Paracadute a terra,
la sposa corre lo strascico di un kilometro
bacarozzi, barattoli di fagioli
vuoti sole piatti,
saperti qui prima di cena
è un gran sollievo per tutti noi
arpioni sulla strada,
pensieri ghiacciati ai poli magnetici.
Nella notte dei tempi
un rover aprì il fuoco su Marte,
sognavamo di raggiungere le stelle
con un balzo, ricordi?
L'attimo in cui la gravità della palpebra cederà
il gambo di un fiore,
una doccia a caldaia spenta
la testa, china, sulla croce.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: cordaccia*   Sostenitore del Club Poetico dal 23-12-2018

Questo autore ha pubblicato 58 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.