E intanto
che mi disfo,
che mi scompongo
in minuscole molecole
sempre più elementari,
si alzano le difese
del tuo cuore.
Non si
entra
dalla
cruna
del tuo ago,
neppure assumendo
l’indivisibile forma dell’atomo.
Ma se solo un giorno decidessi
di lasciarmi passare,
realizzeresti
che il mio
pensiero
è linea retta
che tende all’infinito,
e che la tua paura di morire
altro non è che la mia paura di vivere.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Charlie  

Questo autore ha pubblicato 614 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.