C'è un gatto sul tetto
che fissa un passerotto.
Lo guarda curioso
affascinato da quel pennuto.
Che bello, che piume
che canto sublime.
Il gatto abituato
a correre, saltare
senza mai pensare.
Ora e rapito da tanta
delicatezza.
quelle ali leggere
che volano con destrezza.
Pian piano si avvicina
per fare e amicizia,
L'uccellino lo guarda
senza malizia.
Ma un balzo felino
travolge il pennuto,
Il povero uccellino senza
capire,
si trova azzannato.
Il gatto tranquillo
per giustificare il
suo gesto pensa
candidamente.
Scusatemi tanto,
forse per la colazione è
troppo presto?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Michelina  

Questo autore ha pubblicato 153 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Davide Bergamin
+1 # Davide Bergamin 20-11-2018 11:57
Molto divertente vivere la scena attraverso il tuo testo. Grazie.
Michelina
+1 # Michelina 20-11-2018 12:04
Grazie, mi fa molto piacere. Un saluto.
Marina Lolli
+1 # Marina Lolli 20-11-2018 16:16
Davvero carina questa tua poesia,con nostalgia mi fa tornare ai giorni di scuola quando nei sussidiari potevamo leggere poesie lievi scritte per noi piccoli lettori ,e che ci avrebbero accompagnati per sempe
Michelina
+1 # Michelina 21-11-2018 13:49
Grazie, mi fa piacere che ti ricorda l'infanzia. In effetti mi ricordo anch'io quei racconti. Un saluto.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.