Vent'anni
e il mondo tra le mani
scivola su te
un sorriso
tutto tuo che apre
le porte al mondo
e illumina anche dove
il buio incombe.
Sono i tuoi anni che brillano
tra le stelle del cielo
ma tu la stella
più bella sei
magia su me
non ci sono occhi
che riscaldano il cuor mio
sono i tuoi vent'anni
che oggi stordiscono
di felicità il mio giorno.
Vent'anni.
 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tiziana Rosella  

Questo autore ha pubblicato 460 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

E il pensier mio vola

al trasparir

di gesti scansonati

e parole dure

che non vorrebbero

fermarsi

su un cuor gentile

che parla con amore.

E il pensier mio vola

non vorrebbe quella pena

dentro il cuor

e scivolando scorre.

E il pensier mio vola

e cade non so dove.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tiziana Rosella  

Questo autore ha pubblicato 460 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.




E poi restai ad aspettare
fermo immobile, che le braccia, 
le mie e le tue, loro da sole...
mentre dagli occhi un'altra goccia...

E poi, 
la vita mi insegnò
tante cose, caffè amaro
ho spesso bevuto e berrò,
e per il cuore: nessun riparo...

E l'incontrai sai un giorno 
nella mia vita, i tuoi ricordi
ma con loro io ci girai attorno
così come fanno, gli uomini assenti.

Io,
io che accusai la notte
di non farmi vedere
la verità che l'anima,
mi dava a bere.

Ed aggiunsi un "celere" ritardo 
alla mia testa vuota
io, nell'attesa che un tuo sguardo 
mi desse poi, una buona nota.

E poi,
poi ti abbracciai
e mi fermai sulle tue spalle
per un tempo d'interminabili
brividi di freddo, sulla mia pelle.

Eri mio figlio allora
e sei mio figlio adesso
ed io, ormai, ho stemperato 
il gelo in tutto me stesso.

E poi,
scaraventai nelle carezze 
di un Amore profondo,
tutto il bene che si esprime
come fosse il centro del mondo...

E poi,
t'abbracciai sciogliendomi 
nell'attimo del mio tepore umano,
figlio unico mio, sangue del cuore 
gruppo a me uguale, 
ed occhi tuoi che sono i miei
di ieri...

Io, 
sempre t'amai e ti amo ancora 
domani...
Noi:
braccia intorno al collo e,
mani strette nelle mani...



( E poi... ritornare ad ieri con lui tuo figlio e sciogliersi in un abbraccio...)
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: bruno leopardi  

Questo autore ha pubblicato 72 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Se alzi gli occhi a guardar lontano,
nell'emisfero di fronte al tuo,
incontrerai una
"Poesia quasi d'Amore".

E' mia,
per te
per tutto quello che io sono stato.

Essa ti parlerà per sempre
del po' di bene forse fatto,
e del tanto, sicuramente ricevuto.

Tu,
leggila a tratti
nelle tue corti notti,
t'accorgerai
che le tue stanche membra ritroveranno,
con essa,
la forza per ricominciare senz'affanno,
questa fatica che si chiama vivere.

Ascoltami, ti prego,
un giorno dissero a un bambino
che nella vita bisogna sempre
guardare a chi sta peggio...

Adesso posso dirtelo
occhi che scrutano in fondo al cuore mio,
quel bambino ero io...

E qui, nella mia testa
ho una domanda come un tarlo
che consuma quel che di me resta:
ma io, sono riuscito a farlo?

Solo tu puoi dirmelo...

Oggi,
al cuore tuo lascio soltanto
una "Poesia quasi d'Amore",
incompleta,
a te il compito di continuarla,
e di "aggiustarla"
per renderla migliore.

E poi, domani a loro,
ai figli tuoi, tu fanne dono,
essa era ciò che conservavo in fondo al cuore.

Lei che nel mentre,
nelle tue mani ormai sarà diventata:
Poesia di compiuto Amore.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: bruno leopardi  

Questo autore ha pubblicato 72 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sole nei colli mi culli
trascinando fianchi
sfiorando ceppi stanchi
rincorrendo fanciulli
 
Con vispa andatura
volteggiano leggeri
sereni tra l’erba, fieri
serba lucente natura
 
Stridule vive voci
cadenzano il passo
ozio su un sasso
con sopra le croci
 
E il cuore si allieta
a mirar figli dei figli
giovani senza cipigli
che leniscono la meta
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: CALOGERO PETTINEO  

Questo autore ha pubblicato 329 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sento la sua presenza
non mi lascia mai sola
le ferite non guariscono,
dolore sempre vivo.
Come il primo giorno
più passa il tempo
più il dolore si fa sentire.
Ferite aperte....Che sanguinano.
Troppe cose
il tempo non può cancellare.
Pianti
ricordi,
ancora,dopo tanti anni
tutto parla di lei
tutto fa pensare a lei....
Sento la tua voce mamma.
Ferite aperte,dolore insopportabile,
tutti questi anni....Ho camminato con te!
Tenevi la mia mano
per non farmi inciampare.
Quante volte mi son detta
"non c'è più,se ne andata."
Ma poi nei sogni sentivo una voce,
arrivava da lontano,
Mi diceva... "Sono qua figlia mia
tengo la tua mano ti stò vicina."
Mi sveglio,
sono sempre più sola.
Pianti
ricordi,
continuerò a combattere le mie paure
sarò consapevole
tu sarai sempre con me mamma
mi terrai la mano
sorridendomi,consigliandomi......
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 728 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Fa male

di un male

che solo il cielo

con le sue stelle

può sentire

ed io cammino

senza meta

e senza cielo

perchè il mio cielo

sei te e adesso

che gli occhi

vedono il grigio

di un buio dentro l'anima

resto tra questi abissi

soffocata.



 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tiziana Rosella  

Questo autore ha pubblicato 460 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

E' triste il pensiero
ti invade la mente
corre veloce
sembra impazzito.
Pensiero di mamma
per la sua stella
la perla bellisssima
di un colore che abbaglia
penetra dentro
le pareti del cuore.
E' triste il pensiero
ti uccide in un attimo
il sangue non scorre
più nelle vene
si blocca il respiro
e un pianto dispera.
Solo il sereno potrà
poi colmare
il triste pensiero
di lacrime amare.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tiziana Rosella  

Questo autore ha pubblicato 460 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Lasciate cadere gli occhi
scivolate come piuma al vento
stringete il cuore
in riposo perpetuo
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giuseppe Casazza  

Questo autore ha pubblicato 419 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


prologo- un giorno come altri, reso speciale dalla luce dei suoi occhi…
--------------------------------------------------------
 
… Arcobaleno nel cuore…
 
Alba dei giorni
Guidavo bimba vivace
Inatteso tempo che ritorni
Ora guido passo audace
 
Da mani attente
Di gioia nel cuore
Passi in quelle desiderate
In quelle dell’amore
 
Cammino plausibile
Percorso di vite
D’insidie possibile
Protetta sopra ogni limite
 
Sguardo invisibile
I tuoi passi seguono
Presenza impalpabile
Tangibile accanto sono
 
Sicura cammina
Come farfalla dal bozzolo riparte
La gioia hai vicina
Sereno papà si mette da parte
 
Sentimento in nuvole
Pioggia d’amore
In cielo addensano
Stille del cuore
 
Arcobaleno si accende
In questo giorno si addice
L’amore vi prende
Piccola stella sii felice
 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
n.d.a.- Un pensiero dell’anima, di papà, nella consapevolezza nel giusto, inarrestabile e splendido ciclo della vita, nel breve tangibile percorso, verso il desiderato e ricambiato amore, all’ingresso in quel meraviglioso viale che sia sempre in fiore da percorrere in due…
 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Piccolo Guerriero della Luce  

Questo autore ha pubblicato 96 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Mi manchi

in questi giorni senza sole

nelle parole che dicevi

e riempivano il mio cuore.

Mi manchi al calar della sera

quando cercavi un conforto

e raccontavi di come stavi male

la felicità leggevo sul tuo viso

al mio arrivo e un sorriso

mi donavi anche se sapevi

che un giorno saresti andato via.

Mi manchi lo sento addosso

vorrei vederti anche sofferente

ma vederti.

Mi manchi e solo Dio lo sa.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tiziana Rosella  

Questo autore ha pubblicato 460 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E' Natale senza te

un Natale senza luce

senza gioia dentro il cuor.

E cammino tormentata

il dolore mi accompagna

non mi accorgo della corsa

dei regali

nè vetrine illuminate

sarà triste caro padre

non vedere più quel viso

che mi amava senza fine

sarà triste il santo giorno

la tua foto però sta li

e ti guardo

ma le  lacrime

poi scendono.

E' Natale senza te.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Tiziana Rosella  

Questo autore ha pubblicato 460 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mi sentivo piccola
sommersa dalla vita
nella mia prima casa

non pensavo
che a quando sarei stata grande
per essere da sola nella spiaggia.

Tutto era immenso normale
nella mia prima barca
forse perché dal mio tenero padre guidata.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Maria Rosa Cugudda  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Il nonno, autistico
chiuso nella vigna
mirava, occhi a punta
le nostre scorrerie sui grappoli
- al merlo, al merlo!
voliamo in fretta...
 
Non una parola, contro...
piuttosto pallottole di “mascalzoni!”
lanciate col silenziatore
 
La trappola del nonno
il sembrare paletto fisso
sotto la pergola
zitto zitto, rinsecchito
nei suoi settant’anni
- stavolta ci prende, volpino scaltro!
 
La sera - ignorato il misfatto -
tranquillo un po’ confuso
farfugliava il suo mondo
- la zuppa bollita
il bicchiere color rubino



*la terra, i nonni...l'uva, le corse (vacanze d'infanzia)
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 670 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Madre, 
la tua vecchiezza
fragile e nobile
allo sguardo m'appare,

la strige il tempo
nell'aria si respira
d'amore l'assenza ...



1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Maria Rosa Cugudda  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.