Vorrei apparecchiare

nel solco del tuo seno

Cibo da leccare

scaldato dal calore della tua pelle.

Mentre sento il tuo profumo



Imboccarti con la mia lingua

Nutrirti

 di baci il cuore

 di cibo il corpo

e di piacere la testa.



Vorrei sentire la tua voglia

Che striscia sulle mie gambe

Disperata

nella ricerca

di un sollievo.



Vorrei attraversarti la carne

Come corrente elettrica gentile

Ma incessante

Fino a farti tremare

Di meraviglia.



Vorrei riempirti

Come acqua dentro ad un bicchiere

Fino all’orlo

E straripare lentamente

A goccia.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Elvezio  

Questo autore ha pubblicato 45 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.