Un giorno forse sarà
questione di sopravvivenza,
lasciare impronte sul fango
per trascinarsi nei labirinti
della propria malattia,
oppure distrarsi
dalla propria
missione
e almeno
per una volta,
non stare male.
Oggi però
si va
scalzi,
vulnerabili,
sopra un tappeto
di aghi di pino
dal vago
odore d’infanzia.
È tutto provvisorio,
tutto troppo volatile.
Vorrei saperla dipingere
questa pace che sfugge:
sarebbe un fermo immagine
dove il calore è quello del sole,
e dove il silenzio non è disturbato
dall’incalzare del tempo che passa.

“I had at one point this rather depressing image of some alien culture seeing the death of this planet - coming down in their spaceships and sniffing around; finding all our skeletons sitting around our TV sets and trying to work out why our end came before its time and they come to the conclusion that we amused ourselves to death..”
(Roger Waters)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Charlie  

Questo autore ha pubblicato 615 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Rita Stanzione*
+1 # Rita Stanzione* 13-01-2019 09:13
Leggerti è illuminante...u n caro saluto, Charlie
Charlie
# Charlie 14-01-2019 17:28
:roll: ciao Rita, grazie!
un abbraccio
charlie

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.