Madre

i tuoi gomitoli stesi sui vent'anni raccontano maglie

centrini

tende (bianchi, ecru)

Coperte per il freddo di letti

quelli... tanti.

Blu

su mia richiesta

a quadrati azzurri sul mio letto (mia culla, cuccia, tana)

Non ha raccontato nessuno, se non la ricercata storia, d'altro colore

quello a confondersi in colline arse a guerriglie

calde di suoni e colpi d'arma

di cuor di patria e pane per tutti

Tessevano, Madre.

Le donne tessevano e cucivano miserie

e lì

dove il lavoro era pane, seminavano guerra

ove all'urlo d'attacco nemico alzava muri. Di maglia.

“Biella, città della lana”

Madre,

delle donne.




1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aita Carla  

Questo autore ha pubblicato 192 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.