Sulla Distillerie Faucher

il ballerino a schiena nuda

prova un croisé e niente si avvicina

al senso d’ombra che permane

in richiami inventati

di tigli e nastri al vetro.

In rue d’Auffrey abbottonata

poche ore e un anno

si lascia andare giù

dalle lesene e muti

i mattoncini si colorano

di nebbia e vene esangui,

e abeti quelli spiantati

restano a far luce

come cuori in subbuglio

destinati l'uno all'altro a placarsi

in un ennesimo momento

un piccolo ago, verde di eternità.




1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 601 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.