Non cambierei me stessa

con null’altro al mondo,

se non col mio cuore

che batte desideroso

di rincorrer le emozioni.

 

Se non con i miei occhi,

assetati di albe nuove e primavere,

aperti sull’imponderabile futuro,

e pur spenti al sangue e alla violenza.

 

Non cambierei me stessa

se non con le mie mani

aperte e affaccendate su fogli sparsi

a catturare parole per nuovi versi,

a rammendare, col filo dell’istante,

il fine macramè di ieri alla tela del futuro,

per non sminuire le vestigia della storia.

 

Passi leggeri mi guidano

a ripercorrere il sentiero dei ricordi,

ridipingendo l’incanto delle calde stagioni,

tra le mani i frutti di quei semi

ch’ella m’ha guidato a sotterrare,

e mi ritrovo paga nell’oggi

con quanto di più caro

mia madre m’ha donato.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Cosetta Taverniti  

Questo autore ha pubblicato 164 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.