Cerco poesia in questo tempo strano
laddove so di non trovarla quasi più,
nei buchi tetri di solitudini taciute
o intorno ai tavoli dei bar deserti.

L’assenza di voci, non dico di sospiri,
insiste lungo le strade ingarbugliate
e plumbei i volti son ora diventati
nell’euforia della dura rassegnazione.

Qualcuno mi dica dov’è che son finiti
gli allegri caroselli di tante umili genti,
gli innocenti svolazzi d’ammiccanti gonne,
il blu immacolato dei vecchi jeans.

Metalli, argenti, bronzi e ori finti
si sono sostituiti ai riflessi della vita
e splende il luccichio d’indegna vanità
mentre la terra geme, insieme a me.

Ridatemi il prezzo che ho pagato
per l’illusione di abitare in pace
un campo che confortevole credevo
e che invece, inesorabile, mi esclude.

Cerco poesia in questo tempo strano...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 190 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

fintipa2
+1 # fintipa2 15-12-2018 13:24
mi chiedo: perchè il nostro tempo sia strano. E' quello che è. Negli anni passati ci sono state le guerre mondiali
che insieme all'orrore hanno partorito poeti grandi come Ungaretti, Eliot , Quasimodo per non parlare di Levi e Celan e Pound.
Ogni poeta riflette la sua epoca e la poesia non scompare mai dalla faccia della terra perchè è indissolubile
con le identità di chi si mette in ascolto del mistero del mondo, quella voce oracolare di cui parla Seamus Heaney.
Ecco, se c'è un mistero è la comparsa di un poeta, un fatto inspiegabile e del tutto casuale, raro come la genialità. la poesia è connessa al tempo che ha di fronte. Secondo me. Ciao
sasha
+1 # sasha 15-12-2018 14:20
Difficile trovare "poesia" di questi tempi! l'umanità si è eclissata dietro la tecnologia e l'uomo è sempre più solo... Mancano il dialogo, l'intesa, la tolleranza, il rispetto... l'amore e l'amicizia; tutto è così veloce ed effimero, a tratti fittizio.
Sai dove ancora riesco a trovarne un po'? Nella natura con le sue bellezze e nei bambini piccoli, quando ancora sono ingenui e si meravigliano di ogni cosa; ecco, lì... ancora c'è Poesia.
Davide Bergamin
+1 # Davide Bergamin 15-12-2018 14:38
E' evidente che sai come e dove trovarla. Certo questi tempi ci portano spesso una poesia amara. Grande lavoro, come sempre la tua sensibilità viene incorniciata da una perfezione incredibile nella profondità dei versi e nelle immagini. Grande Maestro.
Simone
+1 # Simone 16-12-2018 01:11
Eccola...e' dentro se stessi..anche se il resto è decisamente difficile da decifrare..bell issimi versi nostalgici ma così torneremo...dir ei che è ' un anticipazione di ciò che aspetta il cambiamento.... prima però di vedere iimplodere tutto questo tetro teatro...compli menti

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.