Se devo morire voglio l'argento a mordermi
a far compagnia alle ossa
Non voglio né volti né pianti
Fazzoletti bagnati a dolore
zuppi di lacrima

Non voglio case ad ospitarmi
-culle
fiori
diamanti-
Solo un Dio. Padre.


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aita Carla  

Questo autore ha pubblicato 220 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone
+2 # Simone 27-11-2018 04:48
Credo che non credere alle forme sia per te fonte di un tuo modo di esprimerti
Forte che alle volte almeno a me lascia spiazzato ma sento che sono fendenti ..le tue poesie..sei una poetessa che non ama le cornicette e ammiro il tuo coraggio e il tuo stile ..un saluto da questo mondo terreno ... tuttavia almeno per chi non sceglie di vederne solo i contorni ci sono luoghi e momenti che non sanno restare in silenzio...un saluto e la mia stima sperando che sia soltanto un sorriso amaro questa tua...
Henry Lee
+2 # Henry Lee 27-11-2018 07:56
Riflessione poetica di grande spessore, Carla, i miei complimenti. HL.
Antonio Girardi
+2 # Antonio Girardi 27-11-2018 10:40
Quasi una preghiera questa bellissima poesia.
Aurelio Zucchi
+2 # Aurelio Zucchi 27-11-2018 17:35
Si può volere un Dio Padre anche vivendo senza necessariamente pensare che solo la morte possa darcelo.
Ciao Carla!
Aurelio
Adele Vincenti
+2 # Adele Vincenti 27-11-2018 21:21
Perché morire per vivere,
è meglio vivere per poi oltre tempo morire,
certamente quando lo decide Dio..
:-) una preghiera.inter essante..
Aita Carla
+1 # Aita Carla 27-11-2018 21:33
Perché il morire dentro è peggio del morire fuori. Devi viverlo due volte se non di più, ma credo che il tuo commento abbia battuto come tempismo il mio: grazie anche a te dell'attenzione offertami.
Aita Carla
+1 # Aita Carla 27-11-2018 21:26
Questo mio pezzo ha avuto più attenzione di quella che speravo.
Simone, la vita è un insieme di momenti: di dolore, di gioia, di sconforto. Tutto è un attimo. Spesso sono tanti attimi della stessa consistenza, purtroppo e l.amaro in bocca ce l'ho spesso ma dicono si chiami vita.
Grazie Henry, mio dolce segugio ;-)
Sì Antonio, una preghiera e, Aurelio, un padre l'avevo ma l'ho perso senza fare in tempo a conoscerne l'amore, l'aspetto fisico e caratteriale. Un anno e mezzo sono pochi per perdere un indirizzo di tale importanza per cui quello che posso permettermi di avere è un Dio Padre ché un Padre Dio non l'ho avuto.
Un abbraccio un ringraziamento a tutti voi!


Carla
Ibla
+2 # Ibla 27-11-2018 23:44
Ecco quello ne davvero ti è mancato nella vita: un padre.
È questo amore che cerchi, che sai di non poter conoscere in vita e quindi la tua è quasi una pretesa per quella che in fondo non consideri vera morte (se pensi ci possa essere un Dio padre che ti aspetta).
Sei una persona speciale. L' ho sempre saputo (da quando ti conosco).
Nel libro che hai pubblicato di recente ho potuto vedere come il tuo primo pensiero è dedicato alla tua mamma e poi di seguito a tutta la tua famiglia.
In fondo sei una gran coccolona, dolce, leonessa coccolosa!
Un saluto e tante stelle da Ibla.
Aita Carla
+1 # Aita Carla 28-11-2018 15:22
Roarrrr! Miau... mi hai descritta. Grazie per l.aiuto che hai dato per pubblicare il libro: è molto importante per me. Un abbraccio cara Ibla ee spero di ridiventare un giorno di nuovo tua collega. Ailoviu!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.