Non era benedetta da Dio
se, così come io la vedevo,
scendeva impassibile e retta
sul nero dei rombi d’asfalto.
“Che acqua!” - mi dissi, impaurito.

E nera, più nera della iella più nera,
la sudicia notte mi circondava
annodata alla sciarpa mia preferita,
i sette colori a cingermi il collo.
“Che notte!” - mi dissi, accucciato.

Il vicolo, poi, era come sparito
tra riflessi d’insegne e metalli
inghiottiti dall’ultimo cono di luce
di un vetro non ancora oscurato.
“Che buio!” - mi dissi, angosciato.

Al margine non del tutto inondato
di una pozzanghera che vidi lago,
miracolo fu che io mi accorgessi
di una colomba bianca e affamata.
“Che bella!” - gridai all’istante.

Nel tempo che infinito sembrava
alla pioggia si mischiò una crosta
che lenta cadeva, precisa cadeva,
nell’unico punto voluto dal fato.
“Oplà!” - mi dissi - “La vita procede...”

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 84 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.