Che cuore mi è rimasto?
Informe, fa statue di pietà
che di cognome si dicono fango innevato.
Fumi di camini lontani
innescano il sogno di una cena
che esplode nel gelo
dove non importa il suono.
Potessero, quelle statue,
si mangerebbero il naso aranciato
ma ardua è la scelta
fra il mangiare ed il fingere di respirare.
Con quegli occhi,
strappati alla camicia di un povero vecchio,
non si vedono che le immobili braccia
che il bimbo ha usato
scambiandole per il riciclo della morte.
Non lo sa: è nato boia, per donarmi
l'idea razionale del dolore.
Potessi, m'inchinerei col cilindro
ma finirei per provocare una valanga

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Nicola Matteucci  

Questo autore ha pubblicato 327 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.