente che hai incantato

col tuo passo greve

tra parole non dette, ma sollevate nella sabbia’’

<…che gioca a restarti tra le dita con i suoi granelli>

‘‘Mi basterebbe soffiare sul vento dei tuoi ricordi,

quello che arriva comunque…

puntale, mai in ritardo a solleticarti la fronte

e le ciglia in quell’arcolaio di idee rimescolate,

un po’ sbronze che copri col cappello’’

<solo un po’, e più in là intanto sciogli i tuoi capelli>

‘‘Mi basterebbe un chicco di riso

per seminare di nostalgia l’acquazzone

solo un pò più in là, lontano da te...

E con l’aspo riavvolgere a colori

i tuoi giorni di silenzio… ti aiuterei a dimenticare.

Un filo come gli altri... rosso di pioggia e di stanze.

Rosso, di seta’’

<La seta di quel vestito del colore dei tuoi occhi

mi ha incantato come il temporale sulle tue ciglia

che velano un altro modo che hai trovato per tornare,

con un filo di nostalgia.

La nostalgia, una di quelle giostre dove nessuno

ti viene a prendere.

E resti lì sulle tue orme che frattanto si rimescolano,

mentre sulla piattaforma gli animali di legno

sono fermi e sorridono>.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 442 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
                                                                                                                                   

Respirerò amabili e fragili sentimenti, debole,  mi lascerò condurre in questo mare di tormenti, e le maschere non avranno più carnevali da festeggiare, e avrò canti da intonare, orizzonti da scoprire e cuori da riempire.

Ormai spoglio sarò il sigillo dei tuoi segreti, noi due rari spiriti affini, immersi nelle acque pure dell'amore, e inventeremo nuove parole, parole silenti che anche le foglie potranno capire, parole senza spine, parole senza fine, parabole divine.
Sai amore? E' notte fonda, e solo una lucerna accende i nostri corpi mescolati a questo paesaggio rupestre, e ninfee, lecci e orchidee sono le nostre fedi nuziali, e la luna, le stelle e il chiarore delle tua pelle sembrano allinearsi perfettamente.

Giacché vado a raccogliere un po' d'acqua dalla sorgente, colmo di perfezione, e al ritorno , chissà perché  non ci sei più, urlo disperato il tuo nome, il mio amore, e nello strazio tutto mi torna in mente:
Sei stata solo un'illusione, e nel mio inquieto vivere, sono scappato da questa vile e disumana realtà e mi sono ritrovato  in questa valle, ma presto la sera si accingeva a diventare  e solo  mi sono disteso sulle sponde di questa sorgente, e da qui che ho perso il controllo dell a mia mente.
Ma sai? 
Ti  ho vissuto lo stesso intensamente, e non importa se sei stata effimera illusione, e quegli attimi silenziosi e immaginari e preziose perfezioni irreali mi hanno risvegliato dal torpore mentale; Adesso, tutta la natura intorno sembra abbracciarmi, sono stanco, la notte è stata lunga, mi distendo e con gli occhi stanchi e socchiusi vedo apparire te, che mi accarezzi i capelli... Chissà se stavolta è la mia mente... ma ti voglio vivere ugualmente!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Alex  

Questo autore ha pubblicato 4 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Scusa, volevo sapere se tu...
cioè io... va bene dai, niente. 

Ok, te lo dico; 
voglio prendermi un caffè con te.
Ma un solo caffè, diviso in due
e voglio berlo da dove lo bevi tu...
perché io... voglio... o vorrei che tu...
anzi che io... anzi no... 

insomma... voglio sapere tutto di te,
ogni tuo frammento di pensiero,
e voglio scoprire la tua pelle,
e dissetarmi e risvegliare i sensi,
perché mi sei necessaria, per vivere.


E poi, voglio altri caffè con te,
ogni mattino, ogni sera, dopo cena,
e ridere con te e vivere con te,
da ora, cioè oggi... per sempre,
se ti va. 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 163 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.